Quando si va in cerca di un’assicurazione RC Auto per veicoli storici a prezzo agevolato, si nota facilmente come -rispetto ad alcuni anni fa- la situazione sia notevolmente cambiata: prima era assai più facile trovare il modo di spuntare un premio basso, mentre adesso la maggior parte degli agenti e dei broker fatica ad offrire questo genere di contratti anche ai clienti migliori, poiché le compagnie sono diventate più restrittive nel concedere tariffe di favore.


Prato assicurazioni

Da auto storica ad auto d’epoca, si stringe il cerchio

Mentre prima moltissime compagnie di assicurazione offrivano tariffe agevolate per le auto storiche, adesso ci si sta sempre di più spostando verso i mezzi d’epoca, più rari e più laboriosi da farsi certificare, nella speranza evidentemente di restringere il più possibile il numero di mezzi da assicurare con queste speciali polizze; difficile trovare qualcuno che ci assicuri senza limitazioni e a prezzi stracciati semplicemente esibendo la tessera di un club, poiché sempre più diffusa è la prassi di richiedere il certificato ASI.

Cos’è il Certificato ASI?

Il certificato ASI (attestato di datazione e storicità) è sempre più spesso l’unico viatico per ottenere le sospirate assicurazioni RC Auto a basso costo: si tratta di un documento da richiedere all’Automotoclub Storico Italiano, e il suo rilascio è soggetto a:

  • carrozzeria, telaio ed allestimenti conformi a quelli originali
  • motore dello stesso tipo di quello montato in origine dal produttore
  •  interni decorosi (per i mezzi a due ruote la richiesta è ovviamente limitata alla sella)
  • almeno 20 anni di età

tenete conto che il rilascio del certificato ASI potrebbe non essere comunque sufficiente ad ottenere lo sconto, poiché potrebbe essere richiesta una prima immatricolazione risalente a 25 o 30 anni fa anche se in possesso di questo documento.

Come mai assicurare un’auto storica è sempre più difficile?

Le motivazioni che stanno alla base delle sempre maggiori difficoltà nel reperire un’assicurazione per le auto storiche a prezzi bassi risiedono principalmente:

  • nella quantità di veicoli che rispondono ai requisiti dettati sopra, che sta diventando sempre più alta con il passare degli anni
  • nel tipo di utilizzo che viene fatto di queste: non più uscite domenicali o partecipazioni ai raduni amatoriali, ma circolazione urbana e quotidiana sempre più frequente
  • nella loro diffusione nelle aree considerate a maggiore rischio dalle assicurazioni: una difesa naturale dal caro polizze è l’acquisto di una vettura che si possa assicurare a un prezzo umano

questo cocktail di motivazioni ha fatto sì che le compagnie si sentissero sempre più scoraggiate ad assumere rischi di questo genere, motivo per cui esse hanno prima introdotto franchigie e limitazioni alla guida, dopodiché sono passate a rendere sempre più ristretta l’assunzione del rischio.

Commenti

Lascia un Commento




Chiudi
Invia e-mail