Assicurazione Segway: qual è la verità?

0

Oggi diamo il via a un dibattito su un argomento che interessa sempre più persone, ovvero quello relativo all’assicurazione del segway (e di riflesso all’obbligo del casco che potrebbe gravare su di esso) in Italia: premettiamo che se da un lato il Codice della Strada 2013 dovrebbe portare qualche novità a riguardo, dall’altro in questo momento l’utilizzo di tale veicolo è vittima di un “buco legislativo” che sta facendo impazzire i possessori del mezzo e pure la Polizia Stradale.

 

Che cos’è un segway?

Partiamo dalle basi, ovvero spiegando che cosa è un segway: si tratta di un dispositivo di trasporto, creato nel 2001, mosso tramite un motore elettrico con alimentazione a batterie. La sua forma caratteristica non passa certo inosservata (ne potete vedere uno in fotografia) ed è spesso utilizzato in porti, aeroporti, stazioni ferroviarie, anche se si sta diffondendo sempre di più sui marciapiedi cittadini.

Considerando la velocità, la massa e il peso di uno di questi veicoli che per il momento sono equiparati ai pedoni (ancora per poco, probabilmente) viene spontaneo domandarsi se esista un’assicurazione segway al pari ad esempio della RC dei ciclomotori che -pur non obbligatoria- copra tali veicoli nel caso il conducente danneggiasse terzi durante la conduzione.

assicurazione segway

Assicurare un segway è obbligatorio?

In molti si chiedono dunque se assicurare il segway per la responsabilità civile sia o meno obbligatorio: attualmente a dispetto di quanto si legge in diversi forum riteniamo non lo sia ancora, poiché sostanzialmente equiparato a un pedone e non a un ciclomotore … se effettivamente passassero le norme che stabiliscono limiti di età e velocità per tali veicoli la situazione sarebbe radicalmente differente, e si potrebbe probabilmente passare a considerarli veicoli da targare ed assicurare, ma dovrebbe essere il legislatore ad avvisare di questo, riteniamo che una decisione del genere non possa partire dalla libera supposizione di qualcuno come spesso accade in questo settore.

A riprova di quanto diciamo, non tanto per screditare altri siti, di cui comunque non faremo in nomi, ma per dare un’informazione completa, ci sono diversi indizi:

  • il segway non ha targa, può essere guidato da persone di ogni età, la sua proprietà è indimostrabile esattamente come per una bicicletta, non ha un libretto che lo identifichi come ciclomotore
  • alcune concessionarie offrono una assicurazione segway in collaborazione, ad esempio cercando sul web si trova un rivenditore e noleggiatore di Verona convenzionato con Ina Assitalia di Bolzano, con massimali che -se fosse obbligatoria- non sarebbero legali (1 milione di euro per l’esattezza) … dando per scontato che nè la compagnia assicuratrice nè l’azienda produttrice sono degli sprovveduti si fa presto a capire che si tratta di una generica polizza di responsabilità civile.

In definitiva riteniamo che l’RC segway in assenza di legislazione apposita si riconduca alla classica polizza del capofamiglia che ci assicura per i fatti della vita quotidiana, in attesa che il nuovo Codice della Strada faccia maggiore luce su questa problematica.

Share.

Commenta qui