Passaggio di Proprietà 2016: cosa cambia con l’abolizione PRA

0

Le novità del 2016 riguardanti gli automobilisti non si limitano alle sole assicurazioni, ma vanno a interessare anche il mondo delle pratiche auto: tra i cambiamenti di maggiore rilievo spiccano quelli relativi al passaggio di proprietà, che continua ad essere un adempimento obbligatorio per chi acquista un mezzo, nuovo o usato che sia, ma che cambierà profondamente nelle modalità.

Vediamo di spiegare in breve cosa c’è di nuovo riguardo al passaggio di proprietà nel 2016, quanto spenderemo e a chi dovremo rivolgerci per avere la pratica curata nel dettaglio.

Rivoluzione dal 1 gennaio 2016

Le norme contenute nel decreto attuativo della riforma della Pubblica Amministrazione impongono la cancellazione del PRA (Pubblico Registro Automobilistico) e vanno così a cambiare profondamente l’iter per il passaggio di proprietà: l’ex PRA e la Motorizzazione Civile daranno vita a un nuovo ente, l’Agenzia per il Trasporto Stradale, con sede a Roma e posta sotto il controllo del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti.

passaggio proprietà 2016

Competenze dell’Agenzia per il trasporto stradale

Le mansioni svolte dall’Agenzia per il trasporto stradale saranno svariate e riguarderanno le pratiche burocratiche da espletare in caso di variazioni nel titolo di possesso del mezzo, la sicurezza stradale, le omologazioni dei veicoli, le pratiche relative al trasporto di passeggeri e merci nonché le patenti.

Dal 1 luglio 2016 inoltre l’Agenzia per il trasporto stradale vedrà trasferite mediante convenzione le competenze relative al Piano Nazionale della Sicurezza Stradale oltre ad altri compiti generici sempre inerenti la sicurezza.

Quanto si risparmia con il nuovo passaggio di proprietà?

La riforma Madia non consente grossi risparmi a partire dal 2016 con il nuovo iter per il passaggio di proprietà, tuttavia il costo dovrebbe scendere a 61 €, con un risparmio di 39 €; non saranno invece toccate le altre voci di spesa (spesso gravose) che vanno ad affiancarsi al passaggio quando si acquista un’auto o un veicolo.

Chi ha un vecchio certificato di proprietà cosa deve fare?

Appurato che il passaggio di proprietà dal 2016 non sarà più competenza di PRA e ACI ma andrà svolto rivolgendosi all’Agenzia per il trasporto stradale precisiamo che allo stato attuale delle cose la nuova legge non va a toccare chi ha già in mano un certificato di proprietà, poiché questi e le carte di circolazione rilasciate anteriormente a tale data saranno validi fino a che non interverrà una modifica dello stato giuridico o tecnico del veicolo.

Share.

Commenta qui