Auto cointestata e classe di merito.

14

La classe di merito di un ‘auto cointestata è un argomento spinoso, che da sempre dà luogo a equivoci di vario genere. La disciplina è piuttosto contorta e non proprio comprensibile, ma una volta chiarite le idee su come comportarsi tutto diventa chiaro: cerchiamo di offrire una spiegazione al riguardo, schematizzando cosa avviene quando gli intestatari di un mezzo aumentano o diminuiscono (non succede la stessa cosa!), ma prima un consiglio propedeutico alla lettura!

Quando possibile non cointestare l’auto

Questo è il migliore consiglio che si possa dare ad un cliente. Fino a quando non verranno nuovamente cambiate le leggi (ammesso che ciò avverrà in favore dei cointestatari) avere più proprietari su un solo mezzo porta solamente lungaggini quando non addirittura spese inutili. Pensateci bene prima di compiere questa mossa, anche se mi rendo conto che in alcuni casi sia difficile farne a meno.

auto cointestata classe merito

Auto cointestata e classe di merito: aumento dei proprietari

La classe di merito non si può trasferire da un veicolo di cui si è unico proprietario ad uno in cui i proprietari sono due o più. L’unica via di scampo è utilizzare la Legge Bersani, ma questo può avvenire solo in caso di cointestazione con familiari conviventi. Anche in questo caso tuttavia la disciplina è contorta e non viene in aiuto al cliente, quindi state certi che non tutte le agenzie delle compagnie di assicurazione acconsentiranno senza remore a farvi questo favore.

Classe di merito di un’auto cointestata: diminuzione degli intestatari

Il rovescio della medaglia, fortunatamente, è che lo stato accoglie favorevolmente l’ipotesi di una diminuzione dei proprietari: in questo caso Isvap, assicurazioni ecc. sono tutti d’accordo nello stabilire che è possibile fare firmare un foglio di rinuncia alla classe di merito ai vecchi cointestatari, e mantenere a quel punto la vecchia classe di merito, che a quel punto diventerà soltanto nostra.

Rispondiamo a dubbi e domande

Per chiunque avesse dei dubbi non risolti in questo articolo ricordiamo che è possibile richiedere una consulenza gratuita scrivendo la domanda nell’apposita area commenti. Cercheremo di rispondervi in tempi relativamente brevi, in modo da fare più chiarezza possibile sul discorso cointestazione e classe di merito RC Auto.

Share.

14 commenti

  1. Salve,
    per ragioni ereditarie, la macchina di mia madre è cointestata a me ed a mio fratello, entrambi residenti all’estero. Come possiamo avere un’assicurazione solo per mia madre (residente in Italia) con la sua classe di merito?
    Mio fratello ed io siamo a migliaia di chilometri da mia madre, difficilmente qualcuno potrebbe ritenere che potremmo essere conducenti del veicolo.

    Gazie dell’aiuto,

    Francesca Flego

    • assicuri.com on

      Buongiorno
      il conducente non influisce sulla classe di merito, se l’auto è intestata a voi la proprietaria non può essere vostra madre prima che abbiate fatto il passaggio di proprietà.

  2. Salve,
    ho rottamato la mia vecchia auto intesta a me e ho “congelato” la relativa assicurazione, sempre intestata a me. Sto per acquistare una nuova auto e sto valutando se sia conveniente cointestare la nuova auto a me e il mio ragazzo (convivente ma senza la stessa residenza), mantenendo invece l’assicurazione solamente a mio nome.
    Sapete dirmi se è possibile? In tale caso, la compagnia dovrà ricalcolare la classe di merito in base alla presenza di un secondo proprietario?
    Non mi è chiaro se in base alle ultime normative sia possibile guidare regolarmente un’auto non essendo proprietari.
    grazie,
    Valentina

    • assicuri.com on

      Buongiorno
      è possibile, ma come spiegato sopra è meglio non cointestare le auto, in ogni caso il prezzo verrebbe calcolato nella più sfavorevole delle due situazioni assicurative.

