Non lasciare mai un pavimento bagnato incustodito o non segnalato

0

Chi gestisce un’attività sa quanto possa essere insidiosa la gestione del pavimento bagnato, che non per niente rientra tra i motivi principali per i quali si va a stipulare un’assicurazione di responsabilità civile.

Quando fuoriuscite di acqua impreviste, impreviste, perdite di elettrodomestici o altre fonti portano al bagnamento del pavimento, la risposta del titolare e dei dipendenti può facilmente fare la differenza tra lo scivolamento e la caduta (con conseguente reclamo) e lo scorrere tranquillo della giornata lavorativa.

Come evitare i danni da pavimento bagnato

Per gestire al meglio il bagnamento inaspettato dei tuoi pavimenti, istruisci i tuoi dipendenti sul protocollo da seguire:

foto pavimento bagnato
  • Prepara in anticipo i cartelli di segnalazione (vendono anche quelli gialli già fatti, tipo questi in foto), il materiale per spazzare, mocio e secchio, rotoli di carta assorbente, scopa e paletta, e tienili in posizioni strategiche in modo che possano essere recuperati rapidamente. Se l’azienda è molto grande almeno i cartelli dovrebbero essere rinvenibili in più punti di essa.
  • Una volta rilevata una fuoriuscita, il dipendente deve recarsi immediatamente ad avvertire i clienti di allontanarsi dall’area. Lo stesso dipendente dovrà poi esporre i cartelli o meglio ancora i segnali sul pavimento bagnato il più rapidamente possibile.
  • Assicurati che la perdita d’acqua sia contenuta per quanto possibile, in modo che la situazione non peggiori.
  • Se sono necessarie forniture aggiuntive per ripulire la fuoriuscita, chiedere a un dipendente di fare la guardia per continuare ad avvisare le persone di allontanarsi, mentre un altro dipendente recupera stracci e quanto altro fosse necessario.
  • A volte non c’è abbastanza personale per potere fare tutto al meglio: se nessun collega è disponibile a fare la guardia a una fuoriuscita, contrassegnala in qualche modo prima di lasciare l’area per recuperare i prodotti necessari alla pulizia. In un ristorante, questo potrebbe significare, ad esempio, posizionare temporaneamente una sedia vuota sopra la fuoriuscita; in un negozio di alimentari, tira giù alcuni oggetti dallo scaffale e blocca l’accesso al punto bagnato. Qualsiasi oggetto più visibile del liquido che copre il pavimento in situazioni di emergenza può andare bene. Questa tecnica ti darà il tempo necessario per recuperare rapidamente i prodotti per la pulizia e tornare sulla scena.
  • Elimina la macchia di bagnato.
  • Mantieni i segnali di avvertimento fino a quando l’area non è stata pulita e ha avuto il tempo di asciugarsi.

Considerazioni sugli eventi meteorologici

Discorso a parte meritano neve e ghiaccio che possono rendere scivolosa l’area esterna alla tua attività:

se la neve e il ghiaccio sono un problema per quanto di tua pertinenza, sai già che queste condizioni possono essere pericolosi per i tuoi dipendenti e i clienti che devono entrare e uscire in sicurezza dalla tua attività. 

Controlla o fai controllare a qualcuno le previsioni meteorologiche, mantenere scorte adeguate di pale e sale e preparati a coordinare la spazzatura, la spalatura e l’applicazione di sale e sabbia con personale interno, o se ne vale la pena appalta il tutto a chi si occupa di questo per lavoro.

Preparati a ripulire prontamente la neve e l’acqua se sai che queste possono entrare dall’esterno nel tuo edificio.

Gli incidenti sono, per definizione, inaspettati. Il modo in cui reagiamo a loro non dovrebbe esserlo.

Assicurazione per pavimento bagnato

Ricorda che se qualcosa dovesse andare storto, l’assicurazione copre i danni a dipendenti e clienti causa pavimento bagnato, se la causa è accidentale e involontaria.

Troviamo opportuno precisare che secondo la giurisprudenza la compagnia assicurativa deve solo rilevare l’involontarietà del fatto, senza giudicare il grado di colpa del titolare, questo sta a significare che il risarcimento avverrà anche in caso di atto gravemente colposo, con la sola esclusione dei danni di matrice dolosa.

Share.

Commenta qui