Legge 104 e Cointestazione Auto

0

Gli italiani hanno da sempre un’insana mania per la cointestazione delle auto, e questo piaccia o meno chi lavora nel settore lo sa bene. Uno dei quesiti più comuni a riguardo è relativo alla pratica della cointestazione in caso di acquisto della vettura con la cosiddetta Legge 104, che sarebbe poi il riferimento legislativo “per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate”.

Vediamo innanzitutto di fornire un quadro generale, andando a vedere cosa dice questa disposizione, e analizziamo in seguito il caso più specifico della cointestazione auto con la Legge 104, andando a fare un focus anche sul discorso relativo all’assicurazione RCA, che è quasi sempre il vero motivo che spinge alcune persone a tentare di cointestare un mezzo.

Aventi diritto alla Legge 104

Le categorie degli aventi diritto alle agevolazioni concesse dalla Legge 104 sono quattro, ovvero persone affette da:

  • sordità e cecità
  • grave handicap psichico o mentale (con indennità di accompagnamento)
  • grave limitazione alla capacità di deambulazione
  • ridotte capacità motorie (in questo caso le agevolazioni concesse saranno solo per i necessari adattamenti alla vettura)

come potete notare non tutte le persone con problemi hanno dunque diritto alle agevolazioni, e non tutti gli aventi diritto lo sono in uguale misura.

legge 104 cointestazione

Mai cointestare l’auto con la legge 104

Il legislatore, evidentemente ben consapevole dei problemi a cui porta la cointestazione di un’auto, ha disposto seccamente il divieto di tale pratica in accordo con l’applicazione della Legge 104, ne consegue dunque che il disabile debba essere l’unico titolare del mezzo di trasporto, con tutto quello che ne consegue giuridicamente, tra cui un’enorme semplificazione in materia assicurativa.

Assicurare un’auto con la Legge 104

Il divieto di cointestazione dell’auto con la Legge 104 fa sì che ci siano solo tre semplici alternative per chi si trovi a dovere stipulare una polizza RC Auto in questi casi:

  1. il proprietario del mezzo mantiene la classe di merito CU che aveva sul precedente veicolo della stessa categoria, fermo restando che un attestato di rischio rimane valido per 5 anni
  2. il proprietario del mezzo acquisisce la classe di merito più favorevole di un suo familiare convivente da stato di famiglia (cd. legge Bersani)
  3. se i primi due casi non possono essere messi in pratica il proprietario del mezzo può comunque assicurarlo, partendo dalla classe universale 14, esattamente come qualsiasi altro automobilista che si trovi per la prima volta a dovere stipulare un’assicurazione RCA

ricordiamo che la norma regola l’acquisto dell’auto ma non prevede alcuno sconto o agevolazione sull’assicurazione, questo significa che la persona handicappata pagherà la stessa identica tariffa di una persona non soggetta a Legge 104, a parità di altre caratteristiche (es. età, comune di residenza, auto guidata, CU ecc.).

Quesiti di natura assicurativa

Come è da sempre nel nostro stile potete porre ad Assicurazioni Blog tutte le domande sulla Legge 104 che ritenete opportune (utilizzando l’apposita area commenti qua sotto), ricordandovi che risponderemo ai quesiti di natura assicurativa, non a quelli riguardanti le agevolazioni o le pratiche auto.

 

 

 

Share.

Commenta qui