Assicurazione Furto Negozio: 5 cose da sapere

0

Chi lavora nel commercio sa quanto possa essere alta la preoccupazione di subire un furto che possa danneggiare economicamente la nostra attività, a maggior ragione da quando la crisi economica sta minando non poco i conti delle aziende anche subire un furto potrebbe causare un dissesto di non poco conto al bilancio: quasi tutte le compagnie propongono l’assicurazione furto negozio nel loro catalogo di prodotti, ma vale davvero la pena stipularne una? e in caso di risposta affermativa, quali sono le cose da sapere prima di firmare il contratto? Vediamo di fare un po’di chiarezza a riguardo.

1-Quando non stipulare l’assicurazione furto negozio

La prima cosa da sapere è che una polizza che ci tuteli dai furti può anche costare cara, tanto da risultare poco conveniente nel caso non fossimo individui particolarmente soggetti a subire furti di grande entità; tenete conto poi che normalmente i contratti hanno una franchigia e uno scoperto, per cui potete scordarvi i piccoli indennizzi … il nostro consiglio è di aggiungere questa garanzia alla vostra polizza negozio solo se vendete articoli che vi mettono effettivamente a rischio di subire grossi danni economici  (solitamente le categorie più a rischio sono i commercianti che vendono merci non particolarmente ingombranti ma ad alto costo, i gioielli sono la merce soggetta a furto per eccellenza, ma anche gli abiti firmati, monete e francobolli antichi, opere d’arte e molto altro sono nel mirino dei ladri desiderosi di fare un colpo da decine di migliaia di euro).

assicurazione furto negozio

2-Non assicurate l’intero valore delle merci

L’assicurazione furto negozio può essere stipulata a primo rischio assoluto, vale a dire che non sarete obbligati ad assicurare l’intero valore delle vostre merci, ma potrete scegliere una cifra che farà da tetto massimo risarcibile in caso qualcuno venisse a sottrarvi la merce: tenete conto che la maggior parte delle volte che un ladro entra in un’attività commerciale, che sia una gioielleria o il magazzino di una boutique, non porta via l’intero contenuto, ma cerca di razziare quanta più merce possibile in tempi ragionevoli (a maggior ragione se avete un sistema di allarme che vi protegge). Limitate dunque il massimale a quanto vi sembra ragionevole possa essere rubato, in questo modo la vostra polizza avrà un migliore rapporto qualità prezzo.

3-Non confondete il furto con altri eventi

Un errore classico dei titolari di attività commerciale è quello di stipulare un’assicurazione furto negozio che ha le proprie condizioni perfettamente esplicitate in nota informativa, non leggere quest’ultima, fare confusione e al momento di un evento nefasto lamentarsi che non può essere risarcito: il nostro consiglio è quello di leggere con attenzione il fascicolo informativo, e avere ben chiaro che l’appropriazione indebita, la truffa, lo scippo, la rapina e l’estorsione non sono furti. Cercate di comprendere al meglio anche la differenza tra furto con scasso e con destrezza, poiché spesso nelle condizioni di polizza è spiegato perché il primo viene risarcito senza intoppi mentre il secondo spesso non può essere oggetto di indennizzo.

4-Valore di acquisto e valore commerciale

Il furto viene solitamente risarcito secondo quello che è stato il vostro valore di acquisto delle merci, non secondo il prezzo al quale voi avevate deciso di vendere queste ultime … va da sé che in ambiti del commercio che presentano ricarichi del 300% e oltre la differenza tra farsi risarcire il valore di acquisto o quello commerciale può essere davvero enorme, chiedete delucidazioni al vostro agente o broker di fiducia se avete dei dubbi, meglio essere consapevoli di cosa andate a firmare quando volete stipulare un’assicurazione furto negozio.

Ricordate i tempi di disdetta

Non pensate che la polizza del negozio sia come l’RC Auto … la disdetta solitamente è necessaria, e deve essere fornita con 60 giorni di preavviso, a mezzo raccomandata a/r.

Non cedete invece alla tentazione di stipulare contratti pluriennali, i contratti “seri” sono annuali, diffidate da chi vi dice il contrario perché più che al vostro bene è interessato alle sue provvigioni.

Share.

Commenta qui