diventare assicuratore 

Diventare assicuratore: non è proprio il sogno di chiunque, ma per fortuna qualcuno che vuole fare questo faticoso mestiere ancora si trova!

Nonostante la crisi economica (o forse anche a causa di questa!) non sono poi molti i giovani che si avvicinano a questo lavoro con l’intento di svolgerlo in maniera professionale e duratura, vuoi per l’impegno che l’attività richiede vuoi per la scarsa conoscenza della materia (che viene spiegata poco e facoltativamente nelle università di economia e per niente nelle altre scuole). La maggior parte delle persone che tentano di iniziare il mestiere lo fanno senza credere realmente di farne la propria carriera per la vita, tanto è vero che il tasso di abbandono è alto, ed alla fine le facce di chi opera professionalmente nel settore sono più o meno sempre le stesse!

In compenso ogni tanto qualcuno ci fa delle domande a cui è più o meno facile rispondere (vuoi con dati inconfutabili vuoi con opinioni e consigli personali), vediamo le più comuni:

  • Come diventare assicuratore? innanzitutto essendo in possesso almeno di un diploma di scuola superiore (la laurea in economia e commercio o in giurisprudenza per quanto utile è facoltativa, ma se avete la terza media la carriera vi sarà preclusa). Per diventare agente di assicurazioni (o broker) dovrete anche sostenere l’esame RUI, ovvero una prova scritta e orale che vi permette l’iscrizione al registro della categoria. Potreste anche valutare, e forse è la cosa più prudente, un periodo da subagente o collaboratore prima di lanciarvi nella carriera vera e propria, imparerete il mestiere avendo qualche supporto in più: il consiglio è di aprire un’agenzia in proprio solo quando vi sentirete davvero preparati a tutto!

  • Quanto guadagna un assicuratore? questa è forse la domanda più quotata, ma è quella che non ha una risposta univoca! dipende … potrei dirvi che alcuni agenti assicurativi o broker sono tra le persone più ricche d’Italia, altri (generalmente chi fa questo lavoro da poco tempo) non arrivano a fine mese. Solitamente, per come sono strutturati i guadagni nelle assicurazioni, si vedono pochi soldi a inizio carriera e sempre di più mano a mano che si va avanti!

  • Cosa fa l’assicuratore esattamente? ecco un’altra domanda la cui risposta non è così scontata! a grandi linee possiamo rispondere che si occupa della stipula e della gestione di contratti di assicurazione, e di fatto (anche se non sarebbe proprio questo il suo mestiere) della gestione dei sinistri facendo da tramite tra il cliente e la compagnia. Il lavoro è a contatto con il pubblico, ed occorrono, oltre a buone capacità commerciali, competenze tecniche nel campo assicurativo e una discreta organizzazione. Difficilmente passerete l’intera settimana in ufficio, spesso occorre muoversi per visitare i clienti!

  • Come scremare le offerte di lavoro nelle assicurazioni che meritano davvero da quelle meno interessanti? qua non mi sento proprio di offrire un metodo valido: direi presentandosi ai colloqui e valutando personalmente la serietà dell’ogranizzazione (e possibilmente degli assicuratori che vi lavorano!)

Le domande su questo lavoro non si esauriscono certamente qui -anche se ho cercato di selezionare quelle più “gettonate”- e probabilmente altri interventi verranno dedicati a questo argomento all’interno del blog (nel frattempo chi avesse dubbi o curiosità può scriverci direttamente qua nell’rea commenti!) … ricordate che fare l’assicuratore è bello ma … deve piacere!

 

Commenti

86 commenti a “Assicuratore: consigli e opinioni”

  1. Pietro De Martino on 26 Gennaio 2012 13:04

    Salve,
    mi chiamo Pietro De Martino e sono un militare in servizio permanente con contratto a tempo indeterminato. Per motivi personali ho deciso di cambiare lavoro e ho sostenuto un primo colloquio in Ina Assitalia per diventare agente monomandatario. Mi garantiscono, oltre alla formazione gratuita, l’entità della mia ultima busta paga (circa 1500 euro) per i primi sei mesi e dopo i primi 3 mesi avrò un portafoglio da gestire dai 50 ai 150 clienti. Sono previste provvigioni di acquisto e di incasso. Vista la mia esigenza di cambiare ed essendo la migliore offerta ricevuta (nessuna agenzia assicurativa mi aveva mai proposto 6 mesi al mio vecchio stipendio), sono molto tentato ad accettare anche se lasciare un impiego sicuro è sempre un rischio. Domani ho il secondo colloquio e penso dovrò dare una risposta. Grazie per gli eventuali consigli.
    Sig. Pietro De Martino

  2. assicuri.com on 30 Gennaio 2012 17:42

    Buongiorno Sig. Pietro
    il trattamento è sicuramente allettante, si sinceri tuttavia su quelle che saranno le sue mansioni, poiché Ina Assitalia ha spesso metodi di lavoro che privilegiano le polizze vita su quelle danni, con provvigioni non ricorrenti e a volte con richieste di strappare referenze ad amici e parenti.
    Se non le parleranno di referenze e le daranno provvigioni ricorrenti accetti, diversamente non vedo la convenienza nel lungo periodo.

  3. Pietro De Martino on 6 Febbraio 2012 20:49

    La ringrazio per tutte le informzioni. Ho sostenuto il secondo colloquio e la responsabile della selezione sembra sia rimasta ben impressionata dal sottoscritto. Mi è stato garantino che solo inizialmente lavorerò sulle polizze previdenziali perchè di più semplice gestione nel primo periodo e dopo potrò allargare il mio ambito a quelle danni e a tutti gli altri prodotti dell’agenzia. Ho chiesto esplicitamente riguardo le referenze e mi è stato detto che è un’eventualità assolutamente da escludere, mentre per le provvigioni non sono entrati nel dettaglio parlando di percentuali ma mi è stato ripetuto che sono previste oltre a quelle d’acquisto (per ogni nuovo cliente che stipula una polizza) anche quelle d’incasso sul portafoglio che mi verrà assegnato (il vecchio cliente che versa ad ogni scadenza stabilita dalla condizioni della sua polizza già in essere). Da parte mia inoltre ho posto come condizione imprescindibile che mi venisse garantito l’importo della mia ultima busta paga per i primi sei mesi così come promesso precedentemente. La responsabile infine ha terminato il colloquio riferendomi che sono idoneo all’incarico ma che per avallare la mia richiesta aveva bisogno dell’assenso degli agenti generali, essendo quest’ultimi i responsabili delle decisioni finanziarie dell’agenzia. Sono quindi ora in attesa che loro mi contattino per la definitiva conferma.

