Una domanda che ci viene posta spesso dai lettori è se sia possibile per un minorenne assicurare il proprio motorino (ciclomotore o scooter 50 che dir si voglia) o se sia necessario forzatamente trovare un adulto che sottoscriva la polizza di RC obbligatoria. Cerchiamo di dare una risposta semplice ed esauriente a questo quesito.

Lista auto neopatentati

Il proprietario del motorino può essere un minorenne

Innanzitutto sgombriamo il campo da un altro dubbio, meno frequente ma comunque spesso registrato tra i clienti delle assicurazioni: non vi è alcuna restrizione nell’intestare un motorino ad un minorenne, poiché la capacità giuridica si acquisisce alla nascita. Al riguardo è molto chiaro l’art. 1 del Codice Civile italiano, che recita nel seguente modo:

La capacità giuridica si acquista dal momento della nascita.
I diritti che la legge riconosce a favore del concepito sono subordinati all’evento della nascita.

Va da sé che chiunque può essere proprietario di qualunque mezzo di trasporto, anche persone che non hanno mai conseguito la licenza di guida o individui che hanno perso nel tempo tale permesso … ovviamente (anche s enon è questo la’rgomento del nostro post) segnaliamo che il Codice Civile rende di conseguenza valida l’intestazione a persone minorenni anche di case, terreni o altri beni.

L’assicurazione deve essere intestata a un maggiorenne

Se abbiamo sgombrato il campo da qualsiasi dubbio riguardante la proprietà del motorino (e per estensione di auto ecc.) dobbiamo segnalare che non è invece possibile intestare ad un minorenne l’assicurazione del mezzo. Avremo dunque uno dei classici casi (oltretutto forzato) in cui proprietario del mezzo e contraente dell’assicurazione non sono la stessa persona, che tanti dubbi creano nella maggior parte dei clienti … ricordiamo a tale proposito che la classe di merito andrà sempre e comunque calcolata in capo all’intestatario del mezzo, e mai a chi contrae l’RCA.

Se lo scooter è intestato a un minorenne a chi arrivano le sanzioni?

Nel caso lo scooter fosse intestato a un minore si ha un singolare effetto che, pur involontariamente, va a giovare sulle tasche di chi infrange il Codice della Strada: in caso infrazione che comporti la sottrazione di punti dalla patente, qualora si verificasse l’omessa segnalazione di chi era alla guida , ci si andrebbe a rivalere direttamente sul proprietario del veicolo, e si porrebbero tre diversi casi:

  • proprietario persona fisica titolare di patente di guida: sottrazione dei punti della patente a chi ha la proprietà del mezzo
  • proprietario persona giuridica: sanzione amministrativa
  • proprietario persona fisica non titolare di patente di guida: né sanzione né detrazione

questo buco legislativo è quantomeno singolare, poiché da un lato va a tutelare la persona minorenne, ma dall’altro rende di fatto “invulnerabile” anche chi, pur avendo compiuto i 18 anni, non ha mai conseguito la patente di guida, o ha perso il diritto ad averne una per un motivo o per l’altro nel corso della propria vita.

Riassumendo …

In definitiva è possibile intestare il motorino (o un altro mezzo a una persona minorenne), a patto che poi la copertura di legge venga intestata ad un maggiorenne, forse non proprio il massimo della comodità, ma questa è l’unica strada percorribile se non si vuole privare il minore della possibilità di avere un mezzo di proprietà.

Commenti

Lascia un Commento




Chiudi
Invia e-mail