Incidente con concorso di colpa: cosa fare?

0

Un incidente con concorso di colpa è una circostanza non troppo remota nella vita di un’automobilista, e diventa argomento assai dibattuto in materia di assicurazione RC Auto: vediamo cosa accade in questo caso, e cosa succede alla nostra assicurazione RC Auto quando siamo colpevoli in una determinata percentuale.

Le radici di questa circostanza andrebbero ricercate in giurisprudenza nel concetto di colpa (art. 43 del Codice Penale) che viene stabilita quando esistono negligenza, imprudenza, imperizia o in generale inosservanza delle leggi.

 

Quando c’è concorso di colpa in un sinistro?

Il concetto di concorso di colpa in caso di incidenti stradali si deduce dall’art. 2054 del Codice Civile, che recita:

“Il conducente di un veicolo senza guida di rotaie è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone o a cose dalla circolazione del veicolo, se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno. Nel caso di scontro tra veicoli si presume, fino a prova contraria, che ciascuno dei conducenti abbia concorso ugualmente a produrre il danno subito dai singoli veicoli … “.

In pratica, ogni volta che non riusciamo a discolparci completamente (ad esempio perché la controparte sottoscrive un CID in cui si assume la responsabilità del sinistro, o perché le forze dell’ordine intervenute giudicano che noi siamo stati vittima di chi ci ha scontrati) si presume che il danno sia stato provocato al 50%.

incidente concorso colpa

Come funziona il risarcimento in caso di colpa al 50%

Se la colpa viene divisa al 50% tra i due guidatori (auto, moto, scooter o furgoni non importa!) ognuno pagherà all’altro la metà dei danni che questi ha subito. Dal momento che il concorso deriva dal comportamento presumibilmente incosciente e inosservante della legge di entrambi, facciamo notare che esso opera anche se uno dei due personaggi coinvolti non ha subito alcun danno al proprio mezzo di trasporto.

Concorso di colpa effettivo e presunto

Distinguiamo anche tra corresponsabilità effettiva e presunta:

  • per concorso di colpa effettivo si intende quello in cui è realmente evidente che entrambi i conducenti hanno violato le leggi o commesso imprudenze che hanno portato al sinistro: in questo caso non è detto che la corresponsabilità sia sempre al 50%, poiché spesso uno dei due colpevoli ha avuto un ruolo minimo rispetto all’altro nel decidere la dinamica dell’evento (non è raro vedere situazioni divise -ad esempio- 70% e 30%;
  • per concorso di colpa presunto si intende quello che scaturisce dalla rigida applicazione dell’art. 2054 Cod. Civ che abbiamo visto sopra, ovvero quando uno dei due guidatori non riesca a scagionarsi completamente senza che per questo venga provato con certezza che abbia infranto le regole, in tale caso non potrà esserci situazione diversa dalla suddivisione dei danni “fifty-fifty”.

Concorso di colpa e danni morali

Un altro elemento importante da notare è che in caso di presunta corresponsabilità nel sinistro non opera il risarcimento dei danni morali nei confronti della controparte. Inutile dunque sarà incitare la propria assicurazione (o il proprio avvocato) ad insistere per questo tipo di ristoro, poiché si tratta di un caso non previsto dalla legge.

Diverso è il caso del concorso di colpa effettivo, in cui (contrariamente a quanto ritengano alcuni) a nostro parere l’indennizzo dovrà comprendere anche eventuali danni morali.

Assicurazione RCA e classi di merito

Quali sono gli effetti del concorso di colpa sulla classe di merito della nostra assicurazione RC Auto? potete tirare un sospiro di sollievo poiché fino al 50% di colpevolezza non troverete aumenti sulla CU, anche se il sinistro rimarrà segnato, completo di percentuale, sul vostro attestato di rischio, poiché se per un nuovo incidente con colpa (anche parziale) doveste ottenere un cumulo percentuale del 51% o oltre salirete di due classi di merito come in caso di sinistro con colpa piena.

Share.

Commenta qui