Assicuratore: consigli e opinioni

150

Diventare assicuratore: non è proprio il sogno di chiunque, ma per fortuna qualcuno che vuole fare questo faticoso mestiere ancora si trova!

Nonostante la crisi economica (o forse anche a causa di questa!) non sono poi molti i giovani che si avvicinano a questo lavoro con l’intento di svolgerlo in maniera professionale e duratura, vuoi per l’impegno che l’attività richiede vuoi per la scarsa conoscenza della materia (che viene spiegata poco e facoltativamente nelle università di economia e per niente nelle altre scuole). La maggior parte delle persone che tentano di iniziare il mestiere lo fanno senza credere realmente di farne la propria carriera per la vita, tanto è vero che il tasso di abbandono è alto, ed alla fine le facce di chi opera professionalmente nel settore sono più o meno sempre le stesse!

consigli assicuratore

In compenso ogni tanto qualcuno ci fa delle domande a cui è più o meno facile rispondere (vuoi con dati inconfutabili vuoi con opinioni e consigli personali), vediamo le più comuni:

  • Come diventare assicuratore? innanzitutto essendo in possesso almeno di un diploma di scuola superiore (la laurea in economia e commercio o in giurisprudenza per quanto utile è facoltativa, ma se avete la terza media la carriera vi sarà preclusa). Per diventare agente di assicurazioni (o broker) dovrete anche sostenere l’esame RUI, ovvero una prova scritta e orale che vi permette l’iscrizione al registro della categoria. Potreste anche valutare, e forse è la cosa più prudente, un periodo da subagente o collaboratore prima di lanciarvi nella carriera vera e propria, imparerete il mestiere avendo qualche supporto in più: il consiglio è di aprire un’agenzia in proprio solo quando vi sentirete davvero preparati a tutto!

  • Quanto guadagna un assicuratore? questa è forse la domanda più quotata, ma è quella che non ha una risposta univoca! dipende … potrei dirvi che alcuni agenti assicurativi o broker sono tra le persone più ricche d’Italia, altri (generalmente chi fa questo lavoro da poco tempo) non arrivano a fine mese. Solitamente, per come sono strutturati i guadagni nelle assicurazioni, si vedono pochi soldi a inizio carriera e sempre di più mano a mano che si va avanti!

  • Cosa fa l’assicuratore esattamente? ecco un’altra domanda la cui risposta non è così scontata! a grandi linee possiamo rispondere che si occupa della stipula e della gestione di contratti di assicurazione, e di fatto (anche se non sarebbe proprio questo il suo mestiere) della gestione dei sinistri facendo da tramite tra il cliente e la compagnia. Il lavoro è a contatto con il pubblico, ed occorrono, oltre a buone capacità commerciali, competenze tecniche nel campo assicurativo e una discreta organizzazione. Difficilmente passerete l’intera settimana in ufficio, spesso occorre muoversi per visitare i clienti!

  • Come scremare le offerte di lavoro nelle assicurazioni che meritano davvero da quelle meno interessanti? qua non mi sento proprio di offrire un metodo valido: direi presentandosi ai colloqui e valutando personalmente la serietà dell’ogranizzazione (e possibilmente degli assicuratori che vi lavorano!)

Le domande su questo lavoro non si esauriscono certamente qui -anche se ho cercato di selezionare quelle più “gettonate”- e probabilmente altri interventi verranno dedicati a questo argomento all’interno del blog (nel frattempo chi avesse dubbi o curiosità può scriverci direttamente qua nell’rea commenti!) … ricordate che fare l’assicuratore è bello ma … deve piacere!

Share.

