Cresci Italia Monti: assicurazioni e non solo.

0

Il Cresci Italia che verrà varato dal governo tecnico di Mario Monti dovrebbe (potrebbe?) garantire una piena ripresa economica, sempre che il Salva Italia riesca a scongiurare il rischio default della nostra nazione. Le misure del pacchetto sono molteplici, analizzeremo sia il settore assicurazioni (che rappresenta il “core business” del nostro blog) ma anche gli altri punti nodali della manovra, che sono tutti correlati tra loro, in modo da riuscire a creare un circolo virtuoso chiamato a portarci fuori dalla crisi.

Corrado Passera

Cos’è il Cresci Italia?

Il pacchetto Cresci Italia è di fatto la fase 2 della manovra Monti: dopo avere pianto lacrime amare a seguito del cosiddetto pacchetto “Salva Italia” il presidente del consiglio ha rassicurato gli italiani che non ci saranno nuove tasse, poiché i conti pubblici sono stati messi in sicurezza: è ora dunque di voltare pagina, e guardare alla crescita economica con provvedimenti adatti a promuoverla.

Equità come leva per la crescita

Una delle poche cose che abbiamo capito finora del Cresci Italia è che la leva per la ripresa economica dovrà essere l’equità: meno sprechi di denaro pubblico, enfasi su liberalizzazioni e concorrenza, riforma degli ammortizzatori sociali, riqualificazione del capitale umano, attenzione sullo spinoso problema dell’occupazione giovanile (forse sarebbe meglio dire disoccupazione!) e migliore utilizzo delle risorse del Mezzogiorno (questo ultimo punto, a mio avviso fondamentale, è tuttavia quasi irrealizzabile a meno che non si raggiunga un minimo d coesione territoriale tra nord e sud). L’equità basterà a risollevarci dalla crisi economica e finanziaria che stiamo vivendo (e che ci minaccerà almeno anche nel 2012).

Cresci Italia e assicurazioni

Come promesso diamo anche un’occhiata alle implicazioni che il pacchetto Cresci Italia avrà sulle assicurazioni: queste saranno interessate soprattutto dalla Legge sulla Concorrenza, che probabilmente sarà varata a gennaio 2012, e che conterrà disposizioni non solo per quanto riguarda il mercato assicurativo, ma anche per altri settori chiave dell’economia italiana, quali l’energia, i trasporti, le poste, i lavori pubblici e le libere professioni. Per il discorso della concorrenza sarà fondamentale l’apporto del garante dell’antitrust Giovanno Pitruzzella, nonché l’esperienza maturata in questo campo dall’attuale sottosegretario Antonio Catricalà.
Sulle pagine di questo blog avevamo già anticipato quella che sarebbe stata la linea del Governo Monti al riguardo: sarà interessante al proposito andare a vedere cosa avevamo preannunciato riguardo al discorso delle liberalizzazioni delle assicurazioni.
Sappiamo tutti come il mercato delle polizze assicurative abbia bisogna di maggiore concorrenza, per non ripetere nel 2012 gli sbagli che sono stati propri dell’anno passato. Abbiamo fiducia nel fatto che Monti, Passera (in foto), Catricalà e gli altri componenti della squadra siano in grado di produrre un pacchetto Cresci Italiacapace di risollevare la nostra pessima situazione, anche se non sappiamo ancora quali misure preveda … inutile precisare che al di là del nostro interesse circa ciò che sarà il mondo delle assicurazioni nel 2012 l’attesa è alta anche per tutte le altre misure della riforma!

Share.

Commenta qui