Infortunio sul lavoro e Risarcimento

0

Il calcolo del risarcimento INAIL è un problema molto sentito dai lavoratori che si trovano a subire un infortunio, e siete in molti a chiederci consiglio su questo blog per quanto riguarda la cifra che spetta a chi paga l’assicurazione obbligatoria e si trova a subire un sinistro. Premesso che questo genere di calcoli è specifico e deve essere effettuato da personale incaricato, dopo la visita del medico legale, vediamo oggi una metodologia di calcolo che può dare un’idea di massima su come si calcola il risarcimento.

infortunio sul lavoro risarcimento

Le variabili del risarcimento

Le variabili principali che concorrono al calcolo del risarcimento per gli infortuni sul lavoro sono le seguenti:

  • percentuale di invalidità (deve essere accertata da un medico legale)
  • età anagrafica della persona coinvolta, calcolata alla data dell’infortunio
  • sesso dell’infortunato
  • inquadramento del lavoratore (utile soprattutto per invalidità superiori al 16%)
  • retribuzione annua (nell’anno precedente alla data di richiesta di risarcimento)
  • numero familiari per quote integrative (spettano in caso esistano: un coniuge e/o figli fino a 18 anni di età e/o figli fino a 21 anni se studenti di scuola superiore e a carico e/o figli fino a 26 anni se studenti universitari e a carico e/o figli inabili)

combinando queste variabili si riesce a ottenere un’indicazione di massima su quanto spetta di risarcimento INAIL in caso di infortunio sul lavoro.

Alcuni casi di risarcimento

A titolo puramente esemplificativo abbiamo provato a calcolare i risarcimenti nei seguenti casi:

  1. Invalidità 8%; maschio di 35 anni; inquadramento industria: € 7.390,17 in capitale
  2. Invalidità 22%; maschio di 40 anni; inquadramento agricoltura, lavoratore autonomo; retribuzione 16.163,70 €, familiari per quote integrative 2: € 323,99 di rendita vitalizia mensile
  3. Invalidità 10%; donna di 25 anni; inquadramento industria: € 12.322,04 in capitale

Nota: discorso diverso è quello del calcolo del risarcimento conseguente a malattia professionale (per chiarire le idee a riguardo è sempre utile dare un’occhiata alla definizione di infortunio, utile a salvarvi da pericolosi malintesi!).

Premettendo che questo è un blog che parla di assicurazioni (private, ma anche obbligatorie come l’INAIL), rimaniamo a disposizione per eventuali chiarimenti, nei limiti di quelle che sono le nostre competenze professionali.

 

Share.

Commenta qui