Portabilità dell’Attestato di Rischio

0

La portabilità dell’attestato di rischio è un argomento poco dibattuto in relazione alla frequenza con cui ognuno di noi nella vita si trova a fare i conti con un passaggio da una vettura a un’altra.

Alcune novità in fatto di portabilità dell’attestato di rischio sono state introdotte nel 2007 dalla Legge Bersani (L. 40/2007): il documento rimane valido per 5 anni (periodo entro il quale si può quindi mantenere la Classe Universale di Merito) e può essere trasferito da un mezzo all’altro purché di categoria omogenea (es. autovettura con autovettura, e non con autocarro, ciclomotore o motociclo).

La portabilità dell’attestato di rischio è stata estesa dalla Legge Bersani anche a mezzi di categoria omogenea di familiari conviventi … attenzione perché, anche se nel decreto questo non venne esplicitato, molte compagnie richiedono che l’assicurazione R.C. Auto da cui si va a prendere la classe di merito in questo caso, sia attiva al momento dell’acquisto di classe!

Un chiarimento decisivo in fatto di portabilità dell’attestato di rischio è poi arrivato dall’ISVAP, intervenendo a fugare un dubbio diffuso tra tutti gli assicuratori d’Italia: è possibile acquistare la classe di merito anche passandosi la stessa auto (o moto o scooter) anche tra familiari conviventi, a patto che ci sia un regolare passaggio di proprietà.

Share.

Commenta qui