China Taiping Insurance: assicurazioni false

0

Ancora una volta ci troviamo a segnalare quella che quest’anno sembra essere la vera e propria tendenza a livello di polizze contraffatte, ovvero le false fideiussioni: Ivass ha riscontrato casi di falsificazione recanti il marchio China Taiping Insurance (Uk) Co. Ltd. Andiamo a vedere i dettagli di questa notizia.

Fideiussioni China Taiping: questa la situazione

China Taiping Insurance (Uk) Co. Ltd. è una compagnia assicurativa che esiste davvero, con sede legale in Finch Lane a Londra, regolarmente abilitata ad operare in Italia in regime di libera prestazione di servizi, tuttavia la compagnia inglese non ha alcuna responsabilità diretta sull’accaduto, anzi possiamo dire si tratti a sua volta di parte lesa.

L’azienda fa parte di China Taiping Insurance Holdings Company (CTIH), una holding cinese con quartier generale a Hong Kong che dal 2000 si occupa prevalentemente di riassicurazioni, non si tratta dunque del caso di contraffazione classico di una compagnia piccola o comunque poco conosciuta fuori dai confini nazionali, bensì di un marchio rinomato e conosciuto in tutto il mondo.

china taiping insurance

I contatti per verificare la veridicità della polizza

China Taiping Insurance (Uk) Co. Ltd. offre ai propri potenziali clienti tutta l’assistenza necessaria per fronteggiare questa emergenza falsificazioni, chiunque volesse sottoscrivere una fideiussione con questa azienda potrà rivolgersi direttamente a loro inviando una email all’indirizzo

CTIBond@uk.cntaiping.com

fanno sapere che risponderanno anche a email scritte in italiano, mentre se preferite telefonare potete farlo al numero +44 207 8391888 (telefonando a Londra, sicuramente meno comodo e conveniente della posta elettronica).

L’azienda specifica che, per non vanificare i loro sforzi, è bene chiedere conferma della veridicità delle polizze fideiussorie unicamente a loro, senza rivolgersi a soggetti terzi.

Anche Ivass si mette a disposizione per il caso China Taiping

Per qualsiasi ulteriore informazione o chiarimento anche Ivass si mette a disposizione, tramite il contact center che risponde al numero 800-486661 dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 14,30.

Come sempre l’organo di vigilanza chiede di dare massimo risalto possibile alla vicenda, condividendo la notizia sui social media e in generale tra il pubblico, in modo da evitare nuove truffe.

 

Share.

Commenta qui