L’operazione Segugio scova centinaia di auto non assicurate

0

Tra pochi giorni scomparirà il tagliando RC Auto dai parabrezza delle vetture italiane, e sono già iniziate le prime operazioni di Polizia per il controllo massiccio dei veicoli non assicurati; la prima -storica, oseremmo dire- operazione su larga scala è stata denominata Segugio, e in Toscana ha già portato a centinaia di sanzioni comminate ai distratti e ai furbetti in circolazione sprovvisti di regolare copertura assicurativa.

Vediamo cosa è accaduto, poiché è quello che verrà presto messo in atto su tutto il territorio nazionale.

Come funziona il segugio elettronico

Il funzionamento del segugio elettronico è sostanzialmente identico a quello dei dispositivi come Falco 193 e Autoscan, di cui vi abbiamo parlato nei mesi scorsi: un occhio elettronico legge la targa dell’auto o della moto di passaggio, si collega al database ANIA e capisce in poche frazioni di secondo se siete in regola con il pagamento dell’assicurazione e se avete effettuato la revisione, poco più avanti un posto di blocco di Polizia, Carabinieri o Vigili urbani è pronto a fermare chi viene segnalato come irregolare, allo scopo di procedere all’accertamento dell’infrazione.

Ciò che rende questo metodo molto più efficace del vecchio controllo del tagliando è:

  • il fatto che in questo modo possono essere controllati tutti i veicoli in transito, e non solo quelli effettivamente fermati dal posto di blocco
  • la percentuale minima di errore che restituisce il sistema (mediamente inferiore all’1%)
  • l’estrema velocità con la quale si procede ai controlli, poiché non si perde più tempo a fermare chi è in regola ma si procede direttamente ad accertare le violazioni a chi è stato segnalato in ifrazione

stando a questo primo test su larga scala sembra dunque dimostrata l’efficacia dell’occhio elettronico e la sua maggiore efficienza rispetto al controllo “vecchia maniera”.

segugio assicurazioni

Multe a Vicchio: risultati sorprendenti

Tra i risultati sorprendenti ottenuti in provincia di Firenze si segnala quello di Vicchio, cittadina del Mugello di poco più di 8.000 abitanti, in cui durante soli 10 servizi della Polizia Stradale sono stati scovati 15 guidatori senza assicurazione e ben 98 che circolavano con la revisione scaduta.

Il capo dei Vigili di Vicchio Luca Poggiali evidenzia con soddisfazione come ricorrere al segugio elettronico abbia contribuito in pochi giorni a migliorare di molto la sicurezza stradale all’interno del comune, regolarizzando la posizione del 2% dei guidatori controllati per quanto riguarda la revisione e dello 0,3% degli stessi per quanto riguarda la guida senza assicurazione; siamo dunque curiosi di vedere quanto saranno sorprendenti i risultati una volta che il segugio elettronico entrerà in azione su territori in cui l’evasione dell’obbligo assicurativo è molto più diffusa che in provincia di Firenze, a cominciare dalla vicina provincia di prato.

Controllate la scadenza della polizza RCA

Per evitare di incorrere in pesanti sanzioni (fino a 3.000 euro) quando il segugio elettronico arriverà anche nella vostra provincia, ricordatevi di controllare la scadenza della vostra polizza RCA e il mese in cui dovete effettuare la revisione del veicolo, poiché dai prossimi giorni sarà molto più difficile essere fortunati e passare indenni le maglie dei controlli, anche perché oltre che durante le apposite operazioni di Polizia questi controlli potranno essere effettuati presso qualsiasi autovelox, tutor, varco ZTL o telecamera posizionata sulle strade italiane.

 

Share.

Commenta qui