Assicurazione Auto Caserta sempre meno economiche

0

Il problema delle assicurazioni auto troppo care è ormai generalizzato in tutta Italia, tuttavia esistono alcune province in cui le polizze RC Auto, da sempre costose, continuano ad aumentare anche in casi ingiustificati, ovvero quelli di clienti che hanno l’attestato di rischio completo e a 0 sinistri, che per 5, 10 o più anni hanno sempre e solo pagato soldi alla compagnia senza chiedere niente indietro.

Una di queste province è Caserta, la più a nord della Campania, che si trova in alcuni casi a competere -in quanto a prezzi- con la ben più caotica e trafficata Napoli.

Perché le assicurazioni auto a Caserta costano così tanto?

Sebbene le compagnie da sempre si trincerino -per giustificare le tariffe ormai fuori controllo- al problema dei falsi sinistri, effettivamente troppo diffuso nella zona, riteniamo che questo elemento non sia utile a spiegare come mai anche chi non ha mai fatto un incidente (finto o vero che sia) si trovi a pagare tanti soldi quanti in alcune province del nord basterebbero a permettersi un sinistro ogni 3 anni (per non parlare di Paesi vicini come la Svizzera o l’Austria!).

Da tempo le associazioni dei consumatori e i blog dei professionisti del settore (tra i quali ci inseriamo anche il nostro) si battono per trovare una soluzione a questo genere di discriminazioni, che vanno a danneggiare il portafoglio dei cittadini casertani e -cosa meno grave ma ugualmente dannosa- a rendere difficile se non impossibile il lavoro degli assicuratori e persino dei broker che intendano lavorare su quel territorio, sia con la loro presenza fisica sia a distanza.

assicurazione auto caserta

Aversa, Castel Volturno, Marcianise, Maddaloni anch’essi tartassati dall’assicurazione auto

Il problema in provincia di Caserta è esteso non solo al capoluogo, ma anche ai comuni: diversamente da altri luoghi d’Italia non basta avere la residenza fuori città per pagare un prezzo accettabile per assicurarsi. Numeorsi comuni (citiamo a titolo di esempio oltre a quelli sopra Santa Maria capua Vetere, Mondragone, SessaAurunca, Casal di Principe e Capua, ma ce ne sarebbero molti altri meno popolosi) soffrono di continui rincari sull’RC Auto, che vanno ad erodere i risparmi dei cittadini di una provincia che già non è tra le più ricche d’Italia e presenta forti problemi di disoccupazione.

A Caserta e provincia spesso mancano le piccole compagnie

La presenza fisica sul territorio da parte delle compagnie assicurative è spesso limitata ai grandi marchi, mentre piccole compagnie sembrano latitare (le grandi non sono comunque più meritevoli, poiché tendono a trincerarsi spesso dietro a tariffe da capogiro per eludere l’obbligo a contrarre nei casi più spinosi).

Compagnie che avrebbero tariffe più vantaggiose delle altre (due, a titolo di esempio, sarebbero Donau e Incontra) sono praticamente introvabili passando per agenzie, e in alcuni casi anche rivolgendosi fuori provincia negli uffici più vicini o in quelli del nord non è detto che si riesca ad avere il prezioso documento al prezzo promesso.

Tariffa unica come possibile soluzione?

Tra le tante proposte per risolvere questo problema (ovviamente non solo a Caserta, protagonista dell’articolo di oggi, ma di molte altre zone critiche) una delle più efficaci in apparenza sarebbe quello della tariffa unica, che se da un lato avrebbe la grossa controindicazione di produrre aumenti -anche marcati- in più di mezza Italia, dall’altro dovrebbe mitigare le tariffe eccessivamente alte di alcune province. Una soluzione fortemente impopolare insomma, ma che potrebbe risolvere alcuni problemi se attuata con controllo e criterio (diversamente rischierebbe onestamente di essere fortemente controproducente).

Commenti e opinioni per chi volesse dire la sua

Ricordiamo come sempre che, per chi volesse dire la sua sul problema assicurazioni auto a Caserta e provincia che rimane aperta l’apposita area commenti in fondo all’articolo.

Per chi volesse invece dare un’occhiata al nostro test per trovare l’assicurazione più economica a Caserta (ovviamente sul profilo da noi preso in esame) basta seguire il link sopra riportato.

Share.

Commenta qui