    Grazie ancora per l’attenzione.
    Pietro

  4. francesca on 27 Febbraio 2012 20:02

    Salve,
    mi chiamo Francesca e sono attualmente impiegata presso un’attività che mi frutta, come netto mensile, uno stipendio di 800euro. Lavoro dal lunedì al sabato mattina e, purtroppo, non ho un titolare che mi permette bonariamente di usufruire di permessi in caso di necessità. Straordinari non pagati, ma almeno lo stipendio è preciso e non muovo granchè mani. Mi è stato offerto da una grossa compagnia di assicurazioni, l’apertura di un ufficio presso un paese di provincia dove dicono ci sia una grossa opportunità di produzione. Il fisso offertomi è di 500euro netto e devo aprire una partita iva. Sono 33enne e quindi adesso ho dei costi relativamente bassi a livello di quest’utima. Mi chiedo se una semplice ragioniera che non ha mai esercitato tale mestiere, totalmente o quasi profana alla contabilità e quant’altro del campo, possa sopravvivere in questo lavoro..

  5. assicuri.com on 28 Febbraio 2012 12:22

    Buongiorno Francesca
    domanda difficile alla quale rispondere … sicuramente le variabili fondamentali sono quelle che ho esposto alcuni giorni fa al sig. Pietro, ovvero
    - predilezione verso le polizze danni
    - quantità di portafoglio che le verrà assegnato
    - metodologia di lavoro che non prevede lavoro su referenze o comunque qualsiasi forma di multilevel marketing
    Più, se si gestisce l’agenzia come monomandatari, la bontà delle tariffe e delle scontistiche a disposizione.
    Il lavoro è faticoso e sicuramente dovrà studiare parecchio, chi lavora bene nel lungo periodo va ben oltre gli 800 € netti, ma c’è da fare sia a livello di preparazione sia a livello di capacità commerciale, più un pizzico di fortuna nel trovare una compagnia che mantenga tariffe competitive nel tempo (diversamente tocca cambiare compagnia o aggiungere nuovi mandati, con tutto ciò che consegue).

  6. simone on 27 Marzo 2012 19:48

    salve
    ero iscritto alla sez e del rui ed ho lavorato per l ina assitalia 2 anni.sono andato via e gli agenti mi avevano detto che perdevo il mandato ma non lìiscrizione al rui che invece è avvenuta dopo poco tempo come prevedevo. perchè
    ?
    grazie

  7. assicuri.com on 30 Marzo 2012 10:57

    Buongiorno Simone
    credo che dipenda dalla modalità con cui la hanno disiscritto da Ina Assitalia, poteva immagino rimanere come “inattivo” ma non avranno richiesto tale modalità … nella pratica in ogni caso credo cambi assai poco!

  8. Antonio on 10 Maggio 2012 17:50

    Salve,
    ringraziandola anticipatamente per i preziosi consigli che leggo su questo blog, avrei bisogno di un suo parere.

    Mi è stato proposto da Ina Assitalia un inquadramento come consulente junior (mandato di subagenzia con partita iva), con fisso mensile di 1000 euro + eventuali provvigioni.
    In fase di colloquio sono stati molto vaghi ed io essendo nuovo in questo mondo non ho saputo formulare domande mirate.
    Sapendo che Seguirò un corso e sosterrò un esame per iscrivermi al rui, che inizialmente non avrò un portafoglio clienti (non ne sono certo ma so che il procacciamento avverrà attraverso telemarketing e “passaparola”) lei consiglierebbe di accettare anche solo per un eventuale breve esperienza lavorativa che potrebbe arricchirmi o mi consiglia di cercare agenzie più serie che possano garantire maggiore professionalità?

  9. Vivian on 14 Maggio 2012 16:04

    Salve, ho 26 anni e sono in cerca di un lavoro. Tra i tanti curricula mandati in risposta a vari annunci, ne ho mandato uno anche a Ina Assitalia. Ho già fatto 3 colloqui e sembrava tutto andar bene, mi ero quasi illusa di aver trovato un lavoro, ma al terzo colloquio mi si è accesa una campanellina d’allarme e cioè, le due ragazze con le quali ho parlato, mi hanno precisato che in azienda devo portare i tacchi e sono vietati i jeans (e potrebbe starci), e che dovrò trovare referenze.. e che dovrò avere un aspetto super curato.. Mi hanno detto che per i primi 4 mesi guadagnerò un fisso mensile di 800 euro più 300 euro per ogni appuntamento da me fissato la cui trattativa andrà a buon fine (e questo non è che mi convince tanto). Dovrò fare un corso di 10 giorni alla fine del quale sostenere un esame per essere iscritta all’albo degli assicuratori. La mia domanda è: essere iscritti all’albo comporta aprire una partita iva?? Posso fidarmi?

  10. assicuri.com on 14 Maggio 2012 19:55

    Buongiorno Vivian
    indipendentemente dalla partita IVA come ci si può fidare di una persona che per fare un lavoro tecnico come l’assicuratore parla di portare tacchi obbligatoriamente, avere provvigioni fisse indipendentemente dalle polizze stipulate e soprattutto chiedere referenze?
    Mi permetto di suggerirle di trovare un’altra compagnia assicurativa o quantomeno un’agenzia Ina Assitalia più seria, chi si comporta così più che un assicuratore sta cercando un piazzista.

  11. Edoardo on 18 Maggio 2012 10:59

    Buongiorno,volevo avere solo un’informazione lampo se è possibile: un portafoglio di circa 1 milione e 500 mila euro con la generali come è valutabile? E’ un ottimo portafoglio? Grazie per la risposta!

  12. assicuri.com on 18 Maggio 2012 19:51

    Buongiorno Edoardo
    difficile rispondere senza sapere quanto è sano il portafoglio e che tipo di polizze contenga … se fossero tutte polizze danni in ottima salute lo reputerei buono!

  13. Maurizio on 9 Luglio 2012 02:30

    Salve sono Maurizio e lavoro da 3 mesi presso Alleanza assicurazioni. Principalmente il campi in cui si lavora di più sono quello previdenziale e quello vita. I prodotti a nostra disposizione sono limitati in quanto aziende e automobili sono ancora un miraggio. Quello che vorrei sapere è come poter aumentare i contatti (al di fuori del portafoglio clienti che è stato troppo sfruttato e al di fuori delle mie conoscenze personali) in modo da aumentare il numero di appuntamenti. Inoltre vorrei sapere come reputate Alleanza Assicurazioni rispetto alle altre compagnie. Un grazie in anticipo.

  14. giovanni on 30 Luglio 2012 15:10

    Buongiorno
    ho fatto un colloquio presso la filiale di Direzione delle Generali. L a figura ricercata è laureato per consulente assicurativo. L’offerta è di apprendistato per 18 mesi e poi contratto a tempo indeterminato. Offrono fisso di 500 euro più incentivi e provviggioni. Ho passato il primo step e mi hanno chiamata per il secondo ed ultimo.
    I percorsi di carriera che hanno presentato sono allettanti e anche i guadagni pero’ le compagnie assicurative mi danno sempre una sensazione di truffa. L’unica cosa che mi spinge ad accettare è il contratto a tempo indeterminato allo scadere dell’apprendistato…Che ne pensate???

