Fondi pensione: rendimenti sorprendenti nell’ultimo anno

0

I fondi pensione stanno vivendo uno dei momenti migliori della loro storia in quanto a rendimenti, il che da un lato stupisce sicuramente, vista la congiuntura economica sfavorevole che stiamo attraversando ormai da diversi anni: vediamo quali sono state le performance nel 2012, e perché è ancora una buona idea valutare l’ipotesi di versarvi del denaro nella speranza di integrare la propria pensione.

rendimento fondi pensione

 

Rendimento medio dei fondi pensione: buone notizie

Iniziamo subito facendo parlare le cifre, che confermano quanto asserito sopra. Il rendimento medio dei fondi pensione in Italia nel 2012 è stato:

  • + 7,8% per i fondi negoziali
  • + 8,6% per i fondi aperti

forse non il migliore anno nella storia per queste forme di investimento, ma poco ci manca. Se si confrontano questi numeri con il tasso netto di rivalutazione del TFR, che lo scorso anno è stato del 3,3%, si comprende immediatamente la convenienza.

I titoli di stato spingono la performance dei fondi pensione

Molti di voi giustamente si domanderanno: ma questi rendimenti così buoni come sono usciti fuori in un momento così nero per i mercati?

La risposta è in verità è semplice: siccome non tutti i mercati azionari hanno ottenuto pessime performances (e ovviamente non tutti i titoli all’interno di una borsa valori sono andati male) parte del merito va all’abilità di chi ha allocato le risporse dei risparmiatori. A questo occorre aggiungere che questa particolare situazione di instabilità sta facendo alzare i rendimenti dei titoli di Stato europei (in Italia lo sappiamo bene!) con la conseguenza che chi ha puntato con maggiore insistenza su questo genere di investimento è stato premiato …i fondi pensione aperti hanno investito il 49,7% delle risorse in questa forma di risparmio, mentre i negoziali si sono spinti fino al 70%.

Se continua la crisi … meglio investire nella pensione

Per quanto sappiamo tutti che non sia così facile a farsi come a dirsi, più la crisi perdura più sarebbe un’ottima idea mettere da parte più soldi possibili in vista della pensione, questo poiché già da tempo l’Inps e le varie gestioni non navigano in cattive acque, e nonostante il governo tecnico di Mario Monti abbia cercato di agire sul deficit con progetti di riforma delle pensioni (nemmeno troppo popolari, a dire la verità) la situazione per chisi ritirerà dal lavoro tra 30, 40 o 50 anni è tutt’altro che rosea. Ovviamente non possiamo garantirvi che i rendimenti dei fondi pensione continuino ad essere soddisfacenti in eterno, anzi non ce la sentiamo di darvi certezze nemmeno per la seconda metà del 2013 o per il 2014, ma l’unica certezza che possiamo offrirvi è che salvo imprevisti cambi di politica le pensioni erogate dallo Stato non saranno soddisfacenti per i nostri figli come lo sono state per i nostri genitori.

Share.

Commenta qui