La rinuncia alla rivalsa nell’assicurazione R.C. Auto

0

La rinuncia alla rivalsa è una delle garanzie più utili tra quelle aggiuntive all’assicurazione R.C. Auto di legge.

Rinuncia alla rivalsa è sinonimo di maggiore tranquillità, ad un prezzo normalmente contenuto, motivo per il quale questa garanzia è, tra quelle aggiuntive, una delle più gettonate in assoluto.

Ma vediamo nel dettaglio cosa si intende per clausola di rinuncia alla rivalsa nell’R.C. Auto: partendo dal presupposto che l’assicurazione R.C. Auto risarcisce comunque i danni a terzi che noi possiamo compiere nella nostra carriera di guidatori, se dovessimo violare le norme elementari della circolazione ovviamente essa si rivarrebbe contro di noi. Le motivazioni più comuni per le quali può scattare la rivalsa da parte di una compagnia assicurativa sono la guida sotto l’effetto di alcool, psicofarmaci o sostanze stupefacenti oppure la violazione della norma riguardante il numero di passeggeri su di un’auto o una moto (ad esempio essere in sei su un’automobile immatricolata per cinque oppure essere in tre su di un motorino immatricolato per due). La clausola di rinuncia alla rivalsa ci salvaguarda, anche in questi casi di grave imprudenza (che comunque mi sento di sconsigliare a prescindere dal fatto che vi siate tutelati al riguardo!) dal dover restituire alla compagnia assicurativa i soldi del risarcimento danni a terzi.

rinuncia rivalsa assicurazione rc auto

Questa breve spiegazione dovrebbe fugare tutti i dubbi riguardo alla domanda: in caso di incidente sotto l’effetto di alcool, droga o psicofarmaci, l’assicurazione paga? Le riflessioni esposte valgono per ogni tipo di mezzo coperto da R.C. di legge, sia auto, moto, scooter o altro.

Al momento di stipulare una polizza auto dovrete ricordarvi di questa possibilità (in realtà dovrebbe contribuire a ricordarvela anche il vostro assicuratore o broker di fiducia!) e scegliere con attenzione la compagnia assicurativa che fa per voi anche valutando il fatto che le clausole di rinuncia alla rivalsa non sono tutte uguali!

Esistono le seguenti tipologie di sviluppo della clausola:

  • esclusione della possibilità di limitare o eliminare la rivalsa (è questo il caso peggiore, in quanto chi desiderasse la rinuncia alla rivalsa non potrà scegliere una compagnia che si comporta in questo modo)
  • limitazione della rivalsa senza sovrappremio: senza aumenti di premio la compagnia si obbliga a tenere indenne l’assiurato oltre una certa cifra o percentuale)
  • limitazione della rivalsa dietro sovrappremio: visto il basso costo di una rinuncia completa alla rivalsa questa modalità non mi entusiasma … meglio pagare pochi euro in più ed essere effettivamente tranquilli!
  • rinuncia alla rivalsa nei confronti del solo proprietario: sconsigliata se avete figli o parenti o amici che guidano la vostra vettura … in caso di guida esclusiva ovviamente può avere invece un senso
  • rinuncia totale alla rivalsa: è ovviamente la soluzione migliore, sia che venga prestata dietro pagamento di un sovrappremio sia che venga inserita gratuitamente. Consente una tranquillità totale.

Controllate anche che la rinuncia alla rivalsa sia efficace per tutte le eventualità più comuni (è infatti possibile che una clausola tenga indenni dall’incidente sotto l’effetto di alcool ma non di psicofarmaci o sostanze stupefacenti, oppure non copra le violazioni riguardanti la quantità di passeggeri a bordo). Altri discrimini da controllare sono l’eventualità che la rinuncia alla rivalsa copra o meno anche in caso di reati penali (pensate ad un caso di omicidio colposo alla guida, del danno economico che causereste, e del fatto di doverlo risarcire di tasca vostra!) e che copra anche i sinistri dopo il primo.

Non vi dico che dobbiate sentirvi obbligati a pagare per una rinuncia alla rivalsa, ma vi invito a riflettere seriamente sull’eventualità di includerla sempre, aggiungendo che ritengo sia quasi un dovere morale inserire questa clausola contrattuale nel caso non siate il guidatore esclusivo del vostro mezzo di trasporto ma altri membri della famiglia, amici o colleghi di lavoro ne facciano, seppure saltuariamente, uso con il vostro consenso anche implicito. Al di là del fatto che voi indubbiamente sarete sempre consapevoli di ciò che fate pensate al fatto che un collega abbia dovuto assumere uno psicofarmaco prima di guidare, o che il vostro figlio neopatentato, vuoi per ignoranza vuoi per distrazione, carichi un passeggero in più del dovuto … le conseguenze possono essere davvero penalizzanti anche in caso di assoluta buona fede!

A parte questa disquisizione sull’utilità della clausola di rinuncia alla rivalsa preciso che questa serve solo a coprire le conseguenze economiche del risarcimento R.C., ma non ci è di alcun aiuto per tutte le altre conseguenze derivanti da una violazione delle norme elementari della circolazione, in primis quelle relative alla guida in stato di ebbrezza, già descritte in questo post.

Share.

Commenta qui