Anagrafe elettronica dei finti sinistri: la proposta di Confcommercio

0

In vista del nuovo Governo fioccano le proposte per diminuire i prezzi delleassicurazioni RC Auto: è ora il turno di Confcommercio, che lancia un’idea già vecchia di molti mesi, ma ormai caduta nel dimenticatoio, ovvero l’anagrafe elettronica dei finti sinistri (che sarebbe oltretutto compendio naturale all’agenzia antifrode).

Vediamo in cosa consiste nel dettaglio la riedizione 2013 di questa vecchia idea, e quali sarebbero i benefici che si suppongono soprattutto a favore di alcune province del Sud Italia.

Truffa fontana di Trevi

Schedare i truffatori per fare pagare meno gli onesti

Partendo dal presupposto che molto spesso le truffe vengono perpetrate tramite l’accordo di almeno due proprietari di autovetture, il database immagazzinerebbe i dati anche del truffatore a cui non sale la classe di merito, con l’evidente vantaggio che chi si è arricchito ingiustamente ai danni degli altri assicurati, ma figura come virtuoso sull’attestato di rischio, sarebbe comunque a rischio penalizzazione.

Database elettronico efficace solo se collegato a tariffa unica

La nostra impressione è che il database elettronico dei falsi sinistri sia una buona idea solo se in concomitanza con l’avvento della tariffa unica: scovare i “falsi virtuosi” oltre che i truffatori renderebbe più conveniente la classe di merito più bassa, almeno in teoria, e farebbe sicuramente un grande piacere ai guidatori “senza peccato” specialmente nelle province in cui l’assicurazione è più cara, a cominciare dalla popolosa Napoli fino ad altre località di Campania, Calabria, Puglia o Toscana.

La speranza è dunque che i politici italiani, archiviata la pratica elezioni 2013, mantengano l’intenzione di Bersani e Vendola di occuparsi quanto prima della tariffa unica nazionale, e riescano finalmente a donare un po’di sollievo agli automobilisti tartassati dal caro prezzi RCA.

Istituire anche un archivio elettronico per buche e sconnessioni

Oltre all’archivio elettronico dei finti sinistri a nostro avviso dovrebbe essere allargata anche l’iniziativa legata all’archiviazione delle segnalazione di buche e sconnessioni, già esistente in alcuni comuni al fine di evitare false denunce di sinistro (un esempio virtuoso a riguardo è il comune di Castellammare di Stabia) … in questo caso le assicurazioni RC Auto sarebbero toccate solo marginalmente dal provvedimento, ma ne trarrebbero enormi giovamenti le polizze RCT stipulate dai comuni contro tali eventualità.

Share.

Commenta qui