Terzi Trasportati: quali sono i suoi diritti?

0

Nel complesso mondo delle assicurazioni RC Auto sorgono spesso dubbi relativi ai terzi trasportati e ai loro diritti: vediamo oggi di fare chiarezza su questi punti, spiegando in maniera concisa ma esauriente quali sono le tutele offerte alla figura di passeggero.

Definizione di Terzo Trasportato

Spiegare chi è il terzo Trasportato è molto semplice: con questo termine si intendono coloro i quali viaggiano all’interno di una vettura (o come passeggeri di un mezzo a due ruote), semplicisticamente potremmo dire “tutti coloro i quali sono a bordo meno i conducenti”.

terzi trasportati

Art. 141 Codice delle Assicurazioni Private

Il risarcimento del Terzo Trasportato è regolato dall’art. 141 del Codice delle Assicurazioni private, che disciplina in questa maniera la vicenda:

  • il passeggero può chiedere il risarcimento entro i limiti del massimale minimo di legge
  • il risarcimento può essere richiesto a prescindere dall’accertamento della responsabilità del sinistro
  • nel caso venisse accertata la responsabilità di un individuo che ha un massimale in polizza superiore ai minimi di legge, il risarcimento potrà essere richiesto entro tale massimale, in deroga al primo punto
  • per ottenere il risarcimento i terzi trasportati dovranno fare richiesta di risarcimento presso la compagnia assicurativa del veicolo sul quale erano a bordo
  • l’impresa assicuratrice del veicolo responsabile del sinistro può intervenire ed estromettere quella del veicolo sul quale viaggiava il passeggero
  • in ogni caso la compagnia che eroga il pagamento può rivalersi su quella del responsabile civile

balza immediatamente agli occhi come la legge tuteli i terzi trasportati con particolare occhio di riguardo, stabilendo che il risarcimento possa essere chiesto indipendentemente dall’accertamento dei responsabili, sia che i danni subiti siano alla persona sia in caso di danni a cose.

Tempi di risarcimento

I tempi di risarcimento in caso di danni subiti dai terzi trasportati sono i seguenti:

  • entro 90 giorni dalla presentazione della richiesta la compagnia deve formulare un’offerta di risarcimento
  • i tempi scendono a 60 giorni in caso di soli danni a cose

In caso di accettazione dell’offerta la compagnia ha 15 giorni di tempo per procedere al pagamento; in caso di rifiuto dell’offerta i tempi di erogazione del risarcimento sono sempre di 15 giorni, ma si intende la cifra offerta come acconto.

Ricordiamo che nel caso il danneggiato non dovesse dare una risposta entro 30 giorni, la compagnia ha comunque 15 giorni dopo la scadenza di tale termine per erogare il risarcimento.

 

 

 

Share.

Commenta qui