Assicuratori x Bersani – quando l’RCA incontra la politica

0

Il mondo delle assicurazioni solitamente quando incontra la politica lo fa ad alti livelli … non vogliamo apparire demagogici o populisti ma quando questo accade solitamente non porta nulla di buono per il consumatore, tantomeno per l’assicuratore, ma si limita ad arricchire la compagnia. Discorso diverso vale invece quando -raramente- sono gli agenti o i broker a muoversi, come è accaduto questa volta, con la formazione del movimento Assicuratori x Bersani, volto a richiedere al leader del centrosinistra un nuovo impegno per migliorare il settore RC Auto, in modo da avvantaggiare i cittadini e coloro i quali le polizze le vendono.

Legge Bersani per le assicurazioni

Perché AssicuratoriXBersani?

Il manifesto di Assicuratori x Bersani è semplice ma dettagliato, e si articola in 8 punti, ovvero:

  1. nuovo modello di welfare (in modo da sgravare il più possibile le fasce più deboli di popolazione)
  2. nuova cultura della legalità e dell’etica sociale (reprimere le frodi, ma anche premiare i virtuosi, puntare ad un’economia etica e solidale anche nelle assicurazioni)
  3. introduzione del reato di omicidio stradale (per questo anche il governo Monti ha fatto tanto, questo va detto)
  4. nuove liberalizzazioni (gli assicuratori chiedono a Bersani nuove “lenzuolate”, in modo da aumentare la concorrenza e giungere a nuove leggi sul settore RC Auto
  5. rivedere le autorities (gli organi di vigilanza devono agire in maniera efficiente e vigilare senza tregua sulle assicurazioni
  6. ridurre la burocrazia (nel rispetto dei diritti del consumatore occorre ottenere uno snellimento delle norme di modo che i costi non superino i benefici)
  7. statuto del lavoro autonomo e d’impresa (in modo da regolamentare diritti e doveri dei professionisti del settore)
  8. salvaguardia dei livelli occupazionali (in modo da tutelare maggiormente chi lavora nel settore assicurativo e dargli certezze lavorative)

Le dimissioni di Monti daranno spinta a queste istanze?

Sebbene il movimento degli “Assicuratori per Bersani” sia nato in tempi non sospetti (ovvero nel periodo delle primarie del centrosinistra, gli avvenimenti degli ultimi giorni e in primis le dimissioni di Mario Monti potrebbero dare grande impatto alle istanze di un gruppo nutrito di lavoratori, che si presume siano pronti a sostenere Pierluigi Bersani anche nella campagna elettorale per la Presidenza del Consiglio dei Ministri, per potere perseguire gli 8 punti enunciati sopra.

Considerata l’importanza della “questione meridionale” nel mondo delle assicurazioni RC Auto non ci sentiamo di escludere che oltre ai professionisti delle assicurazioni anche molti movimenti di cittadini nati per contrastare il caro RC Auto vedano di buon occhio questo movimento, anche se non sappiamo ancora cosa ne pensino i componenti di gruppi come “Mo Bast!” o “Napoli Virtuosa” crediamo che questa idea farà parlare di sè non solo tra i lavoratori del settore, ma anche tra chi quotidianamente lotta per cambiare le regole dell’RC Auto anche come cittadino comune. Non sappiamo ancora se Mario Monti si candiderà come Presidente del Consiglio, anche se la nostra impressione è che questo non avverrà, e senza la concorrenza del premier uscente le possibilità di vittoria del leader del PD sarebbero veramente alte (non serve un politologo per affermarlo, crediamo), percui le istanze portati dal movimento degli “assicuratori per Bersani” potrebbero diventare realtà subito dopo l’election day … e voi cosa ne pensate?

Share.

Commenta qui