150 Commenti

  1. Buonasera,
    sono una giovane avvocatessa di 34 anni, trasferitasi dal sud a Milano, con alle spalle un percorso di studi brillante, ma che finora, nonostante l’impegno profuso, ha trovato difficoltà a creare collaborazioni di fiducia ed adeguatamente retribuite in studi legali avviati e che, di contro, non possiede una clientela propria.
    Viste le difficoltà attuali che attraverso come “giovane” avvocato e la generale crisi del mondo del lavoro, sto valutando la proposta di Ina Assitalia nella sede centrale di Milano per l’iniziale corso di formazione finalizzato all’esame ed all’iscrizione al Rui con successiva stipula di mandato di agenzia a “tempo indeterminato” con fisso di 900 euro, finora senza specificazione del ramo di polizze da stipulare né esatta quantificazione delle correlate provvigioni…
    Non ho nessuna esperienza da “agente di commercio”, so soltanto che tale attività è incompatibile con la professione legale. Preciso di essere una persona volenterosa, socievole e leale, con interesse alla professionalità e competenza: mi consiglierebbe di tentare questa nuova strada, presentatami peraltro nella prospettiva di una “carriera manageriale” lasciando il percorso di “avvocato” finora tanto sudato? E’ una strada altrettanto “ardua”? Sarà comunque possibile far fruttare i miei studi da giurista?
    Auspicando una risposta, La ringrazio anticipatamente per l’attenzione.

    • assicuri.com on

      Potrebbe valerne la pena, ma consiglierei di iniziare in realtà in cui lei possa spendere meglio la sua professionalità.

  2. Buongiorno,
    Sono un ragazzo di 26 anni e lavoro in questo campo da 18 mesi presso l’Alleanza Assicurazioni in un’importante filiale della Sud Italia. Di alleanza non posso parlarne male da un punto di vista personale poiché mi sono trovato bene, ho un ottimo rapporto con tutti e non ho notato tutte cose negative che ho visto scritte nei vari forum.Però critico alleanza per gli irrisori guadagni e le pressoché nulle prospettive.Circa un mese fa sono stato contattato dalla Generali che mi ha offerto un fisso mensile di € 500+provvigioni per il primo anno (dal terzo mese con un minimo di produzione),con la possibilità nel caso in cui raggiunga gli obiettivi di essere assunto per 18 mesi con possibilità di entrare a tempo indeterminato con guadagni molto alti.Mi sembra una proposta molto allettante già partendo dal fisso che in alleanza non c’e, per la possibilità anche se remota di assunzione, per la possibilità di poter vendere tutto e sulle provvigioni d’acquisto (piu’ alte Che in Alleanza) e d’incasso che sono in alleanza totalmente assenti. Vorrei sapere un vs parere sulle generali, su quanto siano seri, se qualcuno ha avuto esperienze con loro e un vs parere sulla mia disamina di pro e contro,

    Grazie e scusate per la lunghezza

    • assicuri.com on

      Il marchio è sicuramente solido, e il fatto di non focalizzarsi sulle polizze vita gioca sicuramente a suo favore, sulla base dei pochi elementi che ho la giudico un’ipotesi da tenere in considerazione.

  3. Salve, spero possiate aiutarmi….
    sono un subagente di assicurazioni.
    Dopo tredici anni di collaborazione in una agenzia di assicurazioni,nel mese di ottobre 2012 ho deciso di cambiare e ho dato le dimissioni con la canonica raccomandata di preavviso di trenta giorni come da mandato.
    Inizio mese di luglio 2013 mi e’ stata fatta richiesta di rimborso di storni provvigionali
    relativi a polizze disdettate negli anni 2007/2008/2009. La mia domanda e’:
    sono dovute o sono andate in prescrizione?
    Se e’ cosi’ dove posso documentarmi su questo argomento . Grazie

    • assicuri.com on

      Buongiorno Marco
      da assicuratore le direi che non sono dovuti, ma in realtà questa è più materia per avvocati, poiché dipende da cosa lei ha firmato nel contratto.

  4. salve, ho ricevuto una proposta da A1, ho fatto il colloquio e partecipato al primo incontro: start up appunto! ho letto alcuni pareri discordanti sul web, sa dirmi se realmente è affidabile? anche perché dovrei iniziare proponendo soluzioni a parenti e amici.. grazie.

