City Insurance – Ivass comunica procedura di risanamento

0

L’Ivass comunica che la compagnia societatea de asigurare-reasigurare City Insurance sa è stata posta sotto procedura di risanamento a causa delle gravi carenze patrimoniali evidenziate negli ultimi anni; ne consegue che occorre porre attenzione alle polizze recanti questo marchio, poiché l’azienda non può più stipulare contratti.

La comunicazione di Ivass è partita da ASF, la società di vigilanza delle assicurazioni romene, che sta informando tutti i Paesi in cui City Life intratteneva affari.

Una sofferenza lunga 4 anni

I problemi di societatea de asigurare-reasigurare City Insurance sa sono iniziati in realtà già da parecchi anni: rivedendo i vecchi comunicati si nota come già l’Isvap a luglio 2012 aveva evidenziato l’inadeguatezza di questa compagnia a concludere nuovi affari (viceversa nell’anno precedente erano stati numerosi i contratti stipulati, specialmente con le ASL e in generale con la Pubblica Amministrazione).

Ai tempi ISC (l’allora autorità di vigilanza romena) non aveva agito, e l’Isvap si era fatta promotrice di un provvedimento urgente sfruttando il principio dell’home country control.

asigurare city insurance

Nel 2014 Ivass conferma il divieto posto da Isvap, ricordando tuttavia che il controllo sulla situazione finanziaria e sulla solvibilità di Societatea de Asigurare Reasigurare City Insurance S.A. è di competenza degli organi di vigilanza con sede a Bucarest.

Il provvedimento di oggi dunque è solo la conferma, giunta dalla Romania, di quanto in Italia già era stato notato da diversi anni.

Attenzione alle fideiussioni

Dal momento che City Insurance finora ha osservato diligentemente il divieto che gli venne posto nel 2012 non abbiamo motivo di dirvi di dubitare di questa azienda, tuttavia occorre fare massima attenzione ai malintenzionati che possono appropriarsi indebitamente del marchio, piuttosto conosciuto, per vendere false polizze;

già numerosi sono stati i casi documentati di false fideiussioni nel 2016 (per approfondimento sull’ultimo allarme Ivass a riguardo potete consultare il link), e quale occasione più ghiotta per un truffatore se non quella di utilizzare un brand conosciuto proprio in questo ambito?

Share.

Commenta qui