  15. assicuri.com on 31 Luglio 2012 10:49

    @Maurizio
    personalmente non ammiro il modo di lavorare di Alleanza Assicurazioni, che spesso porta problemi sia ai clienti che agli assicuratori stessi … del resto lei stesso mi parla di portafoglio sfruttato e necessità di aumentare il numero di appuntamenti, io le consiglierei di orientarsi verso una compagnia che abbia più prodotti vendibili.
    @Giovanni
    l’offerta sembra sufficientemente buona per tentare … che le assicurazioni siano o meno una truffa lo stabilisce il suo modo di venderle, un prodotto assicurativo in sè non ha mai truffato nessuno, anzi! come dico sempre è come vendere auto … la Fiat Panda è un’auto onesta, l’importante è non spacciarla per un prodotto con le caratteristiche di una Ferrari Testarossa o una Jeep Wrangler!

  16. marco on 31 Agosto 2012 22:27

    Salve oggi ho fatto un colloquio con A1holding. mi dicono e leggo sui siti che un’agenzia abbastanza giovane. Quello che mi hanno proposto è di vendere prodotti finanziari per lo più mirati a piani pensionistici. Fisso niente e solo provvigioni e in maniera sottile mi hanno chiesto che dovrei essere io a proccacciarmi i clienti all’inizio dalla mia rubrica.
    La società è solida, e possibile che non propongono nessun tipo di fisso?

  17. assicuri.com on 3 Settembre 2012 16:02

    Buongiorno Marco, il fatto di lavorare solo a provvigioni senza un fisso è normale in questo lavoro, io più che altro rifiuterei l’idea di procacciarmi clienti dalla rubrica e punterei su un portafoglio.

  18. marco on 5 Settembre 2012 19:57

    Buonasera, grazie per la celere risposta e scusa se insisto ma sulla serietà dell’azienda A1holding che giudizio puoi darmi? mi sono documentato ed in pratica ha inglobato la 1first..che a sua volta non ha fatto una gran bella figura sul mercato..
    Ecco mi piacerebbe sapere se magari sia il caso di iniziare la carriere con altri marchi più riconosciuti.Grazie

  19. assicuri.com on 6 Settembre 2012 11:01

    ad essere sincero non so moltissimo su A1 holding, se non che è una realtà molto commerciale, in cui il piazzare polizze è assai importante oltre al lavoro di consulenza proprio del vero assicuratore … non mi sento né di consigliarla né di sconsigliarla, certo iniziare da qualche compagnia tradizionale anche se piccola, evitando quelle che richiedono una produzione di polizze vita “semiobbligatoria” sarebbe una buona idea.

  20. Claudio Puccio on 20 Settembre 2012 13:30

    Salve, oggi ho fatto il secondo colloquio con INA assitalia agenzia nord (Palermo). Sarei stato preso per fare un corso di una settimana e poi iniziare il mio lavoro di consulente previdenziale (dovrei in pratica vendere polizze) e mi è stato consigliato di avvisare subito parenti ed amici. Leggendo qualcosa su vari forum, il 99% delle persone ne parlano in maniera pessima, dicendo che andrai a truffare le persone senza neanche avere la ceretzza di guadagnare granchè. Premetto che non mi è stato garantito nessun fisso ma lavorerei soltanto a provvigioni sulla cui entità non ho avuto dettagli. Non saprei che decisione prendere. Grazie per l’attenzione.

  21. assicuri.com on 21 Settembre 2012 12:00

    Buongiorno Claudio
    diciamo che se truffarle o meno spetta alla sua integrità morale e al suo buon senso (già dal fatto che legga e chieda informazioni direi che non è intenzionato a farlo!) … mi spiego meglio, i prodotti non sono una truffa, ma per essere venduti spesso vengono spacciati per ciò che non sono da consulenti desiderosi di produzione e provvigioni … diciamo che se vuole guadagnare meglio e in maniera onesta e intraprendere una carriera veramente duratura sarebbe meglio orientarsi verso compagnie che lavorano orientate verso i rami danni e che -cosa importante- non la brucino immediatamente chiedendo di contattare parenti e amici.

  22. Luca on 22 Settembre 2012 12:01

    ciao..volevo chiederti una cosa..io sono un giovane di 18….in mancanza di lavoro ho deciso di andare a fare l’assicuratore..volevo un consiglio…è meglio iniziare da un azienda rinomanta come l’ina o l’axa oppure da un azienda nuova come l’ A1 holding??perchè un mio amico ci lavoro all’A1 e mi ha detto che se voglio mi fissa un appuntamento..però leggendo ho trovato che l’A1 per un giovane è una società diciamo difficile da avviarsi

  23. Claudio Puccio on 23 Settembre 2012 13:46

    La ringrazio molto per la risposta. In questo momento ho rifiutato perchè mi è stato detto che comunque le selezioni per questi lavori continuano sempre (anche dalla stessa agenzia che mi aveva assunto), in attesa di trovare qualcosa di diverso. La ringrazio ancora, a presto.

  24. assicuri.com on 23 Settembre 2012 19:45

    @Luca
    a titolo personale tra le 3 l’unica che prenderei in considerazione è l’Axa, poiché c’è meno pressione per la produzione di polizze vita rispetto all’Ina ed è senz’altro una realtà più assestata di A1 Holding … il metodo Ina non è il migliore per chi voglia iniziare questo lavoro con una prospettiva, ricordiamolo.
    @Claudio
    mi sembra una scelta sensata la sua, le auguro buona fortuna, ci risentiamo all’occorrenza.

  25. Luca on 23 Settembre 2012 23:22

    ma per quanto riguarda la A1 come la giudichi??sarebbe comunque facile avviarsi oppure rispetto all’axa non ce paragone???e su che tipo di polizze lavorano queste 2???

  26. Luca on 23 Settembre 2012 23:24

    quale è la migliore agenzia assicurativa in cui avviarsi??e ovviamente anche nel tempo intendo…

  27. assicuri.com on 24 Settembre 2012 09:41

    Personalmente ritengo che essendo Axa un marchio noto e solido (e sicuramente competitivo anche in prodotti di entrata come RC Auto e moto) non ci sia paragone … la migliore agenzia non esiste, esistono alcune agenzie di alcune compagnie che eviterei, tutto qui!

  28. davide on 24 Settembre 2012 09:42

    @ Luca: “.in mancanza di lavoro ho deciso di andare a fare l’assicuratore..”piu che altro il produttore…non sono piu i tempi in cui i produttori resistevano piu di 1 anno c/o le varie agenzie…la maggior parte ha più passato che futuro..in mancanza di lavoro consiglio di studiare..cosa che dovresti fare in ogni caso anche andando a vendere polizze in considerazione del fatto che poco o nulla viene spiegato nei c.d. corsi formativi.
    Un saluto.

  29. davide on 24 Settembre 2012 09:44

    @LUCA: oppure iniziare un lavoro serio c/o un’agenzia che ti permetta di imparare il lavoro nell’ottica , un domani, di rilevare il portafoglio agenziale , dopo chiaramente il FAMIGERATO esame di iscrizione al rui sezione A!