  5. Salve e complimenti per il forum.
    vi scrivo perchè in questi giorni ho fatto un colloquio presso una succursale di una nota agenzia italiana. L’incarico che mi è stato proposto è quello di essere inserito in una nuova agenzia ed essere il responsabile di quella zona. Ovviamente mi è stato fatto presente il guadagno a provvigioni e partita iva. Piccolo rimborso spese per i primi 6 mesi. Nei prossimi giorni avrò il secondo colloquio, l’impressione di questa agenzia è stata positiva, ma ovviamente non essendo esperto non ho elementi di paragone. All’inizio ero molto scettico perchè non penso sia il mio mondo, ma mi sono lasciato trasportare dalla serietà (spero che non era solo di facciata, ma ne dubito). Ho fatto presente che io non sono la persona che vende di porta in porta e lui mi ha assicurato che non è il loro modo di operare, ma il ruolo che cercano è un responsabile di zona e i clienti alcuni saranno passati tramite il call-center, altri verrano in agenzia e infine da me (??). Io sono un tipo che non riesce e non gli piace vendere fumo per arrosto, e l’idea che uno percepisce degli assicuratori da fuori è proprio questo. Anche quando parlo con amici e famigliari di questa opportunità mi dicono di lasciar perdere, ma dopo questo primo colloqui non saprei. Ma l’idea di essere abbastanza indipedente mi piace. Cosa mi dovrei aspettare dal secondo colloquio?? Consigli su domande da fare??? Grazie.

    • assicuri.com on

      Le domande da fare sono sempre le stesse: accertatevi che vi facciano la formazione adeguata, che si lavori più sulle polizze danni che su quelle vita e che non vi chiedano referenze.

  6. salve ho sostenuto un colloquio presso generali assicurazioni e mi hanno proposto un fisso di 600 euro piu provvigioni. logicamente dovrei aprire la partit iva ma essendo 22 enne avrei il regime dei superminimi al 5% . dopo circa 8 mesi( in cui dovrei affiancare una piu esperta ragazza che lavora in sede ) se il mio operato sara’ soddisfacente mi assumeranno in regola. cosa ne pensi? sai dispensarmi qualche consiglio? grazie mille

    • assicuri.com on

      Accertati semplicemente
      – che ti facciano una formazione adeguata
      – che non puntino troppo sulle polizze vita bensì diano spazio adeguato alla costruzione di un portafoglio bilanciato
      – che non ti chiedano referenze
      per il resto non vedo particolari controindicazioni se il lavoro ti piace!

  7. Salve, innanzi tutto complimenti per l’aiuto che da offrendo informazioni e risolvendo i vari dubbi! Volevo chiederle io da poco ho iniziato a lavorare per alleanza assicurazioni. A primo in patto non mi ha dato però una brutta impressione, l’unica cosa che mi ha fatto un po’ storcere il naso è stato il discorso sulle referenze… all’inizio dovrei trovare clienti dal mio fb o dalla rubrica del telefono… mi hanno garantito per i primi tre mesi 2000 euro da dividere per ogni singolo mese, poi ci sarà l’apertura della partita iva. secondo lei?? faccio bene a continuare con Alleanza anche se devo cercare referenze dalle mie conoscenze?? il campo assicurativo devo dire che mi interessa molto.. sono una giovane ragazza e vorrei intraprendere un percorso che anche se duro inizialmente mi garantisca un futuro decoroso in base ai miei sforzi.. grazie mille

    • assicuri.com on

      Buongiorno Carlotta, fa bene a continuare ma si allontani al più presto dalle agenzie che chiedono referenze.

