Spending Review: novità anche per le assicurazioni

0

Mario Monti e il suo governo tecnico hanno novità in serbo anche per leassicurazioni: pronta al varo la spending review, ecco alcune sorprese anche in questo ambito … iniziamo con una piccola premessa, poi passiamo al punto riguardante le assicurazioni, per poi spiegare il decreto legge ripercorrendone velocemente tutti i punti.

Cos’è la spending review?

I giornali e i tg ne parlano da giorni, ma cos’è la spending review in parole comprensibili? la definizione è piuttosto semplice, e parte dalla sua traduzione in italiano, che corrisponderebbe letteralmente a “revisione della spesa”: si tratta dunque di un provvedimento che va a tagliare inefficienze e sprechi in ambito pubblico, al fine di “far saltare fuori” nonostante la crisi i soldi necessari a finanziare lo sviluppo nella nazione Italia. Esattamente come una famiglia in crisi infatti, anche lo Stato quando ha meno entrate deve “tirare la cinghia” e cercare di tagliare le spese laddove possibile cercando di privarsi di ciò che è meno importante, per non dover rinunciare alle cose più utili. Una volta spiegato il significato della locuzione spending review andiamo, come promesso, a vedere cosa cambia per le assicurazioni.

Isvap e Covip soppresse: arriva l’Ivarp

Nell’ottica dei tagli, quando non possiamo privarci di un ente la cosa migliore è riuscire a vedere se si riesce ad accorparlo con un altro, in modo da ridurre almeno alcune spese … proprio questo è accaduto in ambito assicurativo: l’Isvap (ovvero l’organo di vigilanza) verrà riunito alla Covip (commissione che vigila invece sui fondi pensione) in un nuovo organo, che verrà chiamato Ivarp (che sta per Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni e sul Risparmio Previdenziale). Riteniamo sia ancora presto per dire se questa decisione sarà un bene o un male, anche se -nell’ottica dei tagli- non possiamo che dire che è giusto provare a risparmiare qualcosa anche partendo dal settore delle assicurazioni, specialmente se è vero quanto annunciato dai portavoce del governo di Mario Monti, ovvero che l’Ivarp porterà ad un risparmio del 10% rispetto all’esercizio congiunto di Isvap e Covip, sembra inoltre che l’attività di vigilanza assicurativa e quella bancaria risulteranno maggiormente interconnesse grazie a questa fusione.

spending review novità

Tutti i punti della spending review

La spending review ovviamente non è andata a toccare le sole assicurazioni: i settori interessati dal provvedimento, redatto dal commissario per la razionalizzazione alla spesa Enrico Bondi, sono sono i seguenti:

  • riduzione del numero dei dipendenti dei Ministeri
  • riduzione dell’organo delle Forze Armate
  • riduzione della spesa per “auto blu”
  • contenimento del valore dei buoni pasto per i dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni (dirigenti compresi)
  • riduzione degli spazi utilizzati per uffici e archivi delle P.A.
  • riduzione del numero dei membri di consiglio di amministrazione delle società a controllo pubblico (massimo 3)
  • tagli generali alle spese di ministeri ed enti statali
  • soppressione di parecchi enti e fondazioni
  • riduzione e razionalizzazione del personale docente italiano all’estero
  • revisione e razionalizzazione di contratti di fornitura, utilizzo della Consip come “centrale acquisti”
  • introduzione di nuove regole per il prepensionamento dei dipendenti in eccesso della P.A.
  • obbligo di ferie per il personale della Pubblica Amministrazione

Riuscirà dunque la spending review a portare risparmi tangibili oltre che nel settore delle assicurazioni anche nelle Pubbliche Amministrazioni? non resta che aspettare il 2013 per avere qualche conferma.

Share.

Commenta qui