Minicar e Sicurezza

0

L’Italia è il paese delle Minicar, ma non certo quello della sicurezza stradale.

Dal punto di vista dei professionisti delle assicurazioni questo dato non mette certo allegria: a fronte di tariffe R.C. Ciclomotori e Motocicli già alte, avere anche questi mezzi a creare una statistica di sinistrosità pesante non può che mettere imbarazzo.

Le dotazioni di sicurezza delle minicar sono troppo basse … se da un lato alcuni modelli presentano l’airbag dall’altro non si può certo pretendere che questa isolata dotazione compensi abitacoli tutt’altro che indeformabili, tetti in vetroresina e qualche problema di stabilità. Tralasciando il fatto che le minicar possono essere guidate anche senza patente (anzi, non tralasciamolo, perché questo assicurativamente parlando vuole dire raccogliere quasi solo il “peggio”, ovvero ragazzi non ancora in età da patente e anziani) queste si prestano facilmente ad essere modificate (con tutti i pericoli che ne conseguono in fatto di sicurezza sia di chi le guida sia di chi rimane coinvolto negli incidenti come passeggero o controparte) … pompa della benzina e diaframmi modificati sono all’ordine del giorno, e non servono dei professionisti della meccanica per compiere queste modifiche ai quadricicli.

minicar sicurezza

A sfavore della sicurezza delle minicar ha parlato recentemente sul quotidiano Repubblica anche l’ex pilota Siegfreid Stohr, facendo oltretutto notare un dettaglio interessante: questi mezzi sono talmente semplici e maneggevoli da usare che si rischia di prendere un’eccessiva confidenza con la minicar fino a darci, col tempo, una sensazione di sicurezza pari a quella di una vera automobile!

Insomma, non voglio infierire su questi mezzi, ma assicurativamente parlando oltre all’R.C. di legge sarebbe opportuno pensare a munirsi anche di una polizza infortuni del conducente, che se da un lato non limita i pericoli dall’altro può darci una mano ad alleviare disagi economici seguenti ai momenti più spiacevoli della nostra carriera di guidatori!

Share.

Commenta qui