Assicurazione calamità naturali sarà obbligatoria.

0

L’assicurazione calamità naturali presto sarà obbligatoria in tutta Italia:

a stabilirlo la bozza del DL Sviluppo, che parla chiaramente di

“una copertura assicurativa obbligatoria del rischio calamità naturali nelle nuove polizze che garantiscono i fabbricati privati destinati a uso abitativo contro l’incendio, con esclusione dei fabbricati abusivi, compresi i fabbricati abusivi per i quali pur essendo stata presentata la domanda di finizione dell’illecito edilizio, non sono stati corrisposti interamente l’oblazione e gli oneri accessori”

Sarà dunque il Presidente del Consiglio (nonché Ministro dell’Economia ad interim) Mario Monti, assieme al Ministro per lo Sviluppo Economico Corrado Passera, ad occuparsi dello sviluppo di questa bozza.

Assicurazione calamità: una lunga storia

In realtà quella dell’assicurazione calamità naturali è una storia vecchia e già sentita …

assicurazione calamità obbligatoria

forse questa potrebbe essere la volta buona! la paura prima per il terremoto in Giappone, di risonanza mondiale (seguendo il link trovate le considerazioni assicurative immediatamente successive a questo triste episodio, ve le consiglio poiché trattasi di eventi di un certo interesse), poi per le più vicine alluvioni della zona delle Cinque Terre e di Genova sembrano avere sensibilizzato non poco l’opinione pubblica al riguardo.

Terremoti e alluvioni fanno sempre più paura ai proprietari di case, anche perché sembrano (in particolare le inondazioni) sempre più frequenti, senza che vi siano progressi dal punto di vista della prevenzione: noi italiani, si sa, siamo un popolo drammaticamente sottoassicurato, quindi la soluzione dell’obbligo almeno contro gli eventi più catastrofici sembra in effetti la soluzione migliore per salvaguardare le nostre tasche da eventi che potrebbero anche risultare insostenibili per molti.

Ania si schiera a favore

Ovviamente favorevole all’assicurazione calamità naturali obbligatoria si è detto il Presidente di Ania Fabio Cerchiai, che ha oltretutto fatto notare come la stipula di polizze su tutto il territorio sarebbe anche la soluzione più equa per omogeneizzare le spese tra le varie zone d’Italia (il rischio idrogeologico non è uguale su tutto il territorio!).

Share.

Commenta qui