  8. Buongiorno, sono un ragazzo di 39 anni, anch’io come tanti mi trovo davanti a un bivio tra la scelta di proseguire il mio lavoro da commerciale nel settore auto con inquadramento dipendente e la scelta di diventare sub-agente assicurativo per un grosso gruppo come Generali come indipendente.
    Sono consapevole che il primo anno, economicamente parlando, uscirò con le ossa rotte, ma le cose che mi confortano sono i corsi di formazione che la sede mette a disposizione e l’affiancamento che l’agente titolare dell’agenzia mi ha promesso. Mi ritengo una persona seria nel lavoro e credo che questa impressione sia riuscito a trasmetterla anche al mio Agente. La realtà locale è composta dai 2 titolari, 3 ispettori, 2 sub agenti e qualche segretaria. Mi ha garantito che ha bisogno di me e pur non potendomi offrire un portafoglio clienti mi dice che c’è molto sviluppo da fare a livello locale.
    La paura è quella di azzerare i miei 16 anni di esperienza commerciale o è il caso di fidarsi e guardare solo avanti? Io sono sempre per il bicchiere mezzo pieno.

    • assicuri.com on

      Buongiorno, se l’agenzia è seria e può proporre prodotti in totale libertà senza vincoli di puntare su nicchie particolari (es. polizze vita) direi che non ha nulla da temere, la sua esperienza commerciale non la azzererà, anzi!

  9. Sono un assicuratore con più di 20 anni di carriera, leggo con rammarico di quanta poca cultura esiste in Italia nel settore assicurativo. Ho un esperienza formata in una multinazionale con forti influenze americane. Nel resto del mondo l’assicuratore e’ un professionista che dopo una accurata e costante formazione svolge il suo lavoro ampliando le sue conoscenze ed attraverso il mercato relazionale sviluppa il proprio portafogli clienti.
    La consulenza accurata e costante crea un rapporto inscindibile con i propri clienti che lo preferiranno ai classici venditori di polizze.
    I prodotti assicurativi esistono solo per le reti di vendita, in genere costituite da esperimentatori provvisori di questa attività, in realtà il professionista sarà capace dopo aver trovato l’esigenza assicurativa di sviluppare una soluzione che soddisfi il cliente e che sopratutto sia flessibile ad ogni ed eventuale variazione.
    Un assicuratore, guadagna come ogni altro professionista in proporzione alle sua capacità ed al suo impegno.
    Personalmente sono membro MDRT, associazione americana dei professionisti nel campo delle assicurazioni, di cui fanno parte i migliori assicuratori del mondo, e per farne parte ed accedere a questa formazione bisogna mediamente mantenere un volume di clienti gestiti di diversi milioni di dollari.
    Ho da alcuni anni cominciato a formare persone da avviare alla professione che ritengo possa dare, proprio per lo scarso sviluppo, dei risultati di altissima soddisfazione a pochi, che abbiano una mentalità rivolta alla crescita professionale.
    Rimango a disposizione per ogni ed eventuale chiarimento, poiché penso che anche questo possa servire a fare cultura. Saluti

  10. Salve, qualche settimana fa ho lasciato il curriculum all’assicurazione Generali e sono stata chiamata per un colloquio. Mi hanno detto che il mio compito sarà quello di trovare nuovi clienti, ma non è un porta a porta. C’è un fisso mensile + provvigioni. Ora vorrei sapere: c’è un num. minimo di clienti che devo trovare? per trovare nuovi clienti devo chiedere ad amici e parenti? Occorre aprirsi la partita iva? Sarei grata se mi desse tutte le info a riguardo entro stasera, perchè domani ho il colloquio e non saprei proprio cosa fare, cioè se provarci o meno.

    • assicuri.com on

      Buongiorno, dovrebbe chiederlo a chi le ha offerto lavoro, noi non possiamo entrare nella sua testa!

  11. Buongiorno ho fatto il corso ed ho passato l esame x ina assitalia.l ho superato il 2 dicembre e ora sto lavorando affiancata. Purtroppo ho fatto 10 giorni di assenza per motivi di salute e non ho fatto nessuna polizza. Volevo sapere, visto che noni hanno fatto firmare nessun contratto e sono stati molto vaghi, se mi pagheranno lo stesso ho anche detto che volevo licenziarmi e mi hanno praticamente pregata di rimanene.. di non pensare al fatto che non ho concluso nulla perche e normale il primo mese. Sono rimasta e ora ho scoperto che devo pagarmi il corso .. quindi mi verra detratto dallo stipendio di 500 euro? Che non prendero sicuramente visto i giorni di assenza e ile zero polizze

    • assicuri.com on

      Buongiorno, dovrebbe chiederlo all’agente generale Ina Assitalia questo, però rifletta attentamente su come si comportano i suoi superiori (in ogni caso perché dice che non prenderà la parte fissa? quella non è legata alla produzione!).

