Cattolica Assicurazioni: Warren Buffett diventa azionista principale

0

La notizia ha fatto in pochi minuti il giro del mondo, facendo schizzare alle stelle le quotazioni in borsa della compagnia: il magnate Warren Buffett ha acquistato il 9% delle azioni di Cattolica Assicurazioni, diventando di fatto l’azionista principale del gruppo.

L’oracolo di Omaha difficilmente sbaglia le proprie valutazioni (da cui il soprannome), motivo per cui si è diffuso un grande ottimismo circa le prestazioni future di Cattolica Assicurazioni quando Berkshire Hathaway, la holding di Buffett, ha messo in atto i propri propositi di acquisto.

Warren Buffett numero uno di Cattolica Assicurazioni

Se Warren Buffett ha deciso di investire oltre 100 milioni di euro in Cattolica Assicurazioni sicuramente il potenziale da parte della compagnia esiste, ma allora ci si dovrebbe chiedere per quale motivo gli sono state vendute così tante azioni?

La spiegazione è semplice: perché i vecchi proprietari non godono di ottima salute finanziaria, stiamo parlando di Banca Popolare di Vicenza, istituto in liquidazione coatta reduce dalla poco esaltante gestione Zoni.

cattolica assicurazioni warren buffett

Soddisfatti i vertici della compagnia

Dalla sede di Cattolica sono giunti messaggi di grande soddisfazione, l’ad della compagnia Alberto Minali, intervistato dal quotidiano Il Sole 24 Ore ha dichiarato:

“un grande atto di fiducia nei confronti della compagnia e del suo management, e una straordinaria occasione per Cattolica viste le opportunità che questa presenza così prestigiosa nel suo capitale può aprire”

la sensazione è dunque che dal 2018 vedremo Cattolica come player ancora più agguerrito nel mondo delle assicurazioni, probabilmente non solo nel settore RC Auto, ma forse anche in altri segmenti più affini alla visione made in USA del mercato, dal comparto sanitario alle polizze vita, vero è che la quota acquisita non permette a Buffett di potere fare il buono e il cattivo tempo, ma se si trovasse l’accordo con altri azionisti non si può escludere un cambio di rotta da parte della compagnia;

ricordiamo a tale proposito che altre quote significative di Cattolica Assicurazioni sono detenute dalla Fondazione Cariverona (che detiene 3,47% del totale), il fondo Dimensional (3,34%) e la Fondaziona Banca Monte Lombarda (che influisce per il 3,16%), più contenuta invece la quota di Norges Bank, che rimane sotto il 3%.

 

 

 

 

Share.

Commenta qui

Facebook