Obbligo dei 3 preventivi: Unapass non ci sta

0

L’obbligo dei 3 preventivi è uno dei pochi dati certi riguardanti la liberalizzazione delle assicurazioni voluta dal Governo Monti per l’anno 2012. Gli agenti assicurativi, specialmente i monomandatari e i plurimandatari con 2 compagnie, non vedono di buon occhio il provvedimento poiché, in assenza del divieto di monomandato (che secondo noi avrebbe davvero potuto salvare il mercato assicurativo o quantomeno attutire gli aumenti previsti per il 2012 -e a questo punto anche il 2013-) il dovere proporre 3 preventivi gratis diventa un’inutile costrizione, che non farà altro che aumentare i costi e le perdite di tempo e quindi si tradurrà prevedibilmente in un ulteriore aumento dei costi per i clienti.

obbligo 3 preventivi

3 preventivi obbligatori non piacciono a Unapass

Unapass (Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazioni) non vede di buon occhio questo obbligo, lo si evince dalle parole del suo presidente Massimo Congiu, che fa notare come l’85% degli agenti assicurativi in Italia sia monomandatario, e non sarà possibile in pochi giorni obbligare questa enorme mole di professionisti a fornire gratuitamente alla clientela i preventivi della concorrenza.
Massimo Congiu, a dire il vero, non vede favorevolmente anche l’eventuale reintroduzione dell’obbligo di plurimandato scomparsa dalla bozza di legge, spiegando come non sia possibile “diventare plurimandatari in 24 ore per obbligo di legge” … in realtà immaginiamo che il ragionamento sottostante a questa frase non sia stato riportato dalla stampa ma esista -dico questo perché trovo strano che si possa vedere di cattivo occhio il fatto di avere più mandati- nel caso riuscissimo a saperne di più vi terremo ovviamente aggiornati.

Obbligo dei 3 preventivi potrebbe essere controproducente per le tariffe

L’obbligo di presentare 3 preventivi dell’assicurazione auto sarà -a nostro avviso- assolutamente inutile quando non addirittura controproducente: immaginiamo come sarà la realtà con cui ci andremo a scontrare, ovvero quella di un agente monomandatario costretto per legge a mostrare 3 preventivi al cliente … intanto per cominciare, a meno che non sia una persona completamente intenzionata a perdere il cliente, si semplificherà la vita inserendo due preventivi più cari dei suoi, in modo da potere rivolgere a proprio favore questa arma “pensata” per aumentare la competitività … diciamoci la verità, nessuno vuole lavorare gratis, meno che meno se è per arricchire la concorrenza … in secondo luogo il nostro agente avrà, a fronte di provvigioni già basse, ulteriori spese (migliaia di fogli di carta in più all’anno da acquistare, stampare, inviare -qualcuno da conservare- e ricordare ai clienti, che sappiamo tutti quanto odino essere ricoperti di carta al momento della conclusione di un contratto … già molti si rivelano insofferenti sul 7A e 7B, alcuni capitolano sul questionario di adeguatezza … ora mi aspetto che quelli che sembravano i più pazienti sbotteranno su questo ennesimo modulo!) e, cosa più importante di tutte, enormi perdite di tempo (oserei dire triplicazione dei tempi) per preparare un preventivo! se fosse così non pretendere un aumento delle provvigioni sarebbe da pazzi … e sappiamo tutti che l’aumento delle provvigioni le compagnie, più o meno direttamente, lo farebbero gravare sul cliente.

Unapass l’8 febbraio 2012 protesterà contro le liberalizzazioni

Mercoledì 8 febbraio, mente a Roma il governo Monti discuterà i provvedimenti relativi alle liberalizzazioni nel settore assicurativo, Unapass protesterà con lo slogan “Fermiamoci, per ascoltare e per farci sentire”. L’evento si terrà presso l’Hotel Nazionale Rome di Piazza Montecitorio, 131, in orario mattutino (9.30-13.30); ci sarà possibilità di incontrare deputati e senatori, allo scopo di discutere serenamente il futuro del settore assicurazioni.

Previsto un fermo agenzie per la stessa data

Per rendere più ridondante dal punto di vista dell’opinione pubblica questa iniziativa, è stato pensato anche un fermo agenzie per la medesima data e nello stesso orario, di modo che anche i mass media ed i clienti delle assicurazioni si rendano conto di quelli che sono i problemi dei professionisti di questo segmento tanto delicato e importante. Pur condividendo solo a metà quello che è il discorso di Unapass ci sembrava giusto dare voce a questa iniziativa, che ci sembra un interessante occasione di confronto, a difesa degli agenti ma nel lungo periodo dei clienti stessi.

Share.

Commenta qui