Assicurazione Negozio: ecco perché varia il costo

0

Quando si intraprende una nuova avventura lavorativa in qualità di titolare di un’attività uno dei primi pensieri è quello di stipulare un contratto di assicurazione per il negozio, ma il costo di una copertura completa spesso scoraggia il nuovo titolare dal dotarsi di tutte le garanzie possibili per una tutela a 360° della propria attività.

Vediamo dunque di capire quali sono le garanzie principali presenti all’interno dell’assicurazione negozio, e come queste possono influire sul costo della polizza, cercando di aiutare a comprendere quali sono -a seconda del budget a disposizione- le voci di spesa da tenere assolutamente in considerazione e quali quelle eliminabili.

Assicurazione negozio: quali garanzie?

Quando si parla di assicurare un’attività commerciale le garanzie principali presenti in tutte le polizze sono:

  • incendio del fabbricato (o rischio locativo, a seconda che il locale sia di proprietà o in affitto), tendenzialmente copre anche eventi come esplosioni, scoppio, spese di demolizione e sgombero ecc.
  • incendio del contenuto
  • responsabilità civile verso terzi (ma anche verso i prestatori d’opera)
  • ricorso terzi da incendio
  • furto (spesso comprensivo anche dei danni arrecati da scippo o rapina e dei guasti cagionati dai ladri)
  • lastre, a copertura dei danni a vetrine, insegne ecc.
  • tutela legale, legata alle vertenze relative alla propria attività commerciale
  • assistenza: una serie di piccole garanzie spesso utili in caso di emergenze legate alla conduzione del proprio esercizio commerciale

altre garanzie che possono rivelarsi più o meno utili in relazione al tipo di attività svolta sono:

  • fenomeno elettrico, per i guasti cagionati alle apparecchiature elettroniche a seguito di sbalzi di corrente, scariche elettriche, sovratensioni, fulmini, ecc.
  • danni alle merci in refrigerazione
  • furto di ricette mediche
  • assicurazione campionari

ma potremmo elencarne altre, sempre più specifiche per particolari tipologie di commercio.

In pratica assicurare il negozio in maniera completa è possibile grazie alle polizze multirschio, ma spesso non è semplice per l’esercente individuare quali siano le garanzie delle quali non si può fare a meno e quali invece quelle su cui tagliare, questo porta spesso a ricevere preventivi con costi troppo alti da sopportare, con il rischio che il titolare -anzi che domandarsi quali siano le garanzie da inserire in polizza in relazione alle proprie reali capacità di spesa- preferisca rischiare non stipulando alcun contratto.

assicurazione negozio costo

Responsabilità Civile verso Terzi del negozio: una garanzia da non trascurare

Tante più persone entrano nel vostro negozio quanto più sarete a rischio di dovere sborsare denaro per risarcire qualcuno che si farà male all’interno della vostra attività: questa garanzia andrebbe sempre inserita in polizza, perché con costi relativamente contenuti ci aiuta a preservare il reddito da imprevisti piuttosto frequenti nella vita di un commerciante.

Incendio del negozio: improbabile ma molto dannoso

Fortunatamente non è detto che un commerciante nella sua vita lavorativa debba necessariamente vedere il proprio negozio prendere fuoco, ma se disgraziatamente questo dovesse accadere gli effetti potrebbero essere devastanti sull’economia della propria attività. Trattandosi di un evento relativamente improbabile l’incendio del negozio non ha costi proibitivi (sono comunque variabili in relazione alla metratura del locale e al tipo di attività svolta), motivo per cui consigliamo sempre di tutelarsi da questa evenienza: una copertura del genere può fare la differenza tra chiudere bottega per sempre o andare avanti con il proprio lavoro.

Furto: la voce di spesa più consistente

Normalmente il furto è la voce di spesa più consistente in una polizza del negozio, poiché tra tutti gli eventi nefasti che possono capitare a un commerciante questo è il più probabile in assoluto; la buona notizia è che solitamente i danni arrecati dai ladri non sono così devastanti da costringerci a chiudere per sempre, motivo per cui inserire questa garanzia all’interno dell’assicurazione negozio non è così importante come preoccuparsi dell’incendio o della responsabilità civile verso terzi.

Una soluzione salomonica consiste nella stipula di un’assicurazione furto a primo rischio assoluto, che copra solo una parte della merce presente in negozio, riducendo, a volte di molto, il costo dell’assicurazione;

es. se in una boutique ci sono 20.000 € di vestiti ma non vogliamo spendere tanto da assicurare il furto dell’intero contenuto possiamo decidere di risparmiare assicurando 5.000 € di merce a primo rischio assoluto

questa decisione si basa sul presupposto che non è detto che un ladro che entra nel negozio riesca a rubare l’intero contenuto dello stesso, e sull’ovvia considerazione per cui -anche se non ci si può permettere una tranquillità totale- ricevere 5.000 € di risarcimento a fronte di un furto (supponiamo da 10.000 €) sia comunque meglio che niente.

Lastre e cristalli, dipende dalla tipologia di negozio

Di norma quando si decide di assicurare un negozio è sempre buona norma tutelarsi dalla rottura di lastre, per l’ovvia motivazione che queste sono fragili e possono rompersi facilmente.

Di fatto non è necessario coprire l’intero valore delle vostre vetrine, poiché è altamente improbabile che queste si rompano tutte nello stesso anno, diciamo che questa voce di spesa diventa assai importante nel caso il vostro negozio fosse in una via molto frequentata, elemento che aumenta notevolmente il rischio che qualcuno dall’esterno possa danneggiare i vostri cristalli.

Altre garanzie: dipende dalle esigenze

Queste sono le garanzie principali su cui abbiamo deciso di concentrare la nostra guida, per le altre tutele il consiglio è quello di usare il buon senso e valutare a seconda del rischio che correte e del costo della singola garanzia se spendere o meno il denaro utile ad assicurarsi: ovviamente chi tiene merci costose in frigo o congelatore avrà tutto l’interesse a garantirsi dai danni derivanti dal mancato freddo, così come chi ha centraline o apparecchiature elettroniche sofisticate in negozio dovrà opportunamente pensare al rischio di fenomeno elettrico, e così via a seconda dei casi specifici.

 

 

Share.

Commenta qui