Assicurazioni RC Auto: nel 2017 il record di “classe 1”

0

Il 2017 sarà un anno record per numero di assicurati RC Auto in classe 1:

può sembrare una banale curiosità, ma la notizia ha diversi risvolti pratici, sia per le compagnie di assicurazioni che per i clienti, andiamo dunque a scoprire nella pratica quali conseguenze avrà questa notizia.

Adusbef e Federconsumatori: le assicurazioni diventano più economiche

Stando al rapporto elaborato da Adusbef e Federconsumatori la spesa per le assicurazioni RC Auto nel 2017 gli italiani spenderanno 5,1 miliardi di euro, quasi il 2% in meno dell’anno che sta finendo.

Quali sono i motivi per cui nel 2017 continueranno a scendere i prezzi delle assicurazioni? oltre a una tendenziale diminuzione delle tariffe sicuramente bisogna citare la sempre maggiore diffusione della cosiddetta “scatola nera”, specialmente nelle province in cui il prezzo medio è più alto (Napoli in primis), ma quest’anno ci sarà un’ulteriore novità:

nel 2017 si raggiungerà il record assoluto di proprietari di auto in 1a classe di merito, che saliranno a quota 58,4%.

assicurazione auto classe 1

Tante CU1 e pochi sinistri in attestato

Il record di auto in classe 1 si accompagnerà a un altro importante dato che peserà positivamente sulla diminuzione del premio medio:

l’84,8% dei proprietari non avrà nemmeno un incidente segnato sull’attestato di rischio negli ultimi 5 anni, anche in questo caso le stime delle associazioni di consumatori parlano di record assoluto.

E per il futuro? la CU1 peserà sempre meno?

Dovendo fare un’analisi un po più approfondita partendo dai dati forniti da Adusbef e Federconsumatori dobbiamo tuttavia dire che, prevedibilmente, nei prossimi anni essere in classe 1 peserà sempre meno sulla bontà della tariffa assicurativa, dal momento che è impensabile continuare a scaricare gli aumenti su chi ha classi di merito alte, che si trova già a pagare cifre spesso al limite della tollerabilità.

I primi a farne le spese saranno probabilmente i proprietari che hanno acquisito la classe di merito 1 tramite legge Bersani, ma anche chi al posto degli 0 o degli NA avrà, pur essendo nel frattempo tornato nella classe più bassa, ancora un sinstro segnato in attestato.

Nel frattempo non resta ai consumatori che godersi un 2017 di tariffe ancora più basse, pur sapendo che il trend non potrà andare avanti in eterno.

 

Share.

Commenta qui

Facebook