Una domanda banale per gli addetti al settore, non altrettanto per i clienti, specialmente giovani e alle prime armi con le assicurazioni RC Auto: siete in molti a domandarci “che cos’è la classe di merito CU” e a cosa serve? sgombriamo il campo da questi e altri dubbi nell’articolo di oggi, in modo da potervi guidare a una comparazione di polizze RCA sempre più consapevole.


Risarcimento diretto

La CU è la classificazione più importante nella nostra storia assicurativa

Sebbene il cliente tipo italiano ami focalizzarsi sulle classi interne, la CU (o classe di merito universale che dire si voglia) è l’unico vero parametro insieme alla griglia dei sinistri capace di riassumere veramente la nostra storia assicurativa. Spesso sentiamo dire “sono in classe zero” o “vado in classe meno 1″, ma queste diciture sono assolutamente personali e variabili da compagnia a compagnia, quindi prive di valore nel 90% dei casi quando si volesse cambiare compagnia assicurativa; questo in pratica significa una cosa, ovvero che nel sistema assicurativo italiano la classe bonus malus può variare, a parità di storia assicurativa, da una compagnia all’altra, con il risultato che se non esistesse la classe di merito universale CU la virtuosità di un guidatore non sarebbe comparabile tra, ad esempio, Fondiaria Sai e Generali.

Non confondete le classi CU con le classi interne quando calcolate il vostro preventivo in bonus malus

Dalla premessa di cui sopra, ne deriva che è importante non confondere le proprie classi interne di bonus malus con la classe universale CU quando si va a fare un preventivo da comparare a quello della compagnia in essere per la nostra assicurazione RC Auto, pena un errore che vanificherà i vostri sforzi fornendovi un preventivo non veritiero (più alto o più basso di quanto paghereste in realtà, a seconda della scarto in positivo o negativo tra i numeri da voi inseriti e quelli che andavano realmente immessi nel preventivatore).

La classe universale accompagna tutti i nostri preventivi dal 2005 ad oggi

Uno dei motivi per cui -probabilmente- molti italiani si ostinano a ignorare la classe CU a discapito dell’ormai quasi inutile classe interna risiede probabilmente nel fatto che la prima è molto più recente della seconda: basta infatti risalire al 2005 per ritrovare il provvedimento con il quale l’Isvap (organo di vigilanza delle assicurazioni private) la istituì.

Posso passare la mia classe di merito da franchigia a bonus malus e viceversa?

Un’altra domanda che spesso viene posta in forma di dubbio è se sia possibile o meno trasportare la classe di merito attraverso le varie forme di assicurazione, da bonus malus -la più comune- alle varie franchigia, pejus e no claim discount … la risposta deve essere necessariamente sì, da quando è stata istituita la classe di merito universale CU nellle assicurazioni è stato reso possibile -per veicoli della medesima tipologia- utilizzare questa per passare da una forma assicurativa all’altra, cosa che in precedenza poteva risultare assai più problematica.

Controllate sempre la CU sul vostro attestato di rischio

Sarà buona norma controllare sempre la vostra classe di merito CU sull’attestato di rischio, ogni anno, al momento della ricezione, questo perché è difficile ma non impossibile che la compagnia di assicurazioni sbagli e riporti una classificazione di merito errata (non necessariamente a vostro sfavore!), conservare copia dell’attestato dell’anno precedente può aiutarvi non poco a non perdere mai immeritatamente una o più classi di merito, il che, in questi tempi di continui aumenti tariffari, è sicuramente auspicabile.

Commenti

6 commenti a “Cos’è la classe di merito CU?”

  1. Sebastiano on 31 Agosto 2012 12:53

    buongiorno, per l’ U N I P O L ho dovuto intestare la nuova macchina a mamma dopo la perdita di papà altrimenti,se avessi intestato la nuova macchina a me, perdevo la 1cl. maturata da 10 anni nonostante abbia pagato sempre l’assicurazione come contraente: (mio padre proprietario ed io contraente).
    Se, a suo tempo, fossi stato informato che i figli non avrebbero ereditato l’assicurazione (come si eredita una casa) mi sarei mosso già 15 anni fa quando mio padre si allettò e avrei cambiato assicurazione.
    il problema me lo ritroverò ma Vi sembra giusto???
    cosa posso fare o sperare che avvenga in futuro.???grazie infinite.

  2. assicuri.com on 31 Agosto 2012 14:33

    Buongiorno Sebastiano
    lo ha detto lei che era il contraente … i contraenti non ereditano la classe, la Unipol è già stata efficiente a consigliarle di intestare la macchina a sua mamma.

  3. Sebastiano on 1 Settembre 2012 10:10

    Salve, bastava che gli agenti dell’UNIPOL mi dicessero, 10 anni fa, : la classe di tuo padre la potrà ereditare solo il coniuge cioè tua madre, il figlio no, anche se è contraente ed io 10 anni fa, avrei subito cambiato compagnia che dava la possibilità di poter ereditare l’assicurazione per non trovarmi scoperto. Il fatto è che oggi ho 50 anni senza una mia macchina e assicurazione.Grazie.

  4. assicuri.com on 1 Settembre 2012 22:19

    Il fatto è che nessuna compagnia permette di ereditare le classi dei defunti poiché è la legge a non permetterlo, la Unipol le ha usato la cortesia di farla passare come ferma proprietà, evidentemente perché vi era una comunione di beni tra suo padre e sua madre, il fatto che lei fosse contraente poi non influisce in alcun modo sulla classe, di cui è titolare esclusivamente il proprietario.

  5. Dino on 23 Giugno 2013 18:49

    Sono un assicurato Unipol, dal 1976 proveniente ex da Meie e Aurora assicurazione.
    Domanda: Il 14/10/2011 ho causato con una mia auto, Fiat Punto immatric 07/1998,un incidende con mia responsabilità. Classe di merito 1° esist. con scadenza polizza 02/05/2012. Il 24/03/2013 ho acquistato una nuova auto Fiat Grande Punto MJ 1330 cc, intestato personalmente. Stipulando una nuova polizza con stessa società di assicurazione e in virtù della legge Bersani, mi è stata assegnata la classe di merito 3°e non 1°, con provenienza penalizzazione dall’incidente sopra indicato dell’auto stessa mia proprietà. Trascorsi circa 11 mesi ovvero febbraio 2013, ricevendo dall’assicurazione l’attestato di rischio della nuova auto Fiat Grande Punto, notavo che è trascritto nella finestra sinistri verificatosi negli anni sottostanti, mi è stato attribuito nell’anno 2012 n° 1 incidente ( causato dall’altra auto sopra indicata ) la classe di merito di conversione universale della legge Bersani legge 134 comma 4 Bis.
    La mia domanda è la seguente:
    Se questa assegnazione è giusta e perché devo portarmi questo incidente sui prossimi 4 anni su i relativi attestati di rischi futuri? Visto che l’incidente è stato causato con l’altra macchina e giustamente attribuito relativo incidente attualmente è visionato sulla medesima attestazione di rischio con relativa responsabilità della stessa auto. Inoltre vorrei sapere se questo è stato un errore dell’assicurazione, come posso far risolvere questo errore ( fosse vero )visto che l’agente assicurativo non accetta l’errore ? In attesa di un Vostro riscontro in merito e una Vostra risposta - Saluti

  6. assicuri.com on 24 Giugno 2013 12:33

    Buongiorno Dino
    se l’auto era aggiuntiva doveva avere segnato un NA, e se l’agente non accetta l’errore il consiglio è di rivolgersi all’IVASS).

Lascia un Commento




Chiudi
Invia e-mail