La voce secondo cui assicurare un ciclomotore sia più costoso che stipulare un identico contratto per un motociclo in Italia sta girando da parecchio tempo (azzarderei almeno 10 o 15 anni) … ma è verità o si tratta di una dele tante “leggende assicurative” che piacciono tanto alla gente e delle quali non si trova poi un riscontro effettivo nelle esperienze di ogni giorno? Cerchiamo di scoprirlo oggi, chiarendo quali siano i vantaggi e gli svantaggi dell’RC per il cosiddetto “cinquantino”.


risparmiare sull’assicurazione auto

Assicurare un ciclomotore non sempre costa più di un motociclo

Il motivo per cui questa storia si è diffusa assicurativamente parlando ha anche un solido fondamento: mentre per guidare un motociclo occorre avere almeno 16 anni, per il ciclomotore ne basta avere compiuto 14 … va da sé che a quattordici anni non si può dire di avere grande dimestichezza con i mezzi di trasporto (più che una bicicletta di solito non si è ancora guidato, perlomeno su strada!) e, nonostante l’iniziativa del patentino abbia sicuramente migliorato la conoscenza del Codice della Strada, la dimestichezza con la guida di ogni giorno, gli incroci, gli stop, le rotatorie e i complessi sistemi di precedenze che spesso troviamo sulle strade delle città e persino dei piccoli centri urbani in Italia non è proprio il massimo. Qualcuno dice inoltre che i ragazzi di 14 o 15 anni siano più irresponsabili alla guida, ma su questo punto direi che è sbagliato generalizzare (personalmente io con i miei clienti più giovani ho sempre avuto fortuna, e ho trovato quattordicenni assai giudiziosi … a volte vedendone qualcuno in strada penso di potere cambiare idea al riguardo … ma poi mi ricordo che c’è anche gente di 50, 60, 70 o 80 anni che guida con pochissima consapevolezza!).

 

Nella pratica assicurare un ciclomotore non costa assolutamente più di un motociclo, anzi in molti casi è assai meno caro, i fattori da cui dipende la convenienza o meno sono molteplici … ma i più importanti potremmo dire che siano:

  • la scelta della compagnia (è fondamentale … se andate da un agente monomandatario che lavora per un’azienda che “odia” i cinquantini avrete possibilità praticamente nulle di spuntare un buon prezzo);
  • il numero di posti a sedere indicato a libretto: il ciclomotore immatricolato per una sola persona avrà una polizza sensibilmente meno cara rispetto a quello
  • la classe di merito: molte compagnie assicurative sono competitive su ciclomotori in classi di merito basse, mentre non lo sono più per le classi alte, in cui il cerchio entro cui scegliere appare assai più ristretto
  • l’età minima di chi lo guida: se il guidatore più giovane ha più di 26 anni molte compagnie concedono tariffe ridotte, questo inoltre elimina completamente il problema riguardante alla diffidenza delle compagnie assicurative per i 14enni alla guida.

Il 50 cc. può essere ancora una buona soluzione

Insomma, a certe condizioni il 50 cc. può essere ancora una valida soluzione per chi desideri un mezzo poco potente per percorrere distanze brevi, poichè l’assicurazione, se ben studiata e con un po’di fortuna, può essere anche più bassa di un buon 30% rispetto a un 125 o a un 150 … per non parlare di cilindrate più alte, tendenzialmente ancora più costose (ma su questo non mi dilungherei poiché le tariffe variano troppo da una provincia all’altra e da una compagnia assicurativa all’altra).

 

Assicurare un ciclomotore  come vedete è ancora un’operazione assolutamente fattibile (perlomeno nelle province in cui le tariffe degli altri mezzi sono abbordabili!) sta a voi trovare l’offerta più conveniente.

Commenti

Lascia un Commento




Chiudi
Invia e-mail