Carta Verde per andare in Svizzera

0

La carta verde è un certificato solitamente allegato al tagliando della nostra assicurazione RC Auto) che ci permette di viaggiare all’estero assolvendo all’obbligo di avere una polizza RCA valida. Sono in molti a chiederci informazioni su questo documento quando programmano un viaggio in Svizzera, cerchiamo dunque di rispondere in modo semplice ma esauriente ai dubbi più comuni a riguardo.

In Svizzera non serve la carta verde

La Svizzera non è tra i paesi in cui occorre portare con sé la carta verde per potere circolare: oltre che nel territorio elvetico, questo documento non è necessario nemmeno per viaggi in Andorra, Austria, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Cipro, Croazia, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Islanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Romania, Serbia ( a partire dal 01/01/2012), Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria.

Quando ci si mette in viaggio per raggiungere il territorio elvetico sarà dunque necessario avere con sé solamente:

  • patente di guida
  • carta d’identità
  • libretto della propria autovettura
  • contrassegno di assicurazione valido

una comodità non da poco, se si pensa a quando bisognava attrezzarsi con il foglio verde, portandoselo dietro oppure acquistandolo alla frontiera nel caso il vostro agente o broker di riferimento non lo avessero incluso in polizza.

carta verde svizzera

Accordo bilaterale Italia-Svizzera

L’obbligo di portare con sé la carta verde quando si va in Svizzera non esiste più ormai dal 1998, anno dell’accordo bilaterale che ha manlevato da questo dovere tutti i possessori di automobile immatricolata in Italia, a San Marino e Città del Vaticano (non per niente rispetto agli anni ’90 non si vedono più i caratteristici cartelloni che invitavano gli automobilisti a munirsi di carta verde, prima rinvenibili ai valichi di Chiasso, Gaggiolo, Ponte Tresa e lungo l’autostrada internazionale Chiasso-Brogeda).

Ricordiamo, di conseguenza a quanto detto, che il discorso cambia invece nel caso si guidasse un’auto non immatricolata in Italia, poiché in questo caso -prima di attraversare la frontiera svizzera- dovrete verificare presso gli Uffici Centrali della nazione di competenza la necessità o meno di portare con sé la carta verde internazionale (o la possibilità di farla in loco) per evitare di incorrere in sanzioni o che vi venga negato l’ingresso in territorio elvetico.

 

 

Share.

Commenta qui