Assipuntodrive: Ivass segnala mancata autorizzazione

6

L’Ivass con un comunicato stampa segnala la commercializzazione di polizze emesse da un intermediario non autorizzato ad opera del sito internet www.assipuntodrive.com che non risulta autorizzato.

La notizia è particolarmente interessante poiché arriva appena un mese dopo l’introduzione del contrassegno elettronico, che rende indubbiamente più facile e veloce il riconoscimento delle polizze false, ma a quanto pare non ha ancora sradicato la tendenza dei truffatori a servirsi della copertura obbligatoria RC Auto per piazzare pezzi falsi in mano ai consumatori, o comunque non scoraggia gli intermediari non autorizzati dal mettersi al lavoro per piazzare coperture assicurative.

Un numero di iscrizione al RUI utilizzato a insaputa del reale titolare

Le polizze auto commercializzate da www.assipuntodrive.com recano addirittura gli estremi dell’iscrizione al RUI dell’intermediario (che si spaccia come agenzia plurimandataria) … il numero di iscrizione fa effettivamente capo a un intermediario regolarmente iscritto, che tuttavia è estraneo alla faccenda è si è semplicemente visto “usurpare” la propria autorizzazione.

Attenzione: sito internet ancora attivo

Dare risalto a questa vicenda è particolarmente importante poiché il sito www.assipuntodrive.com è ancora online nonostante la segnalazione di Ivass, dunque nuovi consumatori potrebbero, se non avvisati, cadere nella trappola.

assipuntodrive

Siamo andati a visionare il sito, che sotto il logo Assi.Drive servizi alle aziende promette polizze auto e moto temporanee, utili al trasferimento del mezzo, a partire da 50 € al giorno, prezzo indubbiamente conveniente, se non fosse che la copertura, essendo erogata da un intermediario non autorizzato appare se non falsa quantomeno sospetta.

L’Ivass raccomanda cautela

L’Istituto di Vigilanza per le Assicurazioni Private raccomanda particolare cautela quando si tratta di stipulare assicurazioni via internet, soprattutto se di durata temporanea, verificando prima di sottoscrivere un contratto:

  1. l’elenco delle imprese assicurative italiane ed estere autorizzate a fare polizze in Italia
  2. l’elenco relativo ai casi di contraffazione e alle società non autorizzate
  3. il Registro Unico degli intermediari Assicurativi e l’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea

e in caso di dubbi telefonare al contact center Ivass, attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13,30 al numero verde 800.486661.

Share.

6 commenti

  1. Si ha me hanno truffato 500 euro in polizze false… ti fanno pagare su carte ricaricabili intestate a prestanome

    ecco il furbetto…

    Sergio DONADONI
    Resposabile Commerciale
    Cell. +39 3891961833

    Assipuntodrive.com
    Via Zamenhof 817
    36100 Vicenza (VI)

    Tel: 044 41565433
    Fax: 044 41565435
    R.U.I. A000084283

  2. Ha truffato con una polizza per moto mai andata in copertura anche me. Una trimestrale pagata tramite postepay ad un altro individuo.
    I siti in questione sono assipuntodrive.com e bovio assicurazioni dove al numero fisso risponde sempre lui.

  3. Anche io sono stato truffato per una temporanea di 3 giorni, diceva di chiamarsi michele, poi è diventato Sergio…. voleva ricarica Postepay ma io ho insistito per il bonifico, lui dopo 2 giorni diceva di non averlo ricevuto nonostante a me risultasse tutto perfettamente andato a buon fine, sperava che io ricadessi nuovamente e rifacevo il pagamento magari anche quello veloce (Postepay) per ottenere subito la polizza. Ha visto che non cedevo e mi ha mandato la polizza sostenendo che non era stato pagato, ma la polizza dopo svariati approfondimenti risultava non coperta cioè del tutto falsa. Com è possibile che risulta ancora online il suo sito, addirittura esce tranquillamente da ricerche su Google… Incredibile!

    • ADRIANA MERLINO on

      MI SONO RIVOLTA AD UN AVVOCATO PERCHE’, UNA VOLTA RICEVUTA LA DOCUMENTAZIONE RICHIESTA, HANNO CONTINUATO RIPETUTAMENTE A CHIEDERE INTEGRAZIONI DI CERTIFICAZIONI GIA’ SPEDITE. SONO PASSATI 10 MESI E SONO ANCORA IN ATTESA

Commenta qui