La nuova Legge sull’omicidio stradale: pene e sanzioni

0

Finalmente dopo anni in Italia si è arrivati a fare una legge sull’omicidio stradale: con 149 voti è arrivato il sì definitivo al Senato … si tratta di una norma che sta facendo discutere per la sua durezza, giudicata eccessiva dagli esperti in giurisprudenza, andiamo a vedere le pene che saranno inflitte a seconda del tipo di reato commesso.

Si parte dal presupposto che una legge in caso di omicidio c’è già (in questo caso quella per l’omicidio colposo), ma si è voluta creare una fattispecie apposita per tutelare maggiormente le vittime della strada e prevenire nuovi incidenti.

La vecchia legge cosa prevedeva

Prima della legge sull’omicidio stradale chiunque avesse causato la morte di qualcuno violando le norme del codice della strada sarebbe stato punito con la reclusione da 2 a 7 anni.

La pena andava da 3 a 7 anni se il soggetto fosse stato ubriaco o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope.

Se le vittime fossero state più di una, la pena andava aumentata del triplo ma senza superare i 15 anni.

legge omicidio stradale

Pene durissime per i colpevoli di omicidio stradale

Chi si rende colpevole di omicidio stradale subirà pene durissime, e questo sicuramente è un bene, ma andando a guardare l’entità della pena scopriamo che queste sono in effetti davvero pesanti, ecco la casistica completa:

Omicidio stradale sotto effetto di alcool o stupefacenti

  • chi causa la morte di una persona mettendosi alla guida in stato di ebbrezza superiore alla soglia di 0,5 grammi per litro o di alterazione dovuta all’assunzione di sostanze stupefacenti verrà punito con la reclusione da 5 a 10 anni
  • chi causa la morte di una persona mettendosi alla guida in stato di ebbrezza superiore alla soglia di 1,5 grammi per litro o di alterazione dovuta all’assunzione di sostanze stupefacenti verrà punito con la reclusione da 8 a 12 anni
  • nel caso si uccidessero più persone si applica la pena per la violazione più grave tra quelle commesse aumentata fino al triplo, anche se il limite massimo è comunque 18 anni

Omicidio stradale in eccesso vi velocità o guida pericolosa

  • chi uccide superando i limiti di velcotià alla guida, in particolare chi nel centro urbano viaggia a una velocità pari o superiore al doppio di quella consentita, e nelle strade extraurbane a una velocità di 50 km orari superiori ai limiti massimi di legge avrà una pena da 5 a 10 anni di reclusione
  • chi commette omicidio circolando contromano, attraversando un’intersezione con il semaforo in stato di rosso, o effettuando manovre di inversione in presenza di intersezioni, curve, dossi e causa sarà punito con la reclusione da 5 a 10 anni

Pene per lesioni senza omicidio

  • per lesioni gravi reclusione da 3 a 5 anni per chi guida in stato di alterazione da alcool o sostanze (la pena minima è innalzata a 1 anno e 6 mesi per tasso alcolemico superiore a 0,8 o in presenza di manovre scorrette)
  • per lesioni gravissime la punizione andrà da 4 a 7 anni
  • per lesioni causate a più persone si applica la pena per la violazione più grave tra quelle commesse aumentata fino al triplo, anche se il limite massimo è comunque 7 anni

Aggravanti

Sono considerate aggravanti

  • fuggire dal luogo del reato: pena aumentata da un terzo a due terzi ma comunque non meno di 5 anni
  • guida in mancanza di assicurazione, guida senza patente (o con patente sospesa o revocata) pene aumentate

Attenuanti

Sono considerate attenuanti le circostanze per cui l’evento non sia esclusiva conseguenza dell’azione o dell’omissione del colpevole.

Revoca della patente

Per omicidio stradale la revoca della patente va da 5 a 20 anni in caso di guida sotto l’influenza di alcool o sostanze stupefacenti.

Per lesioni si va da una revoca di almeno 5 anni, suscettibile di raddoppio per condanna  per i reati dell’articolo 186 e rispettivi commi (guida sotto influenza dell’alcool).

In tutti i casi i termini si allungano (da 12 anni in caso di lesioni a 30 anni per omicidio) se si è attuata una fuga dopo il delitto.

Share.

Commenta qui