Assicurazioni con Scatola Nera a Napoli: boom di richieste e i prezzi crollano

0

Nonostante la situazione dei prezzi delle assicurazioni a Napoli continui a rimanere critica ci fa piacere dare una notizia incoraggiante: secondo l’ultima indagine IPER sull’andamento effettivo dei prezzi per la garanzia RC Auto pubblicato da Ivass le assicurazioni con scatola nera a Napoli stanno riscuotendo grande successo, e i prezzi stanno effettivamente scendendo come promesso.

Vediamo numeri e statistiche relativi a questo evento, cercando di capire meglio quale sarà il trend per il futuro di questa iniziativa, destinata a fare parlare di sé nei prossimi mesi.

Prezzi RC Auto a Napoli giù quasi del 10%

Una diminuzione del premio medio di questa entità non si registrava da tempo: a Napoli le assicurazioni costano il 9,2% in meno rispetto allo scorso anno, e sebbene rimanga sempre la provincia con le polizze più care d’Italia (con i suoi 727 € a testa di premio medio) si sta riducendo il divario con il resto d’Italia.

Ad oggi le uniche province rimaste nella fascia “a caro prezzo” assieme al capoluogo partenopeo sono la vicina Caserta, le tre province della Toscana di Massa Carrara, Prato e Pistoia, le calabresi Vibo Valentia, Crotone e Reggio calabria e Brindisi e Taranto in Puglia, tutte le altre province d’Italia registrano richieste di pagamento che variano tra il medio.alto e il basso, con ancora sostanziali differenze tra i premi del profondo nord e quelli della fascia sub appenninica (in Emilia Romagna e Liguria ad esempio si tende a pagare già decisamente di più che nelle confinanti Piemonte, Lombardia e Veneto).

assicurazioni scatola nera napoli

Le Assicurazioni con Scatola Nera spopolano a Napoli

Napoli è anche la città d’Italia in cui le assicurazioni con scatola nera stanno riscuotendo maggiore successo: il 34,9% degli assicurati nella provincia ha scelto questo genere di contratto per proteggere la propria RC Auto, contro una media nazionale del 13,8% … è evidente la ha fatta da padrona la necessità di trovare un modo veloce per risparmiare sulla polizza, dimostrando così che il cittadino napoletano è ben disposto a combattere il fenomeno delle frodi assicurative, ovviamente a patto che gli venga riconosciuto il suo diritto a pagare un premio RC Auto equo qualora non commetta sinistri nel corso dell’annualità assicurativa.

Sembra ormai da sfatare la diceria secondo la quale la situazione delle truffe assicurative a Napoli sia un fenomeno diffuso nella popolazione, mentre sembra sempre più evidente ciò che noi di Assicurazioni Blog sosteniamo da anni, ovvero che è una minima fetta della popolazione che ha interesse a frodare le compagnie (ricordiamo che del resto è provato che questo genere di reati viene commesso in tutta Italia), ma a pagare è l’intera popolazione del capoluogo partenopeo, sulla quale viene spalmata la maggiore entità dei falsi risarcimenti erogati -spesso con un po’di leggerezza- dalle compagnie assicurative.

Quale futuro per le Assicurazioni con Scatola Nera a Napoli?

Interessante notare come questo successo delle assicurazioni con scatola nera a Napoli e provincia abbia ancora forti margini di espansione, soprattutto perché sono ancora poche le compagnie che offrono questa possibilità (solo 22 sulle 46 che hanno partecipato alla rilevazione dei prezzi IPER). Ricordiamo che in molte zone della Campania le compagnie cercano ancora di eludere l’obbligo a contrarre o praticano prezzi palesemente fuori mercato per disincentivare i cittadini ad assicurarsi con loro, motivo per cui la scelta delle compagnie con le quali assicurarsi diventa particolarmente ristretta rispetto al resto d’Italia e spesso anche con i comparatori assicurativi non si riesce ad ottenere tariffe convenienti o quantomeno abbordabili (rimandiamo a tale proposito al test che abbiamo fatto con Segugio.it a Napoli, che evidenziava una profonda frattura tra le compagnie disposte ad assumere il rischio, sebbene a caro prezzo ed altre palesemente mal disposte verso la popolazione partenopea anche quando non fa incidenti con colpa).

Share.

Commenta qui