  12. Salve, sono un neofita del mondo e in questo periodo, diciamo grigio ho accettato un offerta di lavoro presso un agenzia assicurativa Allianz che mi offre l’iscrizione alla sezione e del RUI con un iniziale multilevel marketing e un successivo portafoglio clienti. Il periodo di marketing e relativo ai 90 giorni successivi alla domanda. Tutto ciò seguito dal capo. Come comportarmi?

    • assicuri.com on

      Buongiorno, le dico la verità non ho grandi elementi per valutare la sua domanda … se sono 90 giorni e lei vuole fare questo lavoro chiuda un occhio … Allianz di solito si comporta da compagnia seria, se il periodo dovesse protrarsi faccia nuove valutazioni.

  13. buongiorno..lavoro in alleanza assicurazioni da 3 anni e sono iscritto alla sez.E da settembre 2013..la mia domanda e: posso sfruttare il qadro E per il passaggio a la sez. per rcauto?…inoltre potrei fare entrambi i lavori vistoi che alleanza non fa l’rcauto?grazie

  14. Salve, mi e stato proposto un contratto di collaborazione con uni pol, vorrei chiedere un consiglio, io attualmente sono rappresentante per una azienda dove ho il fisso di 500 piu 25€ per ogni nuovo cliente, e per guadagnare sulle provvigioni dovrei raggiungere una fatturato di 3000€. Unipol mi ha proposto una serie di obbiettivi futuri e un certo tipo di carriera,che sarebbe quella di partire come consulente – trainer-manager-gestore filiale…quello che mi richiedono ora come ora di concludere 5 piani di RISPARMIO PROTETTO, e questo mi frutterebbe 700€ ,ma con la presenza di premi raggiungerei la cifra di 1.450€. La mia domanda e secondo lei mi conviene ora come ora chiudere 5 contratti di RISPARMIO PROTETTO e fattibile? lei cosa mi consiglia

    • assicuri.com on

      Buonasera Fabio … domanda difficile! impossibile rispondere con esattezza, di certo non è facile farlo onestamente, dipende molto dalla zona in cui lavora, oltre che ovviamente dalle sue capacità.

  15. buon giorno, mi hanno proposto di aprire una sub agenzia, io faccio questo lavoro da circa un anno con buoni risultati. mi pagano tutte le spese mensili, un piano provvigionale di scala 40, pero’ per l’allestimento del locale e’ tutte le spese di sistemazione ci devo pensare io, che ne dite?

    • assicuri.com on

      eh, c’è poco da dire! o uno se la sente o meglio lasciare perdere e rimanere con le garanzie attuali.

  16. Buongiorno, sono un sub-agente assicurativo di Toro Assicurazioni da 10 anni. Gestisco il mio portafoglio formato principalmente da rami elementari ma che si e’ ridotto a circa 500.000 euro per effetto della crisi. Dall’anno scorso siamo diventati Generali e c’e’ un modo completamente diverso di lavorare tra le altre non c’e’ piu’ l’attenzione al cliente e puntano molto a raggiungimenti obbiettivi . In questi giorni mi e’ stato proposto di lavorare per ITALIANA ASSICURAZIONI con lo scopo di tornare ad avere un modo di lavorare come in Toro, progetto a sostegno per la migrazione del portafoglio e opportunita’ di affiancarmi all’agente il quale fra qualche anno andra’ in pensione e mi cedera’ il suo portafoglio.
    Tutto sembra bello ma sono combattuta a lasciare una importante Compagnia per una piu’ piccola. Non so quali possano essere le mie richiese per tutelarmi e ricominciare da capo a 47 anni.
    Grazie per i suoi consigli
    Cristina

    • assicuri.com on

      Consigli ben pochi, del resto fa questo lavoro da 10 anni … le dico solo che l’attenzione verso il cliente secondo me alla fine paga più del raggiungimento di qualsiasi obiettivo mensile!

