Rischio Demografico: le cose da sapere

0

Il rischio demografico è un concetto fondamentale da apprendere per chi è costretto a fare i conti con i sistemi pensionistici senza patrimonio di previdenza; gli assicuratori è bene che lo conoscano perché tornerà loro utile per meglio comprendere l’esigenza di una pensione integrativa (o comunque di una polizza vita in genere), mentre i potenziali clienti possono apprendere facilmente di cosa si tratti e trarne maggiore consapevolezza per quando dovranno pensare a come integrare le loro entrate -presumibilmente insoddisfacenti- al momento del pensionamento.

Sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza

Sono il cosiddetto primo pilastro della previdenza: si tratta di quei sistemi pensionistici (obbligatoriamente pubblici) che erogano pensioni esclusivamente traendole dal patrimonio derivante dai contributi previdenziali derivanti da aliquote di scopo o da trasferimenti dalla fiscalità generale.

Non esiste dunque un “patrimonio previdenziale” alla base di tale sistema pensionistico a garanzia delle obbligazioni assunte , così come non è prevista la capitalizzazione integrale dei contributi previdenziali (a differenza del secondo e terzo pilastro).

rischio demografico

Rischio demografico: una questione di equilibrio

Per comprendere cosa sia il rischio demografico dobbiamo partire dal presupposto che, visto quanto abbiamo scritto sopra riguardo ai sistemi pensionistici senza patrimonio di previdenza, ci deve essere un equilibrio tra le entrate dei contributi previdenziali e le uscite derivanti dal pagamento delle pensioni.

Se il rischio di avere meno lavoratori attivi si avverasse ci troveremmo davanti a tre possibili soluzioni:

  1. si aumenta l’aliquota contributiva all’assicurazione obbligatoria (il rischio è trasferito sui lavoratori)
  2. si diminuisce l’importo delle pensioni (il rischio è trasferito sui pensionati)
  3. si cerca di porre la maggiore spesa a carico dell’ente previdenziale

ricordiamo che il sistema contributivo prevede che i capitali vengano trasformati in pensioni secondo un coefficiente di conversione in rendita, che tuttavia non può essere bloccato (come invece accade con le polizze vita private) e può quindi essere ritoccato verso il basso in caso di necessità.

 

Share.

Commenta qui