Fondiaria SAI: una nuova banca in arrivo

0

Logo Banca Sai

Il gruppo Fondiaria Sai, nella veste della società finanziaria Banca Sai Network, è pronto a lanciare una nuova banca tra le tante già collegate alle assicurazioni italiane.

Il progetto appare molto particolare, specialmente a causa dell’impegno richiesto agli agenti di Fondiaria SAI e Milano Assicurazioni nella compartecipazione al capitale sociale. L’idea di questa nuova banca Fondiaria Sai (la cui denominazione è, attualmente, top secret) pare svilupparsi intorno alla strategia di aprire filiali solamente al centro nord, dove il gruppo assicurativo ha interesse a stipulare nuove polizze … aspettando l’autorizzazione della Banca d’Italia si cerca già di calcolare quanti tra i clienti fidelizzati saranno disposti anche ad aprire un conto corrente con la banca di Fondiaria Sai.

Sembra ieri che il rapporto tra Fondiaria Sai e le banche fosse non proprio idilliaco quando, a fine gennaio, Jonella Ligresti dovette affrettarsi a precisare che non sono stati gli istituti bancari a volere la testa dei vecchi vertici Sai precedenti l’avvento di Emanuele Erbetta, ma semplice spirito di emulazione nei confronti di Mediobanca che con Alberto Nagel e Renato Pagliaro pareva aver fatto un affare scegliendo un manager già interno all’azienda per portare un po’di rinnovamento.

Giunta l’autorizzazione della Banca d’Italia ed assolto l’obbligo di iscrizione al Fondo di Garanzia ABI si dovrebbe passare piuttosto rapidamente alle operazioni di selezione del personale e collegamento alla piattaforma CedAcri, per poi arrivare a maggio ad aprire le prime filiali (che secondo alcuni rumors dovrebbero comprendere banche ad Alessandria, Asti, Empoli e Saronno, per poi passare a Lecco, Massa Carrara, Monza, Pinerolo, Pontedera fino giù a Chieti, confine sud dell’operazione).

Resta la curiosità di sapere cosa pensino di questa nuova Banca Fondiaria Sai quelli della preesistente Banca Sai, il cui ruolo a questo punto non appare più così chiaro … vedremo cosa ci riserverà il futuro.

Share.

Commenta qui