  17. Salve
    oggi ho fatto un colloquio con Alleanza Assicurazioni per diventare junior Account,mi hanno detto che nei primi 3 mesi mi faranno un corso e dopo mi daranno un portafolgio clienti che gestirò autonomamente.
    Volevo sapere se qualcuno di voi ha affrontato colloqui di questo tipo e se c’è qualcuno che lo fa questo lavoro ,come si trova.
    Grazie mille a tutti

  18. Buongiorno, ho un dubbio al quale non so darmi risposta. Faccio il subagente da un anno e mezzo ma ho un agente di riferimento che non è molto intreprendente e oltre al ramo auto non mi ha ancora fatto un formazione adeguata sugli altri rami. Premetto che prima di intraprendere questa strada facevo tutt’altro, ero contabile presso uno studio di commercialisti quindi di questo campo non ho altra formazione. La mia domanda è: ci sono dei corsi completi che siano in grado di dare una formazione esaustiva a 360°? Sapreste consigliarmene qualcuno? Vi ringrazio infinitamente, buona giornata.

    • assicuri.com on

      Buongiorno
      purtroppo al momento non mi risulta che oltre ai corsi di aggiornamento Ivass (che di sicuro non forniscono una formazione perfetta) esistano scuole per assicuratori.

  19. Salve,
    alleanza assicurazioni con sede a Torino mi ha proposto un periodo di formazione di tre mesi retribuito e, finita la formazione, iniziare il lavoro di consulenza con p.iva. Volevo chiedervi: qualcuno sa a quanto ammonta la retribuzione del periodo di formazione?

    • assicuri.com on

      Buongiorno, mi scusi ma dovrebbe saperlo lei quanto la pagano, noi con tutta la buona volontà non possiamo saperlo.

  20. buongiorno io ho appena fatto un colloquio per generali italia mi è stato proposto di lavorare per loro e mi hanno detto che mi danno un fisso di 750 + provv+ premi, piu mi hanno detto che ci sarà questo corso di 60 ore e che alla fine ci sarà un test il mio dubbio è quanto si riuscirebbe a guadagnare con le provvigioni?? e se riuscereri a fare 2 appuntamenti alla settimana quanto sarebbe il guadagno totale??

    • assicuri.com on

      Buongiorno, 2 appuntamenti non garantiscono un reddito nemmeno se sono ogni giorno, figuriamoci ogni settimana!

  21. Salve,
    qualche settimana fa ho fatto il primo colloquio per alleanza a Firenze e ora mi stanno per richiamare per il secondo. L’offerta dovrebbe essere per junior account, con corso a fini rui e affiancamento ad un senior nella gestione di un portafoglio clienti. Premetto che sono laureato alla triennale in economia e commercio e fra un mese terminerò la magistrale in finanza. Secondo lei, sinceramente, mi conviene provare ad entrare in alleanza o è meglio lasciare stare? Sto inviando curricula a diverse aziende per svolgere mansioni in campi più afferenti ai miei studi, loro mi hanno chiamato senza che inviassi il cv. La ringrazio molto e mi complimento per il suo lavoro.

    • assicuri.com on

      Buongiorno,
      sicuramente un lavoro in assicurazioni è afferente al suo curriculum, certo che se la hanno chiamata senza che nemmeno lo spedisse … le consiglio di valutare l’offerta, con particolare attenzione al fatto che non sia un lavoro focalizzato sulla vendita di polizze vita ma che comprenda una formazione da assicuratore “classico”, diversamente correrebbe il rischio di finire a fare il “venditore di polizze”, attività ben diversa!

Commenta qui

Facebook