Il patentino 50, utile per guidare ciclomotori, da alcuni anni sta spopolando nelle scuole di tutta Italia poiché è diventato condizione obbligatoria per il ragazzo che volesse guidare un “cinquantino” prima di avere preso la patente B. Vediamo come funziona l’iter per conseguire questa abilitazione, e facciamo, come nostro solito, alcune riflessioni di natura assicurativa a riguardo.


Patentino 50 cc

Certificato di idoneità alla guida dei ciclomotori CIGC

Intanto iniziamo con una precisazione … quello che chiamiamo “patentino ciclomotori” si chiama in realtà “CIGC - Certificato di idoneità alla guida dei ciclomotori” … questo non tanto per fare i pignoli sull’argomento, quanto perché ricercando su Google la maggior parte delle informazioni istituzionali si rinvengono digitando questa locuzione … siccome per i dettagli “ministeriali” vi rimandiamo a siti appositi, a riguardo accenniamo solamente che i riferimenti normativi più comuni sono

  • il D. Lgs. n. 9 del 15/1/2002, art. 45 (che va a modificare l’art. 116 del Codice della Strada)
  • il DL n. 115 del 30/6/2005 (che introduce le norme riguardanti visite mediche e sussistenza dei requisiti psicofisici)
  • la Legge n. 120/2010 art. 17 (che introduce gli istituti della prova pratica e dell’ora supplementare su come comportarsi in condizioni di emergenza alla guida del motorino 50cc

il progressivo inserimento di obblighi per chi senza patente volesse guidare questo tipo di cicli da un lato ne ha scoraggiato l’acquisto, ma dall’altro ha sicuramente portato maggiore sicurezza sulle strade italiane, anche se tuttora le assicurazioni sembrano in alcuni casi, non avere recepito effettive diminuzioni di rischio correlate all’introduzione del patentino 50.

Come prendere il patentino 50

Capire come prendere il patentino 50 è tutt’altro che intuitivo: il primo passo sarà compilare il modulo TT 2112 per effettuare la richiesta (attenzione perché la domanda vi chiederà anche di indicare che mezzo vorrete guidare -ciclomotore a 2 ruote, a 3 ruote o quadriciclo leggero- e la scelta non sarà modificabile). A tale modulo va allegata la copia della carta d’identità dell’interessato e del suo tutore se questi fosse minorenne, un certificato medico di idoneità (possesso dei requisiti psicofisici) e le copie dei versamenti effettuati utili per partecipare a corsi e prove.

Corso teorico

Espletata la parte burocratica arriva il corso teorico: la sua durata è di 13 ore, ed ha un programma che attualmente si snoda secondo i seguenti argomenti:

  • circolazione su strada con binari del tram a raso
  • temporale improvviso su strada extraurbana
  • brecciolino o sabbia sul manto stradale (in curva ma anche in rettilineo)
  • passaggio su strisce orizzontali
  • anomalie della frenata (sia su ruota anteriore che su posteriore)
  • frenata su strada con manto a bassa aderenza
  • frenata nel punto di passaggio da pavimentazione a buona bassa aderenza
  • circolazione su strada dissestata
  • circolazione dietro ad un autocarro che trasporta sabbia.

Un programma di esame abbastanza minimale insomma, ma che fornisce i rudimenti di base -specialmente per i casi di emergenza- a chi desiderasse condurre un mezzo a motore su strada pur senza avere la patente.

Esame di teoria

La durata massima dell’esame teorico è di 30 minuti, utili per rispondere a 10 domande, che prevedono 3 risposte ciascuna (le risposte ai quesiti son dei semplici vero o falso). Il numero massimo di errori consentiti per passare la prova è 4, con 5 errori si viene inderogabilmente bocciati.

 

Non esiste di norma un numero massimo di volte in cui si può dare l’esame di teoria, nè un intervallo di tempo da rispettare tra una prova e l’altra che si vuole sostenere.

Prova pratica

L’esame di pratica per il patentino 50 consiste in due differenti prove:

  • una comprendente l’esecuzione dello slalom, di un otto, un passaggio nello stretto ed una frenata, il tutto da eseguirsi in un’area chiusa al traffico
  • una che prevede una vera e propria uscita in strada, simile a quella per il cosiddetto “esame della moto”

Commenti

2 commenti a “Patentino 50 - consigli e riflessioni”

  1. anonimo on 31 Gennaio 2013 02:20

    nel 2010 ho havuto un incidente in guida in stato di ebbrezza, tasso 2gr,poi 1.97.Ero alla guida di un auto sraniera con una patente straniera,sono andata in autoscuola e ho esposto il mio problema e mi hanno detto che non cerano problemi perghè avevo una patente straniera, ho pagato sono andata in mottorizzazione ma non sono riuscita a passare la teoria. Mi sono ricritta pagando il tutto per le 2 volte 1800 euro,ora la motorizzazione mi ha messo una revoca,mi hanno rovinato la vita perchè io lavoro e mi serve la patente. in questo caso posso avere il patentino per poter comprare una microcar solo per lavorare,premetto che sono inccensurata. i mie art sono 186,116,114. mi potete aiutare con qualche consiglio.CORDIALI SALUTI A PRESTO PAT

  2. assicuri.com on 31 Gennaio 2013 15:10

    Buongiorno Pat
    io direi di no, ma le conviene rivolgersi al suo avvocato per sapere se esiste uno spiraglio (se ha avuto 1,97 anche se miracolosamente è rimasta incensurata immagino che un legale se lo sia dovuto prendere!)

Lascia un Commento




Chiudi
Invia e-mail