  3. Ciao a tutti,ho acquistato una nuova auto mi e stato consigliato di cointestarla per un motivo assicurativo,ho 31 anni e sono nello stesso nucleo familiare dei miei genitori(mia mamma e l’intestataria della vecchia auto e ha la prima classe) pagherò uguale a lei usufruendo della prima classe?

    • assicuri.com on

      Buongiorno, no direi che la tariffa essendo calcolata sul proprietario più a rischio non sarà identica a quella di sua madre.

  4. Mio padre vorrebbe comprarsi una nuova auto.
    Ho gia un auto intestata a me, vorremmo quindi vendere la mia auto per l’acquisto della nuova auto e
    mio padre vorrebbe intestare a me la sua vecchia auto.
    Convivo con i miei ed ho la stessa residenza.
    Posso mantenere l’assicurazione della vecchia auto di mio padre a suo nome, in caso contrario che soluzioni avrei?
    Devo per forza cointestare l’auto? Nel caso di cointestazione se un giorno volessi comprare una nuova auto da quale classe partirei?

    grazie

    • assicuri.com on

      Buongiorno
      può mantenere la contraenza a suo nome, indicando il passaggio di proprietà (la classe di merito ovviamente non sarà mantenuta), come sempre sconsigliamo vivamente la cointestazione.

  5. Salve,
    Ho un auto cointestata con mio suocero da 4 anni.
    Ricevo ogni anno un attestato di merito di classe uno.
    Sono in procinto di vendere l’auto e di acquistarne una solo a mio nome.
    L’assicuratore mi ha detto che non c’è problema, basta trasferire la suddetta assicurazione sulla nuova auto facendo firmare un misterioso foglio di rinuncia alla classe di merito da parte di mio suocero.
    Ora.
    Mio suocero ha due auto intestate con altre assicurazioni con la classe di merito 1.
    L’assicuratore dice che e una formalità e che a mio suocero non cambia nulla ma io sono dubbioso.
    Nel caso firmi tale foglio, rischia di perdere la propria classe di merito anche con le altre auto intestate a suo nome?
    Grazie per l’attenzione
    emanuele

  6. Salve,
    guido da sempre un’auto intestata a mio padre, anche se mio padre non l’ha mai guidata, ma 16 anni fa, avendo meno di 25 anni, è convenuto intestare l’auto nuova a mio padre per pagar meno l’assicurazione. Oggi ho 34 anni e dovendo acquistare un’auto nuova, mi e’ stato detto dal mio assicuratore di cointestare l’auto nuova con mio padre e passare l’assicurazione dalla mia vecchia auto, che rottameró, a quella nuova sotto il mio nome mantenendo la classe di merito della mia vecchia auto in modo da avere finalmente una mia classe di merito. Premetto che oggi, essendo sposato, non abito più con i miei genitori. La cosa, che mi è stata detta da più di un’assicuratore, mi sembra un modo troppo semplice di aggirare l’ostacolo. Ho letto su internet che magari ľassicuratore potrebbe aggirare così ľostacolo ma, nel caso in cui ci fossero dei sinistri dove fossero in ballo grosse somme, in una ricerca più approfondita del caso, ľassicurazione potrebbe attaccarsi a questo cavillo per evitare di pagare, in quanto questa procedura di passaggio della classe di merito non è legale. Quindi, volevo sapere:
    – se effettivamente era possibile fare tutto questo;
    – se era possibile senza incorrere in eventuali problemi futuri;
    – se, una volta acquisita la classe di merito, posso farla ereditare a mia moglie attualmente 13a classe.
    Nel caso in cui nulla di tutto questo fosse possibile, quale sarebbe la soluzione più idonea al mio caso?
    Grazie.

    • assicuri.com on

      Buongiorno
      confermo quanto ha letto … se nessuno si accorge di niente la classe diventa sua e può passarla alla moglie, diversamente la cosa migliore da fare è iniziare con la CU 14.

  7. salve
    ho un auto cointestata regolarmente assicurata con contraenza la mia compagna.. adesso ho acquistato un altra auto e lho intesta solo a me ..naturalmente posso usufruire della classe di merito dove sono cointestatario?

Commenta qui

Facebook