Assicurazione autocarro: come spendere poco?

0

Se ci lamentiamo ormai da anni che stipulare la polizza di RC per le nostre autovetture può essere costoso, non dobbiamo dimenticare che l’assicurazione autocarro potrebbe essere ancora più onerosa … considerando che normalmente questo genere di mezzi viene usato per lavoro la faccenda è ancora più “penosa” … senza volere offrire soluzioni miracolose ci sentiamo tuttavia di dare alcuni semplici consigli per chi sta cercando il contratto più conveniente.

Poco utile affidarsi ai preventivatori

Mentre per le autovetture vi consigliamo sempre di affidarvi ai preventivatori e comparatori, per avere quantomeno un’idea di massima su quali siano le compagnie più competitive e -viceversa- quelle da tagliare fuori, per l’assicurazione autocarro non ce la sentiamo di indirizzarvi verso questo genere di strumenti, poiché sono pochi e con poca scelta di compagnie quelli che si occupano di tale segmento. Rivolgersi ai classici “Chiarezza punto it” o “Assicurazione punto it” diventa dunque macchinoso (a dire il vero alcuni, lasciando i dati, dovrebbero richiamarvi e farvi avere dei preventivi, ma innegabilmente così facendo si perde la comodità del comparatore).

La Legge Bersani non vale per le persone giuridiche

La legge è molto chiara al riguardo, ma spesso il cliente non lo sa e vive la notizia come una pessima sorpresa: la Bersani vale solo per le persone fisiche, quindi nel caso il vostro vecchio autocarro fosse intestato ad un’azienda, non potete passare la classe di merito al nuovo, nemmeno se anche quest’ultimo risultasse intestato alla medesima persona giuridica. Se volete risparmiare sull’assicurazione autocarro dunque potrete mantenere la CU maturata se il mezzo è intestato a persona fisica … è un dettaglio da tenere in grande considerazione, poiché spesso si può trattare di parecchi soldi (specialmente, ovvio, se saremo stati guidatori virtuosi fino a quel momento.

assicurazione autocarro

Se in classe alta considerate la franchigia

La franchigia, come noto, consente una diminuzione del premio a fronte di una somma da rimborsare alla compagnia in caso di sinistro. Se ci troviamo in una classe di merito bassa, con ogni probabilità, pagheremo relativamente poco e non avremo grande interesse ad inserire una franchigia nel nostro contratto … viceversa in caso di versamenti elevati potrebbe essere un sollievo avere un risparmio immediato, pur correndo il rischio di “rimetterci” 250 o 500 euro tra qualche mese in caso di sinistro.

Trasportare le merci pericolose su un solo furgone

Praticamente tutte le compagnie operano differenze di tariffazione nel caso si trasportino merci pericolose, tossiche o infiammabili. Riuscire a convogliare le sostanze pericolose su un unico veicolo della propria flotta, quando possibile, consente dunque un risparmio certo sull’assicurazione autocarro, limitando il rischio su di un solo mezzo (possibilmente con classe di merito bassa e della portata minima possibile per svolgere serenamente il lavoro).

Chiedete se esistono sconti flotta

Chi utilizza i furgoni a scopo lavorativo, e si trovasse ad avere una flotta (anche piccola, diciamo da 3 o 5 mezzi in su) può richiedere alle compagnie presso le quali si reca se sono previsti sconti flotta. Non di rado le compagnie stipulano un’assicurazione autocarro scontata a chi dovesse assicurare più mezzi, oppure si trovasse a stipulare una polizza ramo danni per l’attività con la medesima azienda. Tenete conto che, oltre alle iniziative di direzione, con un po’di fortuna anche l’agente se ha a disposizione degli sconti potrebbe volerli usare con chi gli portasse polizze danni o diversi altri contratti di Responsabilità Civile per gli automezzi da lavoro.

Attenzione alla garanzia assistenza

Se avete automezzi pesanti fate attenzione anche alla garanzia assistenza … a differenza della polizza auto (in cui la sicurezza del carro attrezzi normalmente si ha con 20 o 30 euro all’anno) sull’assicurazione autocarro, se questo è particolarmente pesante, si possono passare i 100 euro all’anno. Non vi diciamo certamente di rinunciare a questa importante garanzia che, sebbene facoltativa, può rivelarsi davvero preziosa … ma non stipulatela necessariamente con chi vi offre il premio più basso per la responsabilità civile, o potreste bruciarvi parte del risparmio.

Come vi abbiamo anticipato a inizio articolo non speriamo, con questi consigli, di farvi avere polizze a prezzi stracciati, ma almeno la speranza di farvi spendere poco (o se non altro meno dell’anno scorso) la abbiamo!

Share.

Commenta qui