Nel mondo delle assicurazioni contro gli infortuni, gli sport pericolosi costituiscono forse il più vistoso tallone di Achille in fatto di qualità della copertura, poiché essi vengono solitamente esclusi del tutto dalla copertura, che diventa di fatto non operativa qualora il cliente si facesse male nell’esercizio di una delle discipline elencate nella nota informativa di polizza … ma quali sono realmente gli esercizi fisici che costituiscono maggiore pericolo per la nostra incolumità.


Polizze Infortuni

Gli sport più pericolosi in assoluto vengono solitamente coperti dalle assicurazioni

Al contrario di quanto si possa pensare gli sport più pericolosi in assoluto vengono generalmente coperti dalle assicurazioni … questo è dovuto al fatto che assicurativamente parlando la pericolosità di una disciplina deriva dal numero di infortuni e morti rapportato a quante persone praticano, mentre nella realtà sono gli sport più praticati quelli che causano il maggior numero di infortuni … sport come il parapendio o la boxe avrebbero sicuramente quantità eccezionali di infortunati, se fossero praticate come il calcio o il tennis, ma così non è … perciò ben venga l’esclusione del parapendio dalle polizze infortuni e l’inclusione nelle coperture del tennis!

L’Istituto Superiore di Sanità snocciola alcune cifre

L’Istituto Superiore di Sanità, che tiene monitorata la situazione degli infortuni durante la pratica dello sport in Italia, e -nemmeno tanto a sorpresa- vediamo come gli sport più pericolosi in assoluto per numero di infortunati in Italia siano il calcio, il calcetto e le discipline invernali.

Calcio e calcetto provocano 300.000 infortuni all’anno

Il peso della pratica di calcio e calcetto (leggasi calcio a 5 o a 7) sulle assicurazioni antinfortunistiche è davvero inquietante: i numeri parlano di 300.000 infortuni all’anno in Italia, considerando tra questi fratture, lussazioni e lesioni di vario genere (es. traumi cranici). Caviglie, piedi, ginocchia e testa sono le parti del corpo più colpite, e non si salvano nemmeno i giocatori occasionali, anche’essi soggetti e lesioni nonostante giochino magari una sola volta a settimana.

Sport invernali: snowboard e sci fanno vittime di ogni età

Negli sport invernali si nota una certa “frattura” tra gli infortuni durante la pratica dello sci, più frequenti tra gli over 50, e quelli dovuti alle discese in snowboard, che colpiscono specialmente i giovani (le ragioni di questa differenza ha molteplici motivi, il più ovvio dei quali è che lo snowboard è uno sport giovane, percui pochi over 50 lo praticano abitualmente). A differenza che nel calcio, lo sci e lo snowboard fanno tremare le assicurazioni sia nel caso di clienti uomini che di clienti donne … la percentuale di infortunati tra i due sessi è infatti paragonabile: 54% sono maschi e 46% femmine … nello sci sono quasi equivalenti, mentre lo snowboard vede comunque una prevalenza dell’uomo lesionato rispetto alla donna.

Ciclismo, jogging e atletica leggera sono sport rischiosi

Esaminata l’estrema pericolosità degli sport sopra citati va detto che essi sono seguiti da ciclismo, jogging e atletica leggera … se tutto sommato è ben nota ai più la rischiosità del ciclismo e di alcune discipline atletiche, il jogging obiettivamente miete più vittime di quanto non sembri.

Consigliabile la stipula di un’assicurazione infortuni anche per chi pratica tennis, pallavolo, danza, pallacanestro, arti marziali (es. judo o kung fu), rugby o guida la moto per sport (intendiamoci, anche guidare la moto per andare a lavorare è pericoloso, ma non ce ne occuperemo oggi poiché non si tratta di uno sport!).

Nel calcio, rugby, nella lotta gli infortuni più frequenti sono le distorsioni, dovute spesso al contatto fisico tra i partecipanti … nel ciclismo e nel motociclismo ovviamente sono le conseguenze delle cadute a fare il maggior numero di vittime (e lì le conseguenze possono essere davvero di ogni genere), lo sci mette in pericolo le ginocchia con maggiore frequenza, lo snowboard riserva pessime sorprese per i polsi, il basket colpisce spesso i piedi (anche con vere e proprie fratture) e il volley polpacci e caviglie … menzione d’onore per il nuoto, generalmente a basso rischio di lesioni … insomma, non serve fare rafting o paracadutismo per essere stimolati a stipulare un’assicurazione infortuni, a volte anche sport che reputiamo innocui possono essere assai pericolosi!

Commenti

2 commenti a “Quali sono gli sport più pericolosi?”

  1. Alessandro on 6 Ottobre 2012 14:53

    Salve, è possibile pubblicare dati/grafici del numero di infortuni per sport IN RELAZIONE al numero di praticanti ? Mettere le cifre assolute non ha senso.

  2. assicuri.com on 6 Ottobre 2012 15:15

    Buongiorno Alessandro
    sicuramente sarebbe una statistica altrettanto interessante, se avremo dati confermati vedremo di costruirla.

Lascia un Commento




Chiudi
Invia e-mail