Approvata Tariffa Italia – Assicurazioni uguali per tutti

0

La notizia è di quelle destinate a fare rapidamente il giro del web, poiché si tratta di un momento che è stato atteso per anni, con speranza nelle province in cui l’RC Auto costa di più e con un po’di paura in quelle in cui costa meno: Tariffa Italia entra in vigore nel 2016, e le tariffe RCA vengono uniformate o quasi su tutto il territorio nazionale.

Andiamo a vedere il testo approvato dalla Camera dei Deputati, e che sembra destinato a diventare legge senza subire variazioni, e cerchiamo di capire quali saranno le ripercussioni sulle tasche dei cittadini.

Legge annuale per il Mercato e la Concorrenza: nasce Tariffa Italia

La tanto sospirata Tariffa Italia è inserita nella Legge annuale per il Mercato e la Concorrenza (art. 6 bis) e stabilisce che:

per i contraenti residenti nelle regioni con costo medio del premio superiore alla media nazionale, che non abbiano effettuato sinistri con colpa negli ultimi cinque anni. e che abbiano installato la cosiddetta “scatola nera”, l’IVASS stabilisce una percentuale di sconto minima tale da commisurare la tariffa loro applicata a quella media applicabile a un assicurato, con le medesime caratteristiche soggettive e collocato nella medesima classe di merito, residente nelle regioni con un costo medio del premio inferiore alla media nazionale

detto in parole povere:

Tariffa Italia prevede uno sconto obbligatorio -da applicare nelle province italiane in cui l’assicurazione costa più della media- in modo da parificare tutte le tariffe in Italia; le condizioni per approfittare di questo sconto sono:

  • non avere effettuato sinistri con colpa (o con concorso di colpa) negli ultimi 5 anni
  • avere fatto installare sul proprio mezzo di trasporto la scatola nera

L’accesso agli sconti RC Auto di Tariffa Italia è dunque aperto a tutti gli automobilisti virtuosi, e il risparmio sarà tanto più grande quanto più costose sono le polizze nella propria provincia o comune di residenza, inoltre tutte le compagnie avranno l’obbligo di adeguarsi, ne consegue che la nuova legge avrà anche il piacevole effetto di convincere (ma sarebbe meglio dire costringere) tutti i brand del mercato assicurativo italiano a offrire polizze con la scatola nera

tariffa italia

Quali saranno gli effetti sul nostro portafogli?

Per chi non ha commesso sinistri negli ultimi 5 anni evidentemente l’effetto non potrà che essere positivo, poiché come abbiamo detto sopra Tariffa Italia prevede sconti tanto più forti quanto più si paga nella propria zona di residenza (la provincia più avvantaggiata sarà dunque Napoli, il risparmio seguirà comunque a grandi linee la classifica delle regioni più care); viceversa, immaginiamo che le auto o moto con almeno un sinistro, anche solo con concorso di colpa, segnato sull’attestato di rischio, e quelle non dotate di scatola nera saranno destinate a subire aumenti, tanto più ingenti quanto più la provincia è sinistrosa, in modo da compensare il fatto che a qualcun altro sta diminuendo il prezzo dell’assicurazione.

Guidare meglio per non pagare uno sproposito

Immaginiamo che chi ha pensato Tariffa Italia abbia anche previsto che gli sconti obbligatori dovranno essere compensati con aumenti selvaggi alle assicurazioni che non potranno approfittare della nuova legge, ma supponiamo che la ratio del provvedimento (ovvero non penalizzare gli automobilisti virtuosi) porterà le persone a fare molta più attenzione quando si guida, in modo da evitare qualsiasi tipo di incidente stradale, oltre a convincere nel corso di qualche anno la totalità degli italiani a installare un meccanismo di controllo del proprio mezzo stradale, in modo da avere la certezza dello sconto in assenza di sinistri, che può verificarsi solo se si ha la scatola nera installata.

Ulteriore effetto positivo della Tariffa Italia sarà quello di convincere molte persone che circolano su strada ma l’assicurazione RC Auto non la hanno a stipulare un contratto, poiché se da un lato è vero che pagheranno più degli altri prima di avere l’attestato di rischio completo e privo di sinistri, dall’altro dopo avere stretto i denti per 5 anni si troveranno a pagare una tariffa equa.

 

 

Share.

Commenta qui