Vendola: opinioni di Nodisdetta Sud in Parlamento

0

In questi giorni febbrili in cui il Presidente della Repubblica rieletto Giorgio Napolitano è chiamato a nominare il Presidente del Consiglio, il Parlamento per fortuna sembra essersi rimesso in moto, e lo schieramento di Nichi Vendola ha portato all’attenzione una proposta di legge di fondamentale importanza per il mondo delle assicurazioni RC Auto.


Nichi Vendola

Scotto e Migliore firmano la proposta di legge

A firmare la proposta di legge sono i deputati napoletano Arturo Scotto e Gennaro Migliore, entrambi eletti nelle fila di Sinistra Ecologia e Libertà, formazione che, dopo un’iniziale alleanza con il PD di Pierluigi Bersani, sembra ormai definitivamente avere preso la strada dei banchi dell’opposizione a fianco del Movimento 5 Stelle. Vediamo cosa si chiede di preciso al legislatore per risolvere i problemi del caro RC Auto e quali sono le opinioni che ha il partito di Nichi Vendola riguardo alla discriminazione ai danni dei meridionali.

Tariffa unica, tempi di prescrizione brevi e divieto di cessione del credito

Secondo le opinioni dei due parlamentari di Nichi Vendola la soluzione ideale sarebbe muoversi su tre punti principali:

  • Tariffa unica: senza la quale, scrivono, difficilmente si raggiungerebbe un’equità di trattamento tra cittadini delle diverse province d’Italia a parità di virtuosità (stiamo sempre parlando di attestati di rischio privi di sinistri.
  • Divieto di cessione del credito assicurativo: allo scopo di contrastare le frodi sarebbe opportuno vietare la cessione del risarcimento a terzi che non siano i danneggiati: passare la pratica ad un’agenzia specializzata in sinistri infatti porta ad ingiustificati “rigonfiamenti” degli indennizzi.
  • Tempi brevi di prescrizione: in caso di sinistro RCA non bisogna andare oltre i 3 giorni che sono stati stabiliti dal legislatore.

Ulteriore inasprimento delle pene per le frodi assicurative

Non solo richieste a favore dei clienti dunque, i parlamentari di Sinistra Ecologia e Libertà intendono “barattare” la tariffa unica con concessioni anche alle compagnie di assicurazione, innocue per i clienti ma utili a limitare le uscite di denaro, tra cui spicca una richiesta di ulteriore inasprimento delle pene per il reato di frode assicurativa, già recentemente aumentate ma evidentemente non ancora giudicate sufficienti.

Share.

Commenta qui