Lloyd’s – arriva la polizza anti Isis

0

Dopo i recenti attacchi terroristici di Parigi il mondo torna a chiedere polizze atte a proteggere dal rischio di terrorismo: i Lloyd’s of London, già noti per avere fronteggiato più volte questa minaccia, fanno il punto della situazione e spiegano in che modo questi rischi speciali possono essere assicurati alla luce della nuova minaccia portata da Isis, il gruppo terroristico nato a seguito dell’invasione USA in Iraq, che attualmente sembra essere il pericolo numero uno per l’Europa per quanto riguarda questo genere di rischi.

Gli assicuratori delle Torri Gemelle non si scoraggiano

Chi pensa che gli attacchi terroristici dell’Isis stiano scoraggiando i Lloyd’s of London dall’assumere questo tipo di rischi sbaglia: l’azienda, che già aveva coperto le Torri Gemelle di New York nel 2001, ha analizzato gli attacchi terroristici più importanti degli ultimi anni, primo tra tutti quello record di Mumbai del 2008, in cui persero la vita 164 persone e vennero causato danni per 111 milioni di dollari (anche se la perdita di affari venne stimata nella cifra record di 100 miliardi di dollari); pur nella speranza che attentati gravi come quelli di Mumbai non si ripeteranno alcuni specialisti dei Lloyd’s nel settore delle political violences continuano a coprire questo genere di rischio con competenza e dedizione.

polizza terrorismo

In Italia si rischia meno che altrove, ma nessuno sembra preoccupato dall’Isis

Anche se fino ad ora in Italia sta funzionando tutto a dovere per quanto riguarda la prevenzione delle attività terroristiche occorre ovviamente non abbassare la guardia, sia per quanto riguarda il rischio legato a Isis, Al Qaeda e altre organizzazioni estere, sia ovviamente per i rischi connessi ai terroristi italiani.

Stando agli studi effettuati dai Lloyd’s of London in Italia non si rischia poi tanto rispetto al resto del mondo per quanto riguarda i pericoli legati al terrorismo, e a Roma e Milano i rischi di perdita del PIL a seguito di attacchi non sono così devastanti come altrove; per contro bisogna dire che nella nostra nazione non sembra di fatto esserci alcuna preoccupazione nei confronti della minaccia terroristica, poiché i Lloyd’s of London non hanno visto salire né la richiesta di coperture per questo rischio né quella legata a un innalzamento dei massimali per polizze già esistenti.

Insomma, nonostante il grande battage mediatico che è stato fatto dopo gli attentati di Parigi sembra che gli italiani si sentano molto al sicuro, e non vedano i terroristi come un elemento in grado di danneggiare la nostra nazione.

Mosca è la città più a rischio d’Europa

Chi pensa che siano Parigi e Londra le città europee a maggiore rischio di attacchi terroristici sbaglia e di molto. Gli studi dei Lloyd’s of London individuano Mosca come la terza città più a rischio in tutto il mondo per quanto riguarda i danni che potrebbe arrecare il terrorismo nei prossimi anni (dietro solo a Mumbai e Kabul e addirittura davanti a Baghdad!) … la spregiudicata gestione da parte di Vladimir Putin di situazioni che andrebbero trattate con delicatezza sta rendendo la Russia un luogo sempre meno sicuro, e Mosca ovviamente è la prima città a pagarne le conseguenze.

Altre città esposte ad un altissimo rischio di danni dovuti al terrorismo sono Istanbul e Smirne, in Turchia, e anche Damasco e Il Cairo, comunque assai vicine all’Europa, pur non raggiungendo le vette di pericolosità di Mosca sembrano assai poco sicure da questo punto di vista.

Sarebbe meglio non sottoassicurare il rischio terrorismo

Conclusione logica, con un occhio di riguardo per l’Italia, è quella di impegnarsi a non sottoassicurare il rischio terrorismo: il fatto che l’Italia non sia in testa ai pensieri dei Lloyd’s of London per quanto riguarda la minaccia Isis non è una buona scusa per prendere la situazione così alla leggera come sembra stia accadendo da noi, e anche se razionalmente eventi come l’attacco alle Torri Gemelle del 2001 non sembrano riproducibili nella nostra nazione occorrerebbe comunque valutare più seriamente la stipula di polizze anti terrorismo.

Share.

Commenta qui