  30. Luca on 24 Settembre 2012 11:48

    @davide..non ho capito 2 cose..
    1)nel primo commento dove dici “non sono piu i tempi in cui i produttori restistevano piu di un anno c/o le varie agenzie”
    2)nel secondo commento quando dici”inizia un lavoro serio c/o un agenzia che ti permetta di imparare il lavoro nell’ottica”..che tipo di agenzia parli???

  31. davide on 24 Settembre 2012 12:30

    @Luca:
    1) Dietro al mio ufficio si trova l’ina , tutte le mattine intorno alle 8 partono almeno una ventina di produttori con le loro cartelle nel tentativo di cercare clienti cui piazzare contratti vita (i rami danni interessano poco o nulla)…tutti gli anni devi mantenere un certo trend altrimenti l’agenzia non ha interesse a mantenerti e tu stesso che a parte un fisso, lavori a provvigione, non hai interesse a continuare
    .Una volta che hai passato in rassegna parenti et similia, dove vai a sbattere la testa?
    2) se riuscissi , tramite conoscenze o proponendoti tu stesso, a cominciare una collaborazione con un’agenzia nell’ottica di farti passare il portafoglio da qua a 2 anni, pagandolo chiaramente, sarebbe maggiormente proficuo che non altre strade…ci sarebbe in ogni caso lo scoglio dell’esame al rui che negli ultimi anni è diventato arduo..

  32. davide on 24 Settembre 2012 12:35

    @luca,
    se non sei veramente motivato non è un lavoro con un grosso futuro..ti faccio un esempio…facciamo che sei agente iscritto al rui sezione a ..richiedi un mandato assicurativo..99 su 100 non te lo danno… le compagnie di assicurazioni ti richiedono almeno e dico almeno 500.000,00 euro di portafoglio..ben miscelato nel rca/r.e. e con una scarsa incidenza p/s ( premi / sinsitri )..si sta andando verso un era in cui lavoreranno solo grosse agenzie/broker/banche..non esisterà piu la figura del piccolo agente con cui fai 2 chiacchiere quando vai a prendere la polizza dell’auto..

  33. Luca on 24 Settembre 2012 12:43

    @davide
    allora cosa mi consigli di fare??togli la scuola che non ho voglia di studiare…non che sia un fannullone..ma l’impegno ancora x 3-5 anni con ogni giorno il peso dello studio non mi va…cosa mi consigli allora??

  34. davide on 24 Settembre 2012 16:19

    @luca,

    premettendo che se non hai un diploma neppure ti prenderebbero a lavorare c/o un’agenzia nè potresti sostenere l’esame da agente, credo che questo sito non sia adatto per discutere di questioni non concernenti il campo assicurativo. in bocca al lupo. Davide.

    ps: prova qualche agenzia interinale di lavoro.

  35. luca on 24 Settembre 2012 22:43

    buonasera.da circa 2 anni lavoro presso ina assitalia raggiungento buoni risultati.ho 550 euro di fisso riparametrato e una scala proviggionale che mi consente di arrivare a fine mese con uno stipendio decente.Fate attenzione,il fisso riparametrato dipende dalle polizze vita emesse, quindi se non si ha una certa continuità,non viene dato. la mia domanda è questa: giorni fa mi è stata fatta una proposta da un’altra compagnia,Itas per la precisione.Si tratta di 600 euro al mese di fisso, 600 euro al mese a raggiungimento obiettivo e provvigioni.Entrerei come referente vita,arrivando da una scuola “vitaiola” ma con un minimo di produzione anche per quanto riguarda i danni.Ora…lascio l’ina e il portafoglio di angenzia sulla quale stavo lavorando e mi butto in una nuova impresa lavorando sul nuovo oppure rimango dove sono? ho davvero un grosso dubbio! Premetto che all’ina nonostante il grosso impegno che richiedono me la sono sempre cavata egregiamente diventando capogruppo. grazie per il consiglio

  36. assicuri.com on 25 Settembre 2012 11:23

    Buongiorno Luca
    il mio è ovviamente un parere personale, ma le direi di cambiare senza pensarci su due volte, per una serie di motivi tra cui i primi due:
    il metodo di lavoro, sicuramente più avanzato e piacevole in Itas che in Ina Assitalia
    la possibilità di approfittare di tariffe favorevoli su auto, moto e autocarri (che oltre a garantire di fatto un nuovo fisso aprono le porte a trattative per ben altri contratti)
    secondo me c’è solo da guadagnare, poi ovvio che i conti ognuno se li deve fare per conto proprio ma sono certo che lei questo lo sa già.

  37. luca on 25 Settembre 2012 23:22

    grazie per il suggerimento.
    Sto prendendo seriamente in considerazione di andarmene.Devo molto a ina perchè mi ha sicuramente formato e con i loro metodi abbastanza agressivi mi hanno fatto crescere.Ma penso sia il momento giusto per andarmene.

  38. massimo on 28 Settembre 2012 22:55

    Salve, vorrei un suo consiglio.
    Ho avuto un colloquio presso un’agenzia alleanza toro come consulente assicurativo ramo vita.Mi hanno offerto, ovviamente, nessun fisso ma per ogni polizza 250 euro con un portafoglio clienti. Cosa ne pensa? grazie cordiali saluti

  39. assicuri.com on 30 Settembre 2012 21:53

    Buongiorno Massimo
    passi per l’assenza di fisso, ma le provvigioni fisse indipendentemente dall’importo della polizza secondo me non hanno senso … le consiglio di andare dove puntino maggiormente sul ramo danni.

  40. massimo on 1 Ottobre 2012 21:00

    Mi danno anche il telefono aziendale come dissero. Mi può dire lei qualche nome di compagnie che puntano di più sul ramo danni? grazie

  41. assicuri.com on 1 Ottobre 2012 21:41

    In linea di massima direi quasi tutte, a parte Alleanza e Ina Assitalia, ovviamente in sede di colloquio le diranno che produzione vogliono.

  42. massimo on 1 Ottobre 2012 21:55

    Oggi mi hanno chiamato e mi hanno detto che mercoledi inizia il corso ho detto si ma sono indeciso leggendo questo blog….

  43. hui on 7 Ottobre 2012 20:47

    io sono straniero ,ho frequentato fino la scuola superiore in italia,adesso ho 22 anni sto cercando un lavoro,non so se posso fare un agente o collaboratore assicurativa .

  44. assicuri.com on 9 Ottobre 2012 17:11

    Buongiorno Hui
    agente no perché occorre prima avere passato l’esame di abilitazione (e comunque la carriera non è immediata), collaboratore perché no, ha un diploma italiano, se le piace può provarci.

  45. Lorenzo on 25 Ottobre 2012 15:42

    Salve,ho lavorato per un anno presso Alleanza Assicurazioni,dove ho stipulato diversi contratti vita.Nonostante tutto,come ho gia letto nel blog,il modo di lavorare in Alleanza è secondo me vergognoso,fatto di continui stress sia ai clienti sia agli Intermediari.Per questo ho deciso di andare via,considerando il fatto che il mondo assicurativo mi piace molto,ho colto un opportunita’ in un’altra Compagnia,Allianz Ras dove c’è la possibilita di vendere prodotti assicurativi a 360 gradi.Volevo chiedere un parere sul cambiamento fatto e consigli veri su come svolgere l’attivita di assicuratore a 360 gradi e metodi per acquisire clienti,considerando che sono agli inizi(ho 21 anni) e che nn godo di un portafoglio clienti,ne di un fisso,(molto comune in ambito assicurativo)e di consigli su come impostare la giornata lavorativa e renderla fruttuosa! Grazie

  46. Janis on 25 Ottobre 2012 17:42

    Salve, lavoro come subagente per Cattolica Previdenza da meno di un anno, come da prassi ho fatto un corso di formazione sostenendo alla fine l’esame per l’iscrizione al RUI. I primi mesi ho lavorato bene, il problema è che da tempo non riesco più a concludere polizze e quindi il mio guadagno è nullo, in quanto esso dipende sempre dal raggiungimento dell’obiettivo … Giorni fa ho fatto un colloquio con A1 Holding, mi hanno proposto un trattamento solo provvigionale senza fisso, ma il ventaglio di prodotti trattati è sicuramente più ampio. Sono indecisa se lasciare o meno la mia società per un’altra meno nota che però mi prospetta anche una crescita nel tempo. Grazie.

  47. rebecca on 25 Ottobre 2012 18:43

    salve a tutti dovrei incominciare un lavoro con un assicurazione molto conosciuta …. si sa che questo tipo di lavoro non ha limiti nello stipendio vorrei capire i primi guadagni insomma … per il primo mese per farmi un idea visto che vorrei ampliare i miei orizzonti …

  48. assicuri.com on 28 Ottobre 2012 22:02

    @Lorenzo
    appoggio la sua scelta … consigli è difficile darne, Allianz è forte in molti rami, partire dall’auto se la tariffa è concorrenziale è secondo me l’idea migliore, si faccia conoscere, senza stressare i clienti con telemarketing, ci vuole tempo ma le soddisfazioni arriveranno sicuramente.
    @Janis
    detta così non vedo molti vantaggi, fossi in lei cercherei di fare polizze danni e non contratti vita.
    @Rebecca
    dipende dai prodotti, se sono polizze danni (specialmente RC Auto) inizierà a guadagnare dai primi giorni, se sono polizze vita lavorando onestamente ci si mette di più, e in genere non è il tipo di assicurazioni su cui punterei adesso.

  49. Lello on 8 Novembre 2012 13:21

    Salve, vorrei porre una quesito, un pò particolare, in pratica, una compagnia assicurativa (estera)di cui non faccio il nome, dopo che io e la mia compagna, (lei è dello stesso paese della suddetta compagnia)li abbiamo contattati, loro hanno avviato la procedura di abilitazione nel nostro territorio, tramite ISVAP. per aprire una sede in Italia, questo è solo l’inizio, dato che la stessa compagnia invierà i nostri dati all’ISVAP.. per quanto riguarda l’iscrizione al RUI, nella sezione A,ora mi chiedo, è possibile che mi diano una licenza temporanea per operare nel settore? dato che mi è stato riferito che anche prima dell’esame che si terrà a giugno prossimo, potremo già avviare la sede, in quanto, saremo partner esclusivi, in territorio estero rispetto alla sede principale della compagnia!

  50. Fico on 10 Novembre 2012 18:33

    Buonasera,

    chiedo cortesemente informazioni in merito a Sara Assicurazioni del gruppo ACI. Sembra interessante perchè copre tutti i rami.

  51. assicuri.com on 11 Novembre 2012 15:23

    @Lello
    non ho mai sentito di persone iscritte in sezione A senza essere agenti, ma se l’Isvap le conferma quanto le hanno detto in questa compagnia estera direi che non ci saranno problemi.
    @Fico
    sì è una buona compagnia (non dica grupo ACI però, quello è un automobile club mica un’assicurazione!).

  52. Naomi on 12 Novembre 2012 13:04

    Salve, ho letto con molto interesse tutti i precedenti post e commenti.
    Vorei siegarle la mia situazione: ho 21anni e lavoro presso Ina assitalia da esattamente 1 anno. Durante questo tragitto, ho ricevuto un sacco di promesse non mantenute, ma il lavoro mi piace, e sono andata avanti a testa alta, nonostante abbia bruciato un sacco di contatti personali, e abbia avuto un sacco di pressioni, guadagnando poco e senza fisso. A giugno c’è stato un cambio di Agenti Generali (realmente i nuovi hanno fatto accesso ad agosto). Loro vengono da un altra compagnia, hanno modi di lavoro diversi da tutte le altre compagnie Ina, e vogliono che impariamo a lavorare a 360° sui clienti, cosa che all’Ina normalmente non interessa (come ben sa, prediligie polizze vita ed è questo che insegna ai nuovi collaboratori). Sono l’ultima arrivata della mia agenzia e la più piccola d’età, con meno esperienza e l’unica senza portafoglio e fisso. Non avendo la conoscenza che loro vogliono, mi hanno promesso una formazione completa, in modo da poter diventare autonoma, un affiancamento, e una crescita. Il problema è che avendo preso in mano l’agenzia praticamente ora, con un sacco di problemi dovuti al cambio, non hanno “il tempo” da dedicarmi, quindi la formazione aggiuntiva va a rilento, e principalmente la cosa la devo fare da sola (e non è semplice, anche se ho già tutte le basi del vita). Fatto sta che non vedo guadagno, i clienti continuo a dovermeli cercare io (e dopo aver finito i contatti personali è veramente difficile…come trovarli??) Non so se mollare, lasciare il lavoro di assicuratore, o cambiare agenzia. Il lavoro in sè per sè mi piace e le iniziative e intenzioni dei nuovi Agenti Generali sono decisamente migliori, tutti i miei colleghi sono migliorati, hanno espanso il loro portafoglio, e vivono una realtà diversa e più tranquilla, io sono l’unica ancora nel “limbo”. Cosa mi consiglia di fare? Attendere con pazienza e cercare di cambiare qualcosa? Ma come?
    Grazie con anticipo per l’attenzione e la risposta.

  53. assicuri.com on 14 Novembre 2012 17:54

    Buongiorno Naomi
    io le direi che è una ragazza fortunata ad avere trovato degli agenti Ina che vogliono lavorare anche sul ramo danni, ovviamente attendere o andare sul mercato sono le due opzioni, forse è meglio la seconda … contatti aziende, negozi, oppure -ipotesi da non scartare- cerchi lavoro in una compagnia con tariffe competitive ad esempio nell’RC Auto, partendo da lì sarà tutto più semplice.
    Ha ragione a lamentarsi che le hanno fatto bruciare molti contatti con le polizze vita, purtroppo sono anni che ci battiamo contro questo metodo, ma l’Ina Assitalia spesso sembra cieca e sorda alle nostre lamentele.

  54. Lello on 14 Novembre 2012 22:01

    Salve, sapresete dirmi se c’è la possibilità che ci siano gli esami al RUI sez. A, anche prima di giugno? che solitamente è il periodo degli esami, se non erro!
    ho saputo che a volte diano due sessioni, durante l’anno.
    Vi ringrazio anticipatamente!

  55. assicuri.com on 15 Novembre 2012 10:48

    Buongiorno Lello
    difficile fare previsioni, le posso dire che ultimamente stanno evitando la saturazione degli agenti e preferiscono poche sessioni abbinate a grande selezione.

  56. Lello on 16 Novembre 2012 14:31

    La ringrazio per la risposta!
    Quindi, bisogna attendere l’uscita del bando, che è a Dicembre, se non sbaglio!
    grazie ancora!

  57. rino on 17 Novembre 2012 06:29

    salve io nell anno 2005 ho subito un incidente stradale,ero su uno scooter come trasportato,e riporto frattura del femore,clavicola trauma cranico,fatto sta che 3 anni fa faccio la visita medico legale e automaticamente fallisce l assicurazione che mi deve risarcire la mia domanda è riuscirò a essere risarcito?grazie mille attendo una vostra risposta

  58. Pamela on 21 Novembre 2012 16:23

    Buongiorno,
    sono stata contattata da InaAssicurazioni per un’offerta di lavoro come sub agente. Hanno parlato di un fisso di 750€ lordi per il primo mese più provvigioni, ma non mi è chiara una cosa: il fisso l versano anche nel caso per il primo mese non si concludano contratti? Per accettare il lavoro dovrei sostenere delle spese di vitto e alloggio, per le quali mi farebbe comodo avere la certezza di un rimborso (seppur minimo…).

  59. assicuri.com on 22 Novembre 2012 18:08

    @Rino
    mi sembra un po’off-topic la sua domanda, ma posso dirle che se residueranno soldi dalla liquidazione della compagnia (si ricordi che le compagnie di assicurazioni non possono fallire!) verrà risarcito.
    @Pamela
    in linea teorica decidono di volta in volta se dare o meno il fisso … ovvio che vista la metodologia di lavoro di Ina Assitalia (votata principalmente al ramo vita) la prospettiva di sobbarcarsi le spese di vitto e alloggio io la sconsiglierei.

  60. Jacopo on 13 Dicembre 2012 15:30

    Buongiorno.

    Complimenti, ho letto con interessa i suoi consigli riguardo la selezione delle Compagnie. Io ho iniziato da 1 mese a lavorare con Allian-Ras, più che altro vorrei chiederle qualche consiglio riguardo ai metodi di produzione, escludendo naturalmente famigliari, parenti ed amici, come fare a trovare ulteriori clienti?? Ed inoltre qualche consiglio per vendere polizze come casa, infortuni, malattia, invece di fossilizzarsi sull’RCauto.

    Grazie. Cordiali saluti.

  61. assicuri.com on 13 Dicembre 2012 16:04

    Buongiorno Jacopo
    il metodo più classico è alzare il telefono e chiamare la gente, a meno che non voglia aspettare il passaparola (se si lavora bene i risultati arrivano anche così, ma in maniera tutt’altro che immediata).
    Per vendere bisogna conoscere bene i prodotti, avere tariffe buone e soprattutto proporre!
    Il momento non è dei più propizi, ma se si offre di confrontare le polizze che la gente ha già con i suoi preventivi i risultati arriveranno se tariffe e competenza sono ok!

  62. Matteo on 14 Gennaio 2013 19:41

    Salve.
    Collegandomi al suo ultimo post, potrebbe darmi qualche consiglio per un telemarkentig efficiente verso clienti a freddo ? Mi spiego meglio… Vorrei innanzitutto abbozzare uno script di base (mi manca sapere cosa dire), dopodichè chiamare più persone possibili. Sono dell’idea che il telemarketing sia uno strumento fondamentale per procacciare nuovi clienti e per questo vorrei farlo nel miglior modo possibile.
    Lei per una chiamata a freddo cosa direbbe?
    Grazie

  63. assicuri.com on 15 Gennaio 2013 13:35

    Buongiorno Matteo
    personalmente per una questione di ottimizzazione dei tempi ho sempre pensato che la cosa migliore fosse … dire né più né meno che la verità, ovvero che sei un assicuratore con prodotti che interessano a (categoria prescelta) con buone condizioni e tariffe vantaggiose e che vorresti parargliene di persona perché sei convinto che la cosa sia davvero interessante. Non è il metodo che porta a più appuntamenti, ma troverai il “sì” solo di persone interessate, che non ti faranno perdere tempo … e alla peggio puoi giocarti in corner il classico preventivo per l’auto, se sei uno che punta anche a quello.

  64. ernesto on 16 Gennaio 2013 18:16

    Salve, sono un ragazzo di 21 e ho gia effettuato il secondo colloquio presso Ina assitalia della mia citta. Il contratto sarebbe di 500euro di fisso piu proviggioni (200 a appuntamento). Prima di questo ovviamente dovrei superare l’esame. I miei dubbi sono: costi eventuali a mie spese; nessuna esperienza precedente nel campo (ovviamente sarò affiancato da gente esperta);se in tempi come questi le proviggioni vadano considerate `irraggiungibili`. Vorrei sapere qualcosa in merito a questi interrogativi. Grazie.

  65. cristina on 17 Gennaio 2013 15:05

    Buongiorno,
    alcune settimane fà il mio titolare (agente) mi ha suggerito di dare l’esame IVASS 2013 per agenti e broker.
    Al di là dei dubbi e titubanze in merito, volevo innanzitutto avere un opinione ed in secondo luogo nel caso in cui riuscissi a superare l’esame ma non volessi avviare subito tale carrriera, l’iscrizione al registro intermendiari assicurativi quanto dura??? ed infine una volta superato l’esame, nel caso invece volessi iniziare subito l’eventuale carriera quali sono gli step successivi da fare??

  66. assicuri.com on 17 Gennaio 2013 16:57

    @Ernesto
    irraggiungibili? 200 euro ad appuntamento sono la cifra più alta che io abbia mai sentito nella vita … dubito riescano a darglieli veramente!
    @Cristina
    il diritto ad iscriversi non si prescrive, se volesse diventare agente o broker gli step sono rispettivamente … domandare alle gerenze se c’è un’agenzia libera o mettersi in proprio e cerca compagnie che diano mandato.

  67. Massimo on 20 Gennaio 2013 20:50

    Buongiorno, dopo 18 anni di esperienza nel settore assicurativo come capo-ufficio (no commerciale), mi sono ritrovato senza impiego e stò cercando quindi nuove opportunità. Tra le varie offerte c’è stata anche quella di un’agenzia INA-Assitalia della mia zona che mi collocherebbe all’interno della sua struttura per sviluppare il settore danni in particolare per le PMI. Inquadrato come collaboratore IV Gruppo - provvigioni del 40% di quelle di agenzia con possibilità di incremento al 60% al raggiungimento di alcuni obbiettivi. Gradirei un vostro parere. Grazie

  68. Stefano on 21 Gennaio 2013 18:45

    Buonasera,
    Reduce da un’esperienza non felice nel settore con Alleanza ho cominciato da poco ad operare per un’altra Compagnia sempre nel ruolo di produttore di III° gruppo. Ciò che mi ha convinto è la serietà della proposta e la presenza di un contributo fisso mensile. In attesa però del mandato (causa contrattempi devo ancora ultimare le pratiche x l’apertura della P. IVA) mi è sorto un dubbio atroce: essendo il contributo mensile legato a degli obiettivi minimi (SOLO sul vita), il mancato raggiungimento degli stessi, oltre alla sospensione, potrebbe comportare anche la richiesta di restituzione di quelli già anticipati?il primo ‘check’ è a 3 mesi ed io, forse ingenuamente, ho comunque ritenuto fossero a fondo perduto anche perché le formalità burocratiche hanno dei costi e lo stesso vale x l’impegno quotidiano in agenzia. Poi chiaro, voglio raggiungerlo a tutti i costi (onesti), però già noto forti resistenze da parte del portafoglio clienti affidatomi. Purtroppo quando potevo non l’ho chiesto (e cmq non è stato fatto cenno) ed adesso mi assalgono i dubbi.

    La ringrazio cmq dell’eventuale risposta (anche generica) perché mi aiuterebbe a far chiarezza sulla situazione che mi attende.

    Cordiali saluti.

  69. piero on 28 Gennaio 2013 19:12

    salve , io e la mia ragazza vorremmo aprire una subagenzia allianz ras , la mia ragazza è già subagente allianz e lavora in agenzia guadagnando sulle provvigioni e un fisso di poco conto , diciamo un rimborso benzina . Vorremmo aprire un’agenzia al mio paese dove con le mie tante conoscenze abbiamo già assicurato diversi clienti , il mio è un piccolo paese di circa 8.000 abitanti dove c’è solo una subagenzia poco conosciuta.Vorremmo sapere in maniera dettagliata cosa occorre , oltre al locale , per aprire questa subagenzia , per maniera dettagliata intendo anche commercialista , banche , partita iva ecc.. . La ringrazio anticipatamente per la cortesia.

  70. Luca on 31 Gennaio 2013 13:48

    Salve e complimenti per il post. Due questioni. Meglio Broker o Agente? Sia per il tempo che ci vuole per formarsi e sia successivamente per i guadagni? Quale compagnia assicurativa, sulla sua esperienza, consiglierebbe?
    Cordialmente

  71. assicuri.com on 31 Gennaio 2013 15:22

    @Massimo
    difficile darle un parere da esterno, se il portafoglio da sviluppare è buono potrebbe valerne la pena accettare.
    @Stefano
    il contributo può ovviamente essere revocato insindacabilmente, lo troverà scritto sul contratto, le dico per certo che alcune agenzie non si fanno troppi problemi a toglierlo (in Ina Assitalia ad esempio l’ho visto fare con i miei occhi, dipende poi con chi si sta accordando lei).
    @Piero
    queste cose ve le deve dire Allianz Ras, gli obblighi non sono uguali per tutte le compagnie.
    @Luca
    mi dispiace, ma sono due domande a cui è impossibile rispondere, non esiste la compagnia migliore in assoluto né la scelta più remunerativa … sulla formazione posso invece dirle che si fa molto prima come agente.

  72. dantes on 8 Febbraio 2013 19:28

    Salve, volevo sapere se l’iscrizione all’albo Rui - registro intermediari assicurativi, obbliga ad aprire la partita iva. Ina assitalia propone un portafoglio minimo di 20 clienti prima di aprirla.

  73. Paolone on 15 Febbraio 2013 09:06

    Buongiorno a tutti
    Io ho sostenuto in queste settimane i colloqui di selezione per InaAssitalia di Bergamo e devo dire che l’impressione e’ stata veramente positiva.
    Selezione seria ben quattro colloqui con figure diverse, obbligo di 5 settimane di corso ( 2 in aula e 3 miste con tutor ), obbligo di formazione costante settimanale sempre per tutto l’anno.
    Naturalmente si entra come consulente junior senza portafoglio e a fronte di impegno e costanza si può crescere e anche molto.
    Certo bisogna mettersi in testa che e’ un lavoro vero e come tale per ottenere risultati ci si deve impegnare
    per minimo otto ore al giorno ( come tutti i lavori ).
    Grazie per l’attenzione.

  74. lucia on 15 Febbraio 2013 13:50

    Buon giorno!!! Mi chiamo Lucia. Ho fatto 2 colloqui presso le Generali e vorrei dei chiarimenti. Al colloquio sono stati molto gentili e chiari, ma come ho letto sopra non essendo del mestiere non ho saputo bene che domande fare. Volevo dei chiarimenti per quanto riguarda il fisso mensile che ti danno all’inizio e la percentuale di provvigioni. Io vorrei davvero intraprendere questa strada ma ho paura di fare la scelta sbagliata!!!! Spero possiate consigliarmi bene!!!
    Grazie e buona giornata.

  75. Lorenzo on 19 Febbraio 2013 23:35

    Salve,ho gia scritto diverso tempo fa in questo blog dove ricevetti anche diversi consigli.Ho 21 anni e dp una prima esperienza in Alleanza,collaboro da un paio di mesi con Allianz Ras. Questo lavoro mi piace,anche perche’ sn giovane e ho voglia di imparare, ma le difficolta’ sono tante,nessun fisso,assenza di portafoglio clienti e quindi necessita’ di crearne uno,prodotti di altissimo livello qualitativo ma sull’rc auto purtroppo i prezzi nn sono sempre concorrenziali.Io volevo chiedere veramente dei consigli per cercare di espandersi (ripeto il lavoro mi piace molto)per cercare di crearsi un portafoglio,consigli su come acquisire nuovi clienti e consigli su come avviare campagne pubblicitarie per farsi conoscere e entrare diciamo nel “giro”.Grazie e attendo veramente di consigli che mi possano essere realmente utili.

  76. Maria on 22 Febbraio 2013 09:45

    Salve,
    mi sono laureata precisamente un mese fa e il primo colloquio l’ho fatto con Ina Assitalia.
    Loro sarebbero disposti a prendermi subito e a farmi cominciare il corso di formazione e sostenere l’esame per liscrizione al Rui.
    Leggendo nella normativa Isvap, tra i requisiti per l’iscrizione c’è: ‘Non essere pubblico dipendente con rapporto
    di lavoro a tempo pieno ovvero a tempo
    parziale quando superi la metà dell’orario lavorativo a tempo pieno’
    questo significa che se sono iscritto al Rui in futuro non potrò essere dipendente pubblico e fare concorsi??
    Grazie in anticipo

  77. assicuri.com on 22 Febbraio 2013 13:31

    @Lorenzo
    i consigli che possiamo dare sono quelli che trova sul blog, mano a mano che ci verranno in mente li aggiungeremo.
    @Maria
    Mi stupisco che questa domanda arrivi da una neolaureata, la frase è molto chiara: non si può essere contemporaneamente dipendenti pubblici (nelle modalità esplicate)e iscritti al RUI, ma non si parla di non potere fare concorsi.

  78. @Francesco on 13 Marzo 2013 17:28

    Salve vorrei ricevere qualche informazione per orientarmi in un settore a me fin’ora sconosciuto? Sono laureato in legge con abilitazione ma per ora ho ricevuto l’offerta di A1 Holding di ricevere un mandato per l’iscrizione al rui ma solo lavorando con provvigioni, senza un fisso e con un mio pacchetto clienti. Vorrei avere un consiglio se è il caso di non bruciare tutti i miei contatti proponendo per lo più polizze integrative, fondi investimento, salute con esclusione danni RCA . In realtà la mia idea è quella di aprire una agenzia assicurativa danni RCA ed eventualmente proporre altre polizze? Aspetto un consiglio su cosa fare . Grazie

  79. Gabriele on 15 Marzo 2013 20:26

    Salve, ho lavorato per tanti anni nel settore ristorazione, ma dopo che il locale dove lavoravo ha chiuso mi sono ritrovato senza lavoro. Recentemente sono stato contattato da INA Assitalia. Passato il primo colloquio, ho effettuato il secondo.
    Quindi siamo arrivati a parlare di P.IVA e sono cominciate le prime perplessità.
    Avendo meno di trent’anni (ne ho 23) mi hanno detto che aprendo la partita IVA con inquadramento Produttore assicurativo del terzo tipo verserei il 5% IRPEF e il 25% INPS.
    Non avendo mai aperto partita IVA prima d’ora brancolo un po’ nel buio. Sapreste darmi qualche indicazione su modalità di apertura, costi, pro e contro.

  80. assicuri.com on 25 Marzo 2013 12:53

    @Francesco
    io fossi in lei farei pratica in una piccola compagnia danni, se come mi sembra di avere capito la sua intenzione è fare il plurimandatario per avere dei mandati deve comunque prima fare esperienza e portafoglio, e A1 Holding non è la soluzione ideale.
    P.S. campare di sola RC Auto sarebbe terribile, si butti anche sul danni!
    @Gabriele
    più che di un assicuratore lei avrebbe bisogno di un commercialista.

  81. carmelap on 3 Aprile 2013 16:30

    io sto lavorando per l’A1 holding già da un mese.l’azienda forma i suoi collaboratori in modo efficiente e vi dico chel le loro polizze con rendimento a gestione separate hanno avuto un rendimento del 9% nell’anno 2012 e questo pubblicato direttamente da MILANO Finanza il 9 marzo 2013.

  82. anto on 5 Aprile 2013 21:50

    Sono un ragazzo di 26 laureato da un anno che ha già fatto due esperienze di stage (uno in azienda e quella che sto per terminare in banca) ed essendo interessato al settore consulenza assicurativo-finanziaria ho mandato dapprima cv presso banche per posizioni di promotore finanziario e successivamente anche presso assicurazioni.

    Ho inviato il cv tra le tante a tre agenzie INA Assitalia di cui racconterò gli esiti:

    1)durante colloquio fatto nella città toscana dove ho studiato all’unive ora sto facendo lo stage hanno specificato che cercavano prevalentemente per l’ambito della previdenza complementare, hanno parlato di rimborso spese mensile e hanno fatto domanda specifica sulle persone e i “giri” che frequentassi (inutile dire che avevo capito che avrei dovuto procacciare clienti);

    2) nel colloquio fatto in un’agenzia delle mie zone (agenzia generale di un capoluogo di provincia di collina di 50000 abitanti tipico del centro italia) mi è stato detto che sarei dovuto diventare punto di riferimento per la consulenza assicurativa di miei amici e conoscenti (modo raffinato di dire “trovaci i clienti”) e alla domanda sul trattamento economico sono stati vaghi;

    3) il colloquio sostenuto presso l’agenzia generale (direi grande come agenzia per la zona) della città di 100000 e rotti abitanti nella cui provincia risiedo è stato diverso. Durante il primo step mi è stato parlato di fisso di 500 più provvigioni, nei primi due mesi avrei affiancato il mio tutor nella sua attività presso i clienti e non mi sono state fatte domande su conoscenti o parenti da portare in agenzia. Nel secondo colloquio fatto con uno dei soci dell’agenzia mi è stato detto con chiarezza che cercano risorse per consulenza previdenziale, che il lavoro si sarebbe svolto spesso anche al telefono, che e non mi è stato chiesto di portare nuova clientela o cose simili. In entrambi mi è stato chiesto quale fosse l’interesse verso la materia ed il mio background accademico e che ci sono possibilità di carriera e di specializzarsi in un ramo o nell’altro.

    Naturalmente tra le tre agenzie l’ultima mi è sembrata la più seria e forse l’unica dove non dovrei fare esclusivamente il procacciatore. consigli o suggerimenti in merito?

  83. assicuri.com on 6 Aprile 2013 14:20

    Buongiorno Anto
    sono d’accordo con lei nel preferire la terza (occhio comunque a come evolverà l’esperienza!); tenga conto che al di là degli interessi personali economicamente rende di più occuparsi di polizze danni che di previdenza complementare in Italia.

  84. Lorenzo on 24 Aprile 2013 12:25

    Domanda tecnica…come si deve fare per cancellarsi dalla sezione E del rui???

  85. assicuri.com on 29 Aprile 2013 09:51

    Buongiorno Lorenzo
    basta richiederlo all’Ivass.

  86. fabio on 13 Ottobre 2014 22:55

    Salve, mi e stato proposto un contratto di collaborazione con uni pol, vorrei chiedere un consiglio, io attualmente sono rappresentante per una azienda dove ho il fisso di 500 piu 25€ per ogni nuovo cliente, e per guadagnare sulle provvigioni dovrei raggiungere una fatturato di 3000€. Unipol mi ha proposto una serie di obbiettivi futuri e un certo tipo di carriera,che sarebbe quella di partire come consulente - trainer-manager-gestore filiale…quello che mi richiedono ora come ora di concludere 5 piani di RISPARMIO PROTETTO, e questo mi frutterebbe 700€ ,ma con la presenza di premi raggiungerei la cifra di 1.450€. La mia domanda e secondo lei mi conviene ora come ora chiudere 5 contratti di RISPARMIO PROTETTO e fattibile? lei cosa mi consiglia

Lascia un Commento




Chiudi